I cani con le zampe corte hanno quasi tutti un passato da grandi cacciatori e non si tratta assolutamente di un caso. Molte razze che nascono con le zampe particolarmente corte, infatti, derivano da una selezione da parte dell'uomo che ha scelto di privilegiare gli individui affetti da una patologia chiamata acondroplasia che impedisce la crescita di ossa lunghe. Questa particolare caratteristica morfologica permette ai cani di essere facilitati nella caccia all'interno delle tane, dove riescono ad entrare con più facilità per estrarre volpi, fagiani o topolini, diventando così ottimi compagni di caccia. Molti cani dalle zampe corte infatti, mantengono ancora oggi una forte motivazione predatoria legata proprio a queste attività. Ma esistono delle eccezioni, il Welsh Corgi ad esempio, nasce come cane da pastore e le zampe corte sono probabilmente da attribuire ad una maggiore possibilità di sfuggire ai calci dei bovini. Andiamo a vedere quali sono le razze con le zampe più corte:

Jack Russell Terrier

Il Jack Russell è davvero un cane coraggioso. Un tempo viveva a a stretto contatto con i cacciatori ma al giorno d'oggi viene spesso adottato da umani illusi di poterlo sfoggiare come un principe, un cane da compagnia da addobbare con fiocchetti e fiorellini. Forse il Jack Russell accetterà questo trattamento privilegiato, ma difficilmente tarderà a ricordarvi il suo essere anche un Terrier e quindi grande appassionato di buche, fango e di piccole e puzzolenti prede con cui dimostrare il suo passato da cacciatore. Ha una forte motivazione cinestesica che lo rende un cane davvero adatto a chi desidera passare il tempo libero passeggiando nella natura e non si spaventa nel vederlo tornare sporco di terra. Il Jack Russell è un amico per gli umani più che per i cani, con cui talvolta comunica utilizzando la sua motivazione competitiva e potrebbe così generare un terremoto. Non temete: esistono due strumenti magici per vivere in pace con un Jack Russell: coerenza e sicurezza. Se non sono le vostre doti maggiori, potrebbe proprio essere lui a insegnarvele. Il giorno che le riconoscerà in voi diventerete il suo riferimento.

Motivazioni prevalenti: predatoria, cinestesica, territoriale, perlustrativa, possessiva, competitiva, affiliativa, sociale (prevalentemente con gli umani).

Bassett Hound

La selezione di questi cani deriva dai cosiddetti "bassetti", ovvero i cani, come appunto il Bassett Hound e il cugino e antenato Bassett Artesian Normand, che mantengono la struttura ossea di un cane di media o grande taglia, ma sono affetti da acondroplasia (nanismo). Il carattere pacato che dimostra in famiglia cambia nettamente se messo nella situazione di dimostrare le sue abilità venatorie. Le lunghe orecchie e le unghie forti, infatti, completano il quadro di un cane che, contrariamente alle aspettative date dalla stazza, ha una sviluppata motivazione predatoria.

Motivazioni prevalenti: affiliativa, predatoria, esplorativa, perlustrativa, collaborativa.

West Highland White Terrier

Un'altra razza dalle zampe corte ma dal gran naso. Questo piccolo cane dal mantello bianco proviene dalle lande desolate della Scozia dove gli abitanti del luogo avevano bisogno di piccoli cani coraggiosi per inseguire le volpi e i ratti. I West Highland White Terrier, o Westie come vengono affettuosamente chiamati, mantengono ancora una grande reattività legata alla motivazione predatoria che li porta ad inseguire gli oggetti in movimento. Ama passare il tempo in compagnia del suo umano di riferimento, soprattutto se gli proporrà attività in linea con le sue spinte motivazionali legate all'utilizzo del fiuto.

Motivazioni prevalenti: predatoria, cinestesica, possessiva, competitiva, protettiva, affiliativa.

Dandie Dinmont Terrier

Un corpo basso e lungo che ricorda la forma di una donnola. Le zampe corte e forti. Il pelo impermeabile. La descrizione del Dandie Dinmont Terrier fa intendere che la sua provenienza è legata ad un territorio duro e ad un compito importante. Le zone rurali di confine tra Inghilterra e Scozia infatti sono caratterizzate da climi freddi e piovosi dove a questo cane veniva chiesto di cacciare con coraggio e indipendenza prede più grandi di lui come i tassi, animali che possono risultare pericolosi anche per cani di taglia molto più grande. La forte selezione da parte dell'uomo, che ha voluto creare un corpo particolarmente lungo, ha dato a questo cane qualche problema di salute. Il Dandie Dinmont Terrier infatti, soffre infatti spesso di patologie legate alla schiena.

