Validato da Elena Garoni
Membro del Comitato Scientifico di kodami
Medico Veterinario comportamentalista
Basset Hound

Il Basset Hound è un segugio di origine europea, appartenente alla categoria dei cani da seguita. Il suo antenato è il Bloodhound, un cane con cui condivide ancora oggi le incredibili doti olfattive e altri aspetti della personalità. Il nome della razza è composto dal termine Basset, che descrive un’intera categoria di cani dalle antiche origini francesi, e Hound, che in inglese significa “segugio”.

A caratterizzare questo cane di taglia medio-grande, chiamato anche Bassotto gigante o Bassetto, sono soprattutto le zampe molto corte, il busto lungo e le orecchie lunghe e pendenti.

Il Basset Hound ha origini molto antiche, che risalgono al Medioevo. Il primo standard ufficiale è stato compilato in Inghilterra e, per questo motivo, viene considerato a tutti gli effetti un cane britannico dalla Fédération Cynologique Internationale (FCI).

Nonostante venga spesso adottato come cane da compagnia, il Basset Hound ha una grande personalità, un’insospettabile tenacia e un enorme desiderio di perlustrare ogni millimetro del prato che avete intorno a voi. Non ha importanza se lo ha analizzato con perizia ieri e il giorno prima ancora: il suo potentissimo naso scopre sempre odori nuovi.

Contrariamente a quanto si potrebbe credere, non è assolutamente un cane che si accontenta di una giornata pigra sul divano e, anzi, accompagna volentieri i suoi umani in ogni avventura che sia alla portata delle sue zampette.

Origine

Gran Bretagna

Standard

N°163 /27.01.2011

Gruppo 6: Segugi e razze affini

Sezione 1A – Cani da seguita

Aspetto

Il Basset Hound ha le zampe particolarmente corte, che fanno in modo che raggiunga al massimo i 40 centimetri di altezza, ma ha una struttura solida e resistente.

Le orecchie e il muso hanno la tipica forma allungata che caratterizza i segugi.

Gli individui adulti possono arrivare a pesare 35/36 chilogrammi, ma le femmine sono leggermente più leggere e raramente superano i 30 kg.

Alimentazione, cura e mantenimento

Nonostante non si tratti di una razza di taglia grande, la durata media della sua vita è di circa 10,5 anni. Questa razza, infatti, soffre di alcune patologie genetiche, determinate anche dal fatto di essere stato selezionato a partire da individui affetti da nanismo.

Motivazioni

Perlustrativa, esplorativa, affiliativa, di ricerca, epimeletica, comunicativa, collaborativa.

Amante di

Trascorrere il tempo senza fretta nella natura, soprattutto insieme ai suoi umani di riferimento, seguire odori e cercare ogni cosa sia nascosta.

Origini e storia

Le origini di questo cane sono antichissime e risalgono al Medioevo, quando i monaci francesi cominciarono ad allevare cani da caccia particolarmente bassi, che potessero tenere il muso sempre vicino al suolo, in modo da sentire con più facilità gli odori delle lepri e degli altri animali da tana.

La dimensione ridotta, inoltre, gli permetteva di entrare nei cunicoli scavati sotto la terra e, in caso di necessità, estrarne la preda.

Per ottenere questi risultati vennero selezionati alcuni cani affetti da nanismo di razza Bloodhound, anche detti cani molecolari o Chien de Saint-Hubert, dal nome del monastero Belga in cui venivano allevati inizialmente.

Oltre alle zampe corte, i Basset Hound hanno ereditato da questi cani altre tre caratteristiche, ovvero la pesantezza della struttura corporea, i ricettori olfattivi nettamente più sviluppati della media dei cani appartenenti ad altre razze e, soprattutto, l’ostinazione.

Questi segugi dalle zampe corte divennero molto popolari verso la metà dell’Ottocento, quando uno scultore francese, chiamato Emmanuel Fremiet mostrò le sue opere, che ritraevano i Basset Hound di Napoleone III, alla prima mostra di cani tenutasi a Parigi nel 1863.

