I cani con le orecchie lunghe hanno in comune un passato, e spesso un presente, da cacciatori. Questa particolare caratteristica infatti li rende più abili nelle attività di ricerca di una particolare traccia olfattiva. Le lunghe orecchie, che una volta messo il naso a terra sfiorano il suolo, permettono al cane di isolare l'odore, perché fungono da amplificatore e rendono questi cani ancora più eccezionali nel loro mestiere di abili fiutatori. Le motivazioni principali di questi cani sono quindi spesso legate a ciò per cui sono stati selezionati: le attività venatorie. Andiamo a vedere quali sono le razze di cani con le orecchie lunghe.

Bassett Hound

Primo classificato e imbattibile è proprio il Bassett Hound, cane di origine inglese che, nonostante le zampe piuttosto corte, è in grado di cacciare con abilità e tenacia anche nell'erba più alta. Se non hai dalla tua le lunghe zampe dei Weimaraner, devi trovare un altro talento su cui fare affidamento e questo cane lo ha decisamente trovato. Estremamente affiliativo, il Bassett Hound ha una forte motivazione esplorativa che lo porterà ad apprezzare le lunghe passeggiate insieme a voi, soprattutto se il tappeto olfattivo su cui camminate è ricco di odori. Forse vi servirà un po' di pazienza, ma con lui la vita è così. Se invece cercate qualcuno con cui correre, allora meglio puntare alle lunghe zampe del Weimaraner.

Motivazioni: affiliativa, predatoria, esplorativa, perlustrativa, collaborativa.

Beagle

Il Beagle è un segugio famoso per le sue grandi doti perlustrative. Difficile fare un'escursione nei boschi con un Beagle che passeggia accanto a voi, libero dal guinzaglio: starà più facilmente a centinaia di metri di distanza intento a valutare la presenza di animaletti nelle tane e, una volta trovate, abbaierà per avvisarvi della missione compiuta. Le sue orecchie particolarmente rotonde gli conferiscono un aspetto buffo che lo rendono un cane amato anche per la sua bellezza. Ma non fatevi intenerire troppo: è coraggioso, autonomo e può essere particolarmente ostinato. Nessun problema se abitate nella natura e non avete problemi se non torna al primo richiamo. Tornerà forse al secondo. Ma più probabilmente quando avrà finito di perlustrare l'ambiente circostante.

Motivazioni: affiliativa, predatoria, esplorativa, perlustrativa, collaborativa

Bracco Tedesco

Il Bracco Tedesco nasce dagli incroci con il Pointer, da cui ha ereditato il passo elegante. Il suo talento principale era quello della caccia con la rete. Il Bracco metteva in atto la sua leggendaria ferma fino all'arrivo del cacciatore che, in un attimo, gettava la rete sopra al pennuto per catturarlo. Con l'evoluzione delle tecniche di caccia, si è poi adattato agli stili più moderni, restando un affidabile compagno dei cacciatori. Questo bracco è estremamente affiliativo e può essere particolarmente fragile se lasciato senza una guida umana su cui fare affidamento. Esistono diverse varianti della razza, differenti per tipologia di mantello, il quale può essere lungo, corto ruvido o duro.

Motivazioni prevalenti: perlustrativa, esplorativa, collaborativa, affiliativa

Cocker Spaniel Inglese

Anche il Cocker Spaniel Inglese si muove liberamente tra i rovi e i terreni più impervi dei boschi e dei sottoboschi. La sua andatura è caratterizzata dalla coda in perenne movimento e dal passo agitato, mentre le lunghe orecchie sono ricoperte di pelo ondulato. Difficilmente mostra comportamenti avversativi verso l'uomo, che accetta con piacere grazie alla sua motivazione affiliativa. Ama l'acqua e generalmente non teme nuotare, anche perché in passato veniva utilizzato per la caccia in palude.

Motivazioni prevalenti: perlustrativa, predatoria, esplorativa, affiliativa, collaborativa

Cavalier King Charles Spaniel

Rispetto ad altre antiche razze di cani da caccia, il Cavalier King Charles Spaniel ha subito nei secoli una selezione più massiccia per mano dell'uomo che l'ha scelto sempre più spesso come cane da compagnia dandogli una forma molto diversa da quella originaria. Mantiene le antiche orecchie lunghe, ma la dimensione e la forma del cranio sono estremamente diverse e gli causano alcune patologie dolorose caratteristiche della razza. Questo cane di piccola taglia è molto affiliativo e non ama particolarmente il contatto eccessivo. Difficilmente si comporta in maniera avversativa con i suoi simili e con i compagni umani, questo anche grazie alla sua motivazione sociale che lo rende un cane adatto alle famiglie, soprattutto per chi ama passare il tempo libero all'aperto

Motivazioni prevalenti: affiliativa, esplorativa, cinestesica, possessiva, sociale

Grand Bleu de Gascogne

Un tempo questo cane di origine francese veniva utilizzato per la caccia al lupo in muta. Questo significa che per molto tempo sono stati selezionati individui in grado di collaborare con i propri simili con cui, ancora oggi, tende ad evitare i conflitti, a cui preferisce un bel giro libero dal guinzaglio tra i prati, i boschi e le campagne dove poter usare il naso. Viene considerato il capostipite dei segugi "du Midi", ovvero del Mezzogiorno (Il Sud della Francia), di cui è originario. Il termine "Bleu" nel nome vuole sottolineare il colore del mantello che, in parte, presenta riflessi blu. Il Grand Bleu de Gascogne ha davvero tanto bisogno di muoversi e di correre, fatelo con lui e sarete facilmente i suoi migliori amici.