Motivazioni prevalenti: competitiva, esplorativa, protettiva, cinestesica, predatoria.

Scottish Terrier

Lo Scottish Terrier è stato abilmente descritto in poche e serafiche parole nel XIX secolo da George Earl di Dumbarton, nobile della Scozia Occidentale che definì questo cane "un piccolo duro a morire". Le zampe e il busto di questa razza sono solidi, come spesso accade nei cani di origine scozzese. Si tratta di un cane dalla grande spinta cinestesica che oggi viene considerato da compagnia ma nasconde un carattere degno del suo soprannome: "Die hard", come il famoso film con Bruce Willis. Lo Scottish Terrier ama scavare buche e mantenersi in movimento costante. Munitevi di energia e ostinazione e andate a divertirvi con lui all'aria aperta, nella natura, senza preoccupazioni. Proprio questo è il contesto in cui lo Scottish Terrier vuole trovarsi.

Motivazioni prevalenti: perlustrativa, esplorativa, predatoria, comunicativa, cinestesica, affiliativa, protettiva.

Bassotto

Antiche urne funerarie egizie ritrovate pochi anni fa nei pressi de Il Cairo hanno dimostrato che già al tempo degli Antichi Egizi gli esseri umani venivano accompagnati da cani simili ai Bassotti. Al giorno d'oggi però, l'opinione pubblica riconosce ai tedeschi il merito della selezione di questa razza molto diffusa in tutto l'Occidente. Il nome tedesco Dachshund ricorda quali sono le prede per cui è stato selezionato questo cane: "dachs" in tedesco significa infatti tasso. Anche il bassotto, come altri piccoli cani da caccia, viene considerato oggi un cane da compagnia e viene frainteso o inibito se si lancia senza paura verso i rischi e gli ambienti sconosciuti. Uno dei segreti è quello di imparare a conoscere le sue passioni e accompagnarlo invece che proteggerlo: in questo modo, forse, ci si può guadagnare la sua fiducia.

Motivazioni prevalenti: perlustrativa, cinestesica, comunicativa, possessiva, esplorativa, affiliativa.

Bassett Artesian Normand

Il Bassett Artesian Normand ha caratteristiche simili a quelle del Bassett Hound. L'allevamento controllato di questa razza ha avuto origine intorno al 1870. A differenza di molti altri cani dalle zampe corte, questa razza è decisamente più socievole sia con gli esseri umani che con gli altri cani. Il muso assomiglia a quello dei bracchi, ma le zampe più corte e l'olfatto, che non è paragonabile a quello dei cugini dalle zampe lunghe come il Bracco italiano o tedesco, lo rendono adatto come cane da caccia in muta all'interno di territori più circoscritti. Sempre più spesso viene considerato un cane da compagnia per via delle sue dimensioni ridotte e l'aspetto simpatico ma sembra quasi avere una doppia identità quando trova un animale da inseguire e non sente più il vostro richiamo.

Motivazioni prevalenti: cinestesica, predatoria, perlustrativa, esplorativa, comunicativa, collaborativa.

Welsh Corgi

In Galles, territorio in cui è nato il Corgi, viene simpaticamente chiamato "panino" per la sua dimensione e per i colori che ricordano le fette di pane più o meno tostate. Questo cane è stato selezionato per avere il coraggio di fare il pastore di bovini, animali decisamente più grandi della sua stazza che raramente supera i 30 centimetri. Il nome gallese di questo cane è "Ci sodli" ovvero "garretto", proprio per ricordare l'abitudine del Welsh Corgi di puntare ai garretti delle mucche mentre guidava le mandrie o le sorvegliava e le difendeva durante le fredde notti gallesi. Inutile dire che anche a questo cane sembra che sia stato aggiunto in coraggio ciò che è stato tolto in altezza. Il talento del Corgi non si ferma però alla pastorizia: è molto abile anche nella caccia delle piccole prede, come topi o conigli ed è anche un'ottima sentinella in grado di fare la guardia ai territori.

Motivazioni prevalenti: predatoria, perlustrativa, territoriale, protettiva, possessiva, esplorativa, affiliativa.