Basset Hound
in foto: I Basset Hound di Emmanuel Fremiet (Fonte: Wikimedia Commons)

Nella seconda metà del XIX secolo, in Francia, venivano allevate due diverse varietà di Basset Hound, chiamate Basset Griffon e Basset Francese. Queste varietà mostravano differenze morfologiche e comportamentali e, mentre i primi avevano attitudini più simili ai Terrier, i Basset Francesi erano invece più pacati e lenti.

Questa seconda variante, che mostrava personalità più simili a quelle dei Basset Hound moderni, fu allevata soprattutto da due appassionati di nome Jean-Emmanuel Le Couteulx e Louis Lane, che diedero vita a due ulteriori linee di Basset Hound.

Una di esse era caratterizzata da arti particolarmente corti e leggeri e prese il nome di Basset D’Artois, mentre l’altra mostrava un corpo più pesante, zampe più dritte e l’aspetto più simile ai Bloodhound.

Ogni allevatore del tempo, però, favoriva soprattutto gli individui dalle migliori abilità venatorie perché, questo cane continuava a venire considerato un ottimo compagno per la caccia.

Fu solo verso la fine dell’Ottocento che l’Inghilterra cominciò ad allevare i Basset Hound con maggiore attenzione ed interesse per le loro buffe forme e per l’aspetto eccentrico, favorendo una morfologia più legata all’estetica che alla funzionalità e dandogli, inoltre, un ruolo più legato alla compagnia che alla caccia.

In questo momento della storia della razza, tutte le varianti vennero unite in un unico standard scritto proprio in Gran Bretagna. Fu così che, nonostante la maggior parte della storia del Basset Hound si sia svolta dall’altra parte del Canale della Manica, questo cane viene considerato Inglese.

Nonostante il Basset Hound mantenga i talenti olfattivi tipici dei segugi, al giorno d’oggi viene ormai adottato quasi sempre come cane da compagnia, eppure mantiene ancora il talento olfattivo tipico dei cani da seguita e il desiderio di individuare le piste, come gli veniva chiesto un tempo dai monaci medievali.

Questo cane dall’aspetto così inconfondibile ha catturato l’attenzione e la simpatia anche da parte del cinema. Alcuni individui di questa razza, infatti, sono divenuti famosi sugli schermi. Un esempio è Flash, il cane della nota serie televisiva "Hazard" e un altro è Cane, il Basset Hound del tenente Colombo.

Motivazioni (desideri e bisogni)

Basset Hound

Il Basset Hound è un cane la cui personalità viene spesso sottovalutata per via del nanismo che gli conferisce un aspetto buffo, ma il suo lungo e pesante corpo nasconde un’indole molto più vitale di quanto ci si potrebbe aspettare.

Come tutti i cani da seguita, infatti, ha un estremo desiderio di seguire le piste di odori, perlustrare gli ambienti naturali ed esplorarne ogni centimetro quadrato. Per farlo, ovviamente, sente il bisogno di muoversi libero dal guinzaglio.

Certamente non correrà come un Weimaraner o un Levriero, ma mentre lo si guarda trotterellare nei prati, non bisogna assolutamente sottovalutare la sua ostinazione. Con pacatezza e persistenza, il Basset Hound è in grado di mappare anche territori molto grandi, prima di sentire il desiderio di tornare da voi e di sonnecchiare sul divano di casa.

Non stupitevi, quindi, se durante la passeggiata sembra che sia perso nel suo universo, perché è davvero così: il Basset Hound, attraverso le abilità del suo enorme naso, vede cose che noi non vediamo.

A noi umani, più abili con la vista che con l’olfatto, non rimane che fidarci di lui e del fatto che, prima o dopo, tornerà sempre per guardarci con i suoi occhi grandi ed espressivi.