Motivazioni prevalenti: predatoria, collaborativa, affiliativa, cinestesica, comunicativa

Segugio Italiano

Il Segugio Italiano si suddivide in due categorie per tipologia di mantello: a pelo raso e a pelo forte. Le lunghe orecchie, però, contraddistinguono entrambe le varianti. Si tratta di cani estremamente dediti al lavoro, in grado di portare avanti lunghe battute di caccia e per questo motivo vengono apprezzati dai cacciatori del nostro paese. Soprattutto in Centro Italia però, molti individui vengono smarriti o ceduti ai canili perché troppo anziani per svolgere il loro mestiere, oppure perché spaventati dai forti rumori degli spari. I Segugi Italiani, estremamente affiliativi, hanno quindi uno strano destino nel nostro paese, che li vede talvolta come strumenti di lavoro più che come compagni di vita con cui collaborare.

Motivazioni prevalenti: perlustrativa, esplorativa, affiliativa, predatoria, comunicativa

Saluki

I Saluki, cani estremamente antichi, venivano offerti come omaggio nella tradizione del Medio Oriente, dove era impossibile comprarli o venderli. I primi Saluki arrivati in Europa furono appunto un regalo da parte degli abitanti delle terre di origine di questi cani eleganti e slanciati, dalle orecchie ricoperte di un lungo pelo candido. Fanno parte della categoria dei levrieri e venivano utilizzati per la caccia in territori immensi come quelli tra la Persia ed il Mar Caspio, tra il Sahara e il Mediterraneo Orientale. I Saluki sono cani dalla costituzione esile, ma dalla salute di ferro. Uno dei particolari rischi in cui incorrono infatti, è la sensibilità all'anestesia, causata dalla bassa presenza di grasso corporeo. Mantengono una motivazione predatoria sviluppata ma sono silenziosi e rispetto ad altri levrieri, hanno una maggiore resistenza sulla distanza, pur non raggiungendo le velocità di altri sighthound, ovvero dei cacciatori "a vista".

Motivazioni prevalenti: predatoria, cinestesica, affiliativa, esplorativa

Spinone

Lo spinone è un cane di origine italiana. Il folto mantello lo rende un cane che non teme le basse temperature nemmeno in acqua. Ha un aspetto rustico e muscoloso, dimensioni grandi (il maschio arriva ai 70 cm) e mantiene le motivazioni tipiche dei cani da caccia: perlustrativa, esplorativa e collaborativa. Rispetto ad altre razze di origine italiana, è particolarmente abile nel riporto, grazie alla motivazione sillegica, tipica anche dei retriever come il Labrador e il Golden Retriever. Lo Spinone è inoltre molto affiliativo e ama tornare in casa dopo le lunghe passeggiate e stare con il gruppo familiare, a cui difficilmente crea disagi legati alla leadership.

Motivazioni prevalenti: cinestesica, predatoria, collaborativa, affiliativa, perlustrativa, sillegica

Weimaraner

Il Weimaraner porta la sua eleganza con inconsapevolezza. Rispetto ad altri cani selezionati per essere particolarmente belli agli occhi dell'essere umano, questo cane sembra infatti prendersi meno sul serio. Assume posture quasi impossibili sui divani di casa e fa ridere per l'espressività del muso. Il manto raso e argentato e gli occhi azzurri dei primi mesi di vita, non devono però convincervi che possa fare unicamente"la bella statuina". Il Weimaraner infatti ha bisogno di muoversi parecchio e preferibilmente libero dal guinzaglio o fuori dagli ambienti eccessivamente antropizzati. Questo grande bracco sarà felice di passare il tempo con voi: munitevi di un'ottima lunghina e di una pettorina adatta e scoprite i luoghi in cui poterlo vedere davvero felice e più elegante rispetto a quando è sul divano.

Motivazioni: predatoria, perlustrativa, affiliativa, cinestesica

Phalene

Il Phalene è una delle due varietà dell'Epagneul nano continentale.  Oggi è più famosa l'alternativa Papillon, che presenta grandi orecchie a forma di farfalla (da cui prende il nome). Il Phalene sembrerebbe essere tra le due la variante più antica. Selezionato con le orecchie pendenti (phalènes, in francese) che possono ancora presentarsi in alcune cucciolate di Papillon. In Italia non è molto diffuso, ma ha più seguito in Nord Europa, dove viene considerato un cane da compagnia dei più attivi e collaborativi. Le origini remote impediscono di risalire ai primi compiti svolti in compagnia dell'uomo, ma la passione per la caccia ai topolini può far sospettare che anche lui abbia nel curriculum un insospettabile passato venatorio.

Motivazioni: affiliativa, comunicatica, predatoria

Le più note razze inglesi, dagli eleganti cacciatori ai cani da compagnia

Cani bianchi: dal Maltese al Dogo argentino