17 Aprile 2021
11:00

Dal Levriero Afgano al Komondor: ecco i cani a pelo lungo

I cani a pelo lungo sono molto apprezzati per la loro bellezza, ma sono anche molto impegnativi, perché il loro lungo manto necessita di cure costanti. L'origine del pelo lungo è spesso data da una necessità di protezione dalle intemperie o dalla protezione dal caldo. Vediamo quali sono le razze di cani con il pelo lungo più famose e quali caratteristiche hanno.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
4 condivisioni
Immagine

I cani a pelo lungo vengono spesso apprezzati per l'eleganza conferita dal mantello, ma l'origine del pelo lungo è spesso data da una necessità di protezione dalle intemperie o dalla protezione dal caldo. Per questo motivo, tagliare eccessivamente il pelo al cane può rappresentare un grande rischio per l'animale, che perderà così parte delle sue possibilità di isolamento termico (sia dal freddo che dal caldo). Se da una parte questa caratteristica è di grande aiuto soprattutto per i cani selezionati per lavorare all'aperto, dall'altro può complicare le operazioni di pulizia e cura: sotto il lungo pelo si possono nascondere lo sporco ma soprattutto i parassiti (come le zecche), che risultano più difficili da individuare.

Prendersi cura del mantello del cane non è sempre facile e sarà più semplice se instaurerete con il vostro una relazione basata sulla fiducia, per cui non vivrà come un problema il contatto prolungato e la manipolazione e magari troverà addirittura piacere in questo momento di cura. Se sarete delicati e attenti,  imparerete ad osservare in che modo preferisce essere spazzolato e in poco tempo diventerà una routine piacevole. Attenzione agli eccessi di bagni e toelettature, il pelo del cane funge anche da termoregolatore e, se lavato troppo, rischia di rovinarsi, perdere lucidità o emanare cattivi odori. Ovviamente i cani a pelo lungo non necessitano tutti delle stesse cure e le tipologie di pelo sono molto diverse tra loro, andiamo a vedere quali sono e cosa li contraddistingue.

Levriero Afgano

Immagine

Il Levriero Afgano è un cane da caccia a vista che aiutava i cacciatori dell'Africa Nord Orientale e del Medio Oriente seguendo selvaggina anche di grandi dimensioni, come ad esempio l'antilope. Al giorno d'oggi viene considerato uno dei cani più eccentrici proprio per le caratteristiche del suo pelo lunghissimo e liscio, abbinate alle forme classiche del levriero: agile, snello ed elegante. Spazzolate il mantello di questo cane con delicatezza e prima di lasciarlo ad un toelettatore assicuratevi che il cane accetti la manipolazione da parte degli sconosciuti perché generalmente il Levriero Afgano non è un amante del contatto. E nemmeno degli sconosciuti.

Motivazioni prevalenti: predatoria, affiliativa, cinestesica, affiliativa.

Golden Retriever

Immagine

Il Golden Retriever è uno dei cani più diffusi nelle famiglie italiane e rispetto ad altri cani con il pelo di questa lunghezza non necessita di eccessive cure, in quanto il manto è autopulente. Districate i nodi, in modo che non si formino grumi di pelo e spazzolate con delicatezza e questo sarà sufficiente per rendere meraviglioso il pelo del vostro Golden Retriever che 10 minuti dopo probabilmente sarà di nuovo nel fango.

Motivazioni prevalenti: sociale, collaborativa, affiliativa, sillegica, epimeletica.

Border Collie

Immagine

Il Border Collie è un cane molto robusto e attivo, in grado di resistere facilmente anche sotto la pioggia o sotto la neve grazie anche al suo meraviglioso mantello. Questa caratteristica nasce ovviamente dalle sue origini. Sui confini (border, in inglese) tra l'Inghilterra e la Scozia, dove è indispensabile essere dotati di una buona protezione per le intemperie, il Border viene considerato un fuori classe della conduzione delle greggi. Il suo pelo non necessita particolari cure: una spazzolata ogni tanto sarà sufficiente e, se si fida di voi, apprezzerà molto le cure e non avrete bisogno di un toelettatore.

Motivazioni prevalenti: collaborativa, affiliativa, comunicativa, predatoria, cinestesica, possessiva, sillegica.

Komondor

Immagine

Questo antico pastore originario del Tibet ma considerato ungherese, è caratterizzato da un pelo lungo, fitto, infeltrito e cordato che nasconde uno strato di morbido sottopelo. Può sembrare complesso prendersi cura di un mantello così particolare, in realtà però il fatto che sia composto di grosse cordature permette di limitarsi a togliere i nodi, che potrebbero creare fastidio all'animale, e lasciare il pelo allo stato naturale. Ha mantenuto nei secoli il comportamento protettivo e territoriale che contraddistingue i cani da guardiania e apprezza la compagnia dell'umano di riferimento a cui si affida con piacere.

Motivazioni prevalenti: protettiva, territoriale, affiliativa, collaborativa, comunicativa.