Questi aspetti della sua personalità sono di fondamentale importanza quando si sceglie di vivere con un Basset Hound. Ciò nonostante, negli ultimi decenni è stato spesso vittima di adozioni da parte di famiglie che lo sceglievano solo per questioni estetiche, sottovalutando, invece, i suoi bisogni e i suoi talenti.

Come tutti i cani abituati a lavorare in muta con i propri simili, il Basset Hound non ha problemi nel relazionarsi con altri cani ed è molto raro che generi conflitti. Preferisce, piuttosto, prendere i suoi spazi e chiudersi nel suo mondo fatto di odori.

Dalle attività venatorie, questo segugio ha ereditato anche una spiccata abitudine all’abbaio, molto utile secoli fa per segnalare la presenza della preda, ma potenzialmente scomoda per la vita moderna nelle città e nei condomini.

Si tratta di un cane a cui piace la serenità e la pacatezza. Anche all’interno dell’ambiente domestico, quindi, fate in modo di riservargli un luogo tranquillo dove poter andare quando non ha voglia di interagire con nessuno. Se invece sente il desiderio di coccole e contatto fisico, sarà proprio lui a chiedere di poter salire sul divano e farvi compagnia mentre lo accarezzate delicatamente.

Aspetto fisico

Basset Hound

Il Basset Hound non supera i 40 centimetri di altezza al garrese ma, nonostante ciò, un maschio adulto può arrivare a pesare 35 kg. Le femmine, invece, raramente superano i 30 chilogrammi.

Questo cane ha una corporatura estremamente possente e un corpo dal tronco particolarmente lungo e muscoloso.

Le zampe sono leggermente inclinate verso l’interno, ma non devono assolutamente complicare il movimento.

Quando vi rivolgete ad un allevatore di Basset Hound, prestate quindi particolare attenzione, perché per via del nanismo, questi cani potrebbero soffrire sia di dolori articolari che di difficoltà motorie. Scegliete un professionista che abbia a cuore il benessere degli animali e selezioni solo individui privi di patologie genetiche.

Non dimenticate, inoltre, che quando si sceglie di adottare un cane di una specifica razza, è possibile anche rivolgersi alle associazioni rescue, che si occupano di trovare famiglie adatte ad accogliere i cani vittime di abbandoni o maltrattamenti.

Le orecchie dei Basset Hound sono molto lunghe, morbide e dal pelo vellutato. La loro dimensione è data dal fatto che, quando il cane mette il muso a terra per sentire un odore, si inclinano formando una sorta di cono d’aria che permette di amplificare la percezione olfattiva.

La testa è di grandi dimensioni ed allungata, ma il muso non è appuntito. Il tartufo è quasi sempre nero e, se il cane ha il mantello chiaro, può essere anche marrone o color fegato.  Gli occhi sono scuri ed estremamente espressivi. Il labbro superiore, molto allungato, copre nettamente il labbro inferiore e i denti sono perfettamente perpendicolari alle mascelle.

Il collo è molto muscoloso, arcuato e con una pronunciata giogaia. La pelle è morbida ed elastica e forma numerose pieghe sul corpo, in particolare sul muso e sulle zampe.

La coda è piuttosto lunga e forte, affusolata e coperta di pelo ruvido.

Sul resto del corpo il pelo è liscio, corto e fitto. Non ha frange ed è generalmente di colore nero e bianco con focature, oppure bianco e arancio. Secondo lo standard ufficiale della FCI, però, è ammesso ogni colore.

Cura e salute

Questa razza, anche per via del nanismo da cui è affetto, può soffrire di numerose patologie genetiche, tra cui la displasia dell'anca e del gomito, due condizioni che possono essere molto dolorose. Inoltre, il Basset Hound, a causa della lunghezza del suo busto, è soggetto a malattie legate alla colonna vertebrale.

