A cura di Maria Mayer
Membro del Comitato Scientifico di kodami
Veterinaria esperta in nutrizione del cane e del gatto

Si sa: anche se non lo vogliamo, le apparenze contano. Con l’alimentazione si può rendere il pelo del cane davvero magnifico e questo può essere importante per tante ragioni. In parte sicuramente si può voler rendere il pelo bello e lucente per una occasione in particolare. Penso ovviamente agli Expo, ma anche a matrimoni o altre cerimonie dove il nostro cane potrebbe partecipare come componente della famiglia.

Queste sono ottime ragioni estetiche, ma un pelo bello e lucente corrisponde spesso anche con un buono stato di salute e questa è ovviamente la parte più importante. Fra gli integratori alimentari che fanno bene alla cute e al pelo, troviamo infatti tanti anti-ossidanti e acidi grassi essenziali che, oltre agli effetti più facilmente visibili, fanno bene anche al sistema immunitario e a tanti altri organi.

Gli alimenti da eliminare per il benessere del pelo

Sempre più spesso cani e gatti hanno disturbi di cute e pelo legati all’alimentazione. In parte, questo accade perché cani e gatti sono allergici ad alcuni ingredienti degli alimenti. Questo porta ovviamente a infiammazione e prurito. Ci sono però anche altri motivi legati al cibo che possono dare un pelo scadente come ad esempio la bassa qualità delle materie prime di alcuni alimenti industriali. Conservazioni errate, come quando travasiamo le crocchette all’interno di grandi bidoni di plastica, possono dare luogo a perossidazione dei lipidi presenti e conseguenti problemi cutanei, a volte anche associati a diarrea e vomito.

Primo passo da fare quindi se il nostro cane soffre di pelo scadente, con forfora ad esempio, rossore o prurito è quello di cambiare alimento, facendoci consigliare dal nostro medico veterinario di fiducia per trovarne uno più adatto.

Vitamina E: la regina degli antiossidanti per il pelo per cane

Chiamiamo Vitamina E un gruppo in realtà di 8 composti liposolubili, di cui quello più comunemente utilizzato è l’alfa tocoferolo (α-tocoferolo). Esistono anche altri tocoferoli e tocotrienoli che fanno parte di questo complesso ad azione antiossidante liposolubile, ma per semplicità parleremo in questo articolo di Vitamina E. La Vitamina E è un antiossidante specifico per le membrane cellulari, che protegge dai radicali dell’ossigeno. Per questo, è estremamente salutare non solo per cute e pelo del cane, ma anche per il fegato che contribuisce a difendere da insulti tossici.

La Vitamina E si trova in moltissimi alimenti di origine vegetale. Essendo liposolubile sono soprattutto gli olii e i cibi grassi che la veicolano, per cui la troviamo ad esempio nelle nocciole, nelle mandorle e nell’avocado (ricordate che buccia, seme e foglie sono tossici di questo frutto, ma non la polpa). Anche l’olio di mais, quello di girasole e il più caro olio di germe di grano ne contengono grandi quantità.

Specialmente gli olii sono tutto sommato facili da aggiungere alla dieta dei nostri cani e gatti, anche se ovviamente con moderazione, viste le calorie. Altrimenti la Vitamina E possiamo darla anche come perle, essendo molto sicura e con scarsa/nulla tossicità nel cane. Sarà sufficiente iniziare circa 20-30 giorni prima il grande evento o fare di prassi 2 o 3 cicli l’anno di integrazione per garantire un pelo bello e lucente!

Acidi grassi essenziali Omega-3 per rendere lucido il pelo

Quando si pensa agli acidi grassi essenziali della serie Omega-3 per cane, bisogna specificare che si fa riferimento a due in particolare: EPA (acido Eicosapentaenoico) e DHA (acido Docosaesanoico). Questi due Omega-3 rappresentano le forme attive che nel cane, carnivori, sono le uniche effettivamente funzionali, al contrario dell’uomo e altri animali, che possono parzialmente convertire e utilizzare anche alcuni precursori di origine vegetale.

Gli Omega-3 per il pelo del cane dovremmo andare a cercarli quindi come estratti da pesce o krill, dato che quelli di origine vegetale saranno assolutamente inutili per il loro pelo. Anche in questo caso, possiamo scegliere di dare 1 o 2 pasti a settimana di pesce grasso, pescato e non allevato, dato con tutta la pelle, che è particolarmente ricca di questi nutrienti. Oppure possiamo scegliere una perla come integrazione funzionale, da realizzare anche questa almeno un mese prima del grande evento, oppure 3 o 4 volte l’anno a cicli di un mese. Quest'ultima modalità in particolare è quella che consiglio ai miei clienti per mantenere sani non solo pelo e cute, ma anche articolazioni, vista, sistema immunitario e sistema nervoso dei loro cani e gatti.

Dieta BARF per cani: cosa è, vantaggi e svantaggi

Quali snack possiamo o non possiamo dare al nostro cane

Cosa può (o non può) mangiare il gatto

Le informazioni fornite su www.kodami.it sono progettate per integrare, non sostituire, le indicazioni date dal veterinario di riferimento.