Tra le tante storie che abbiamo raccontato su Kodami di cani che ci insegnano la loro forza d'animo, la capacità di superare le avversità e che diventano veri e propri maestri di vita degli umani che gli sono accanto, due sono gli individui che hanno particolarmente colpito i nostri lettori: Hiro e Piccola. Tutte le volte che abbiamo parlato di loro, infatti, sono moltissimi i commenti sui nostri account social (Facebook, Instagram, TikTok e YouTube) e anche i messaggi di supporto che ci arrivano per il primo, ancora in cerca di adozione, e per la seconda che vive oggi felicemente con la sua pet mate.

Hiro è un Pastore Tedesco di sei anni che, appunto, ancora aspetta la sua persona ideale. E' ospite all'oasi "L'emozione non ha voce" di Luigi Carrozzo a Napoli. Abbandonato dalla sua famiglia, incapace di comprendere perché era arrivato a rincorrersi la coda fino a ferirsi, sulla sua strada non si sono aperte e chiuse per sempre le porte di un box ma fortunatamente ha trovato accoglienza al "rifugio dal volto umano" dove è curato e amato da Luigi e seguito dalla nostra direttrice Diana Letizia (esperta in Etologia canina, Riabilitatrice e Istruttrice cinofila in formazione) che sta cercando per lui ancora una persona di riferimento che voglia davvero conoscere un cane eccezionale.

 

Piccola, invece, è la cagnolina della nostra Eva Fonti, veterinaria membro del comitato scientifico di Kodami, che proprio sulle nostre pagine ha raccontato la sua storia. La cagna era giunta nel suo ambulatorio di Scauri una mattina, portata da alcuni volontari che l'avevano recuperata in strada ferita dopo un terribile incidente. La fine di Piccola sembrava scritta: aveva una frattura vertebrale e se non fosse giunta da quella che poi è diventata la sua umana di riferimento sarebbe stata molto probabilmente condannata all'eutanasia. Eva, invece, l'ha curata e tenuta con sé e oggi Piccola fa parte della sua famiglia, vive serenamente sulle sue quattro zampe (tutte intere e funzionanti!), insieme a un'altra cagnetta che si chiama Chiqita e i due gatti Mya e Neo.

Eva è anche la veterinaria di riferimento di Hiro e il nostro Pastore Tedesco ha visto trasformarsi quella che doveva essere una visita di controllo in una splendida giornata fuori dal rifugio. Hiro ama le passeggiate, il mare, andare in macchina e anche, molto, la compagnia degli altri umani  e cani con cui condividere… dall'aperitivo a un pranzo al ristorante! Sì: questo Pastore Tedesco che fino a otto mesi fa non faceva altro che rincorrersi la coda e non riuscire a riposare, oggi è un cane che infonde tranquillità e serenità a chi gli è accanto e sa restituirle allo stesso modo. E' un cane semplicemente ideale per chi ha voglia di vivere in compagnia di un amico affidabile, sensibile, saggio e pronto a seguire il proprio umano di riferimento ovunque… basta che si sta insieme!

E se dunque una visita dal veterinario normalmente non è proprio la cosa più gradita ai nostri compagni cani, ecco che il momento clou di una domenica fuori dall'oasi di Luigi è diventato l'incontro con Piccola. L'accoglienza di quest'ultima è stata molto chiara sin da quando il Pastore Tedesco ha "osato" entrare in casa sua: «Entra pure ma sii educato!». Vedere due cani come loro, che erano condannati a un destino crudele, così bravi nel comunicare l'un l'altro è stato davvero uno spettacolo: Hiro ha subito rispettato gli spazi della sua nuova amica, presentandosi con educazione e mettendola a suo agio. Due sguardi e soprattutto le reciproche annusate come primo approccio sono infatti bastati per presentarsi e piacersi per poi andare insieme a fare una bella passeggiata sul lungomare di Scauri, dove vive Piccola con Eva Fonti, e condividere le loro opinioni su un mondo di odori che al loro naso devono essere interessantissimi: il vento che portava l'odore del mare, quel gatto che è passato poco distante da loro senza che nessuno dei due sembrasse dargli troppa importanza e l'erba ancora bagnata dalla pioggia della notte prima.

In questo mondo di tartufi che raccolgono informazioni, chissà quante cose si sono detti Piccola e Hiro. Magari la prima lo avrà rassicurato raccontandogli la sua storia, spiegando al Pastore Tedesco che ci sono persone che hanno davvero voglia di impegnarsi in una relazione prima di decidere di adottare un cane e magari infondendo così a Hiro ancora più fiducia in se stesso per un futuro che ci auguriamo, ancora una volta, possa portarlo davvero a trovare la persona adatta a lui. O, forse, a nome di Hiro è bene dire qualcosa di più corretto, rispetto a chi un giorno veramente vorrà conoscerlo: è lui che adotterà un umano, rendendolo sicuramente una persona migliore. Come Eva Fonti stessa, del resto, dice di sé quando parla della sua Piccola.

_____________

Per informazioni su Hiro:

Diana Letizia, direttrice di Kodami, esperta in etologia canina, istruttrice cinofila in formazione
Contatto diretto, solo telefonico al numero 3421418144