Bisogna pulire accuratamente le sue orecchie perché, a causa della loro lunghezza, possono essere soggette a otiti ed altre infiammazioni. Questa razza, infine, è soggetta anche all’atrofia della retina e all’entropion, ovvero la rotazione della palpebra verso la parte interna dell'occhio.

La pelle dei cani di questa razza è piuttosto rugosa e, all’interno delle pieghe, si possono nascondere batteri in grado di dare vita a fastidiose per il cane e potenziale fonte di cattivi odori. Per questo motivo, la sua pelle ha bisogno di cure particolari. Basterà preoccuparsi di passare, di tanto in tanto, un asciugamano inumidito con delicatezza sulla pelle intorno alle rughe più profonde.

Trattandosi di cani che talvolta conducono una vita piuttosto sedentaria, è bene ricordare che, come ogni altra razza, anche il Basset Hound necessita di uscite regolari e di una sufficiente quantità di attività motoria.

Inoltre è bene fornirgli una dieta equilibrata e sana, in modo da evitare che sia in sovrappeso, una condizione che potrebbe sollecitare eccessivamente le articolazioni.

Cosa fare con un Basset Hound

Il Basset Hound è un cane che ama avere a disposizione tempo sufficiente per analizzare con calma ogni odore e ogni luogo in cui si trova. Insieme a lui, quindi, potete fare lunghe passeggiate nella natura, senza farvi prendere dalla fretta.

Non dovete preoccuparvi degli incontri con gli altri cani, perché la presenza dei suoi simili per lui è una piacevole opportunità o, al massimo, un’occasione di poca importanza, ma difficilmente viene affrontata come un problema.

Con il Basset Hound si possono anche organizzare ricerche olfattive piuttosto complesse, che richiedano la capacità di superare ostacoli in linea con le sue possibilità motorie.

Svolgendo questo tipo di attività, infatti, si va incontro alle sue necessità e ai suoi talenti, favorendo anche la mobilità più fine.

Provate, ad esempio, a lasciare il vostro Basset Hound ad un altro componente della famiglia, mentre vi allontanate strisciando bene i piedi a terra nell’erba. Una volta percorsi circa 50 o 60 metri, depositate a terra un ossetto di cui va ghiotto e, prima di tornare da lui, create dei semplici ostacoli sul percorso come, ad esempio, dei rami da saltare. Quando gli date il via, il naso si fissa a terra, il muso si nasconde tra le lunghe orecchie e la mente viene catturata completamente da questa interessante sfida.

Se il vostro Basset Hound ha la possibilità di esprimersi liberamente nella natura, può anche accompagnarvi negli ambienti urbani ed attendere, sereno, mentre voi bevete un caffè con qualche amico.

Infine, questo segugio non disdegna nemmeno i giochi di attivazione mentale, che richiedono ostinazione e curiosità. Grazie a queste attività, il vostro cane può allenare il ragionamento, la riflessività e la memoria, prima di prendere posto accanto a voi sul divano perché, a differenza di altri cani da seguita, si stanca più facilmente.

Relazione e contesto ideale

Questo cane cerca una famiglia che ami andare nella natura, ma che desideri anche prendersi i propri momenti di relax all’ombra di un albero, senza restare in movimento tutto il giorno.

Come tutti i cani da caccia, anche il Basset Hound ha bisogno di convivere con persone che non siano ansiose, perché quando è libero dal guinzaglio ed è intento a perlustrare i campi, i prati o il sottobosco, può uscire facilmente dalla vostra visuale. Inoltre, non si può pensare di obbligarlo ad una vita senza libertà, perché  rischierebbe di intristirsi e diventare apatico.

Può convivere con i bambini, a patto che tutti i componenti della famiglia siano abituati a lasciarlo riposare serenamente nel suo luogo preferito e non invadano i suoi spazi. Si tratta di un cane estremamente paziente, ma è indispensabile che anche i più piccoli sappiano come toccarlo e soprattutto come non toccarlo, per evitare che si infastidisca. Inoltre, è sempre bene sorvegliare le interazioni tra i bambini e i cani, perché talvolta possono essere imprevedibili da entrambe le parti.