Maltese

Immagine

Il Maltese è un gran cane in un piccolo corpo. La sua grandissima motivazione perlustrativa e cinestesica lo rendono uno dei cani più attivi tra quelli considerati da compagnia. Lui stesso non ama essere considerato unicamente un cane da divano e, anche se molti umani non saranno felici di saperlo, difficilmente amerà farsi infiocchettare. Prendersi cura del suo candido pelo potrebbe diventare particolarmente complesso se il Maltese decide che non lo fate come vorrebbe lui.

Motivazioni prevalenti: comunicativa, collaborativa, sillegica, perlustrativa, protettiva, predatoria, affiliativa, epimeletica, sociale.

Yorkshire

Immagine

Un bel salto quello che ha compiuto questa razza nei secoli: durante la rivoluzione industriale venivano considerati degli ottimi "derattizzatori" in grado di uccidere moltissimi roditori al giorno, mentre oggi è amato soprattutto come cane da compagnia per le famiglie che vivono in città e scelgono di acconciare il suo lungo pelo liscio con pettinature curiose. Attenzione però, la mancanza di sufficiente pelo sul corpo dello Yorkshire potrebbe causargli molti problemi nell'affrontare le alte temperature. Il pelo, essendo un modo per proteggersi dal caldo è quindi indispensabile in estate, contrariamente a quanto ci verrebbe da credere.

Motivazioni prevalenti: affiliativa, perlustrativa, esplorativa, territoriale, protettiva.

Bobtail

Immagine

Il Bobtail è un antico cane da pastore che secondo alcuni ha addirittura origini comuni con il pastore bergamasco, tra i più apprezzati cane da conduzione delle greggi di origine italiana. Il pelo che lo ricopre è abbondante, lungo e impermeabile, questo anche perché come molte altre razze inglesi necessita di essere protetto dalle copiose precipitazioni del clima britannico. Oggi viene considerato quasi sempre un cane da compagnia grazie alla dolcezza nelle relazioni che instaura con gli umani, ma un suo abbaio può far passare la voglia a chiunque di entrare nel suo territorio. Non ha ancora scordato completamente il lavoro con le pecore inglesi.

Motivazioni prevalenti: territoriale, affiliativa, collaborativa, protettiva, comunicativa.

Bearded Collie

Immagine

Il nome della razza dice già molto: Bearded infatti significa barbuto. Un commerciante polacco portò un giorno con sé due Bearded Collie in Inghilterra facendo innamorare così tanto i pastori di questa razza da spingerli a barattare alcune pecore pur di tenerli con sé. Molto simile al Bobtail, anche il Bearded ha origini probabilmente comuni con il Pastore Bergamasco con cui ancora oggi condivide la motivazione collaborativa e quella affiliativa, come anche una dedizione al lavoro in grado di soddisfare anche i pastori.

Motivazioni prevalenti: collaborativa, affiliativa, comunicativa, competitiva, cinestesica.

Barbone

Immagine

Il Barbone è tra tutti i cani con il pelo lungo quello che viene riconosciuto maggiormente per la caratteristica toelettatura che riceve. Mentre oggi il suo lungo pelo riccio viene rasato spesso per questioni estetiche, perdendo così in parte le possibilità di isolamento dal caldo e dal freddo, in passato questa pratica avveniva per diversi motivi. Il ciuffo di pelo sulla coda veniva mantenuto per individuarlo nell'erba alta, mentre il pelo nelle zone dei reni e dei polmoni veniva lasciato lungo affinché gli organi più delicati fossero protetti dal freddo delle acque in cui il Barbone veniva mandato dall'uomo a cacciare. Il posteriore veniva invece tosato per fare in modo che il corpo non si appesantisse troppo, rischiando di farlo affondare.

Motivazioni prevalenti: affiliativa, sociale, comunicativa, epimeletica ed et-epimeletica, collaborativa, predatoria, cinestesica, sillegica

Volpino di Pomerania

Immagine

Il Volpino di Pomerania, più amichevolmente “Poms”, è ricoperto da un morbido lungo pelo che lo fa assomigliare a una piccola nuvola. Il suo fitto pelo nasconde lo strato altrettanto folto di sottopelo, indispensabile un tempo, quando veniva utilizzato come guardiano dei villaggi. Questa piccola sentinella dalla voce acuta, ha infatti grande esperienza in fatto di controllo dei territori abitati dagli umani. Se avete mai vissuto con un Volpino di Pomerania, ve ne sarete sicuramente accorti. La Pomerania è una regione a Nord della Germania, affacciata sul Mar Baltico, dove il sotto pelo può sicuramente aiutare, soprattutto in inverno, quando le temperature sono meno clementi.

Motivazioni prevalenti: cinestesica, protettiva, territoriale, comunicativa, affiliativa, possessiva.

Avatar utente
Claudia Negrisolo
Educatrice cinofila
Il mio habitat è la montagna. Sono nata in Alto Adige e già da bambina andavo nel bosco con il binocolo al collo per osservare silenziosamente i comportamenti degli animali selvatici. Ho vissuto tra le montagne della Svizzera, in Spagna e sulle Alpi Bavaresi, poi ho studiato etologia, sono diventata educatrice cinofila e ho trovato il mio posto in Trentino, sulle Dolomiti di Brenta. Ora scrivo di animali selvatici e domestici che vivono più o meno vicini agli esseri umani, con la speranza di sensibilizzare alla tutela di ogni vita che abita questo Pianeta.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views