Essendo un cane da caccia, può riconoscere gli altri animali come potenziali prede. Se vivete anche con gatti o piccoli roditori, quindi, assicurate anche a loro luoghi tranquilli in cui il vostro Basset Hound non possa arrivare.

Può vivere tranquillamente in un appartamento senza giardino, ciò che è davvero importante, però, è la qualità del tempo trascorso passeggiando all’aperto con i suoi umani di riferimento.

Una giornata con un Basset Hound

Basset Hound

Il vostro Basset Hound si alza dalla cuccia per ultimo, solo quando ogni componente della famiglia è già a tavola per colazione. Mentre mangiate tutti insieme, si apposta proprio tra le vostre gambe, nel tentativo di raggiungere le briciole che cadono a terra senza dover fare troppo sforzo.

Vi preparate tutti per l’inizio della giornata e, quando i bambini escono di casa, voi e il vostro Basset Hound andare a fare un giro poco fuori città, dove potete giocare a fargli trovare la sua ciotola con il pranzo.

Scegliete un ambiente fresco e, mentre il vostro cane si muove libero, gli nascondete la ciotola nell’erba, poi lo chiamate e gli chiedete di cercarla.

Quando sente la vostra voce, si concentra immediatamente muovendosi su e giù nell’erba, con il naso a terra alla ricerca di quell’odore che conosce bene.

Fate questo gioco qualche volta al mese e, anche oggi, sembra divertirsi come sempre. Quando la trova, lo raggiungete e vi sedete al suo fianco finché non ha finito di mangiare. Gli riempite un’altra ciotola di acqua e poi tornate insieme verso casa.

Quando vi avvicinate al parcheggio, gli rimettete il guinzaglio, perché sapete che lì vicino c’è un bar e il vostro Basset Hound potrebbe seguire gli odori della cucina alla ricerca di un secondo pranzo.

Arrivati a casa, gli riempite la ciotola di acqua fresca e, mentre lui si sdraia sereno nella sua cuccia, voi vi preparate per andare al lavoro. Prima di uscire lo salutate con un grattino sul collo, che lui accoglie con piacere e poi torna a russare lentamente.

Quando tornate, vi accoglie scodinzolando con calma e poi trotterella verso il soggiorno, dove vi aspetta sul divano per il vostro momento quotidiano delle coccole.

Dopo pochi minuti arriva anche il resto della famiglia e il vostro Basset Hound corre subito ad annusarli uno per uno, nel tentativo di capire di più su cosa abbiano fatto durante la giornata.

Siete finalmente pronti per uscire tutti insieme a fare un giro al parco con i bambini e giocare a nascondino. Vi siete abituati a fare in modo che la persona che ha il ruolo di cercare gli altri sia sempre accompagnato dal cane, il quale, senza alzare il naso dal prato, è il primo a scoprire i nascondigli di ognuno.

Tornando a casa vi fermate a mangiare un gelato, prestando attenzione a scegliere un tavolo un po’ isolato,  per fare in modo che il vostro cane riesca a trovare un po’ di tranquillità. Dopo 5 minuti, infatti, si addormenta e si sveglia solo mentre vi state alzando.

Quando arrivate a casa gli preparate la ciotola e lui attende immobile, guardandovi con il suo sguardo serio che vi fa sempre sorridere.

Mentre cenate, il vostro cane è già sdraiato sul divano e, quando lo raggiungete, scoppiate a ridere, perché dovete spostarlo di peso. In vostra assenza, infatti, si era sdraiato per lungo senza lasciare alcuno spazio per voi.

Durante la serata si lascia coccolare da tutti, ma prima che il film sia finito, torna nella sua cuccia e vi guarda, con le orecchie stese al suolo e il naso ancora in movimento.