30 Ottobre 2021
9:14

Il gatto può mangiare cibo per cani?

Essendo un carnivoro stretto, il gatto potrebbe andare incontro a delle carenze nutrizionali molto gravi se mangiasse abitualmente cibo per cani. Vediamo quindi perché il gatto non può mangiare il cibo per cani, quali sarebbero le conseguenze, cosa fare se dovesse succedere e come impedirgli di farlo.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
48 condivisioni
Membro del comitato scientifico di Kodami
Immagine

Anche se a volte potrebbe risultare più semplice nonché più economico, è bene non dare in modo abituale cibo per cani al nostro gatto. In generale, il cibo per gatti è più appetibile di quello per cani. Inoltre i gatti sono "esseri superiori" ed è difficile che si sbaglino o che per errore mangino alimenti per cani, proprio perché hanno un sapore meno gustoso per loro. Ma se per qualche ragione il gatto non avesse accesso ad altri alimenti che non siano quelli per cani, potrebbe “per disperazione” accettare di mangiarli, arrivando però così a gravi conseguenze. Vediamo quali.

Perché il gatto non può mangiare cibo per cani 

Gatto e cane discendono entrambi da animali carnivori: gatto selvatico e lupo grigio rispettivamente. Nonostante questo, i due processi di domesticazione totalmente diversi per queste due specie hanno fatto sì che il cane e il gatto moderni abbiano sviluppato delle differenze ben chiare da un punto di vista nutrizionale. Mentre il gatto viene infatti definito carnivoro stretto, il cane lo chiamiamo carnivoro opportunista (alcuni persino onnivoro, ma su questo mi trovano in disaccordo).

Il fatto che il gatto venga definito carnivoro stretto fa riferimento soprattutto ad alcuni fabbisogni nutrizionali specifici della specie. Vediamo quali sono:

  • Taurina: il gatto, a differenza del cane, ha un fabbisogno molto alto di aminoacido taurina. Questo aminoacido, che si trova in grande quantità nella carne cruda soprattutto delle piccole prede naturali del gatto (come i topolini), non sempre viene addizionata negli alimenti per cani, poiché si ritiene che non sia essenziale per questa specie (anche se ultimamente qualche dubbio è stato avanzato in questo senso).
  • Acido arachidonico: per il cane, questo grasso, non è essenziale, ovvero possono produrlo a partire da altri grassi simili. Per il gatto invece l’acido arachidonico è un acido grasso essenziale, che normalmente si trova nelle pareti cellulari delle cellule animali in grandi quantità e che quindi il gatto non sa prodursi da solo. Poiché il cane non ha questa necessità, potrebbe non essere presente in adeguate quantità in un alimento destinato a questa specie.
  • Tenore proteico: dato che il cane resiste a tenori proteici animali inferiori a quelli del gatto, il cibo per cani potrebbe contenerne una quantità inferiore al minimo necessario per vivere di un gatto.

Per tutte queste ragioni, ma anche per altre “collaterali” come il tenore di fibre ad esempio, un gatto che mangi solamente cibo per cani potrebbe andare incontro a delle carenze molto gravi. Fra queste, in genere la prima a presentarsi in termini di sintomatologia, è la carenza di taurina, ma non è di certo l’unica. Avendo una sintomatologia subdola e per la maggior parte dei casi irreversibile, questa è la motivazione principale per cui qualsiasi Medico Veterinario vi sconsiglierà di dare cibo per cani al vostro gatto.

Cosa fare se il gatto mangia cibo per cani 

Abbiamo visto che le principali motivazioni per cui è importante impedire al vostro gatto di mangiare cibo per cani sono le carenze nutrizionali. Parliamo quindi di un processo che non è legato ad una tossicità acuta. Se il nostro gatto mangia quindi una volta ogni tanto qualche crocchetta del cane o dà una leccata alla sua ciotola, non succederà assolutamente nulla. Su questo posso tranquillizzarvi!

Quello che va invece assolutamente evitato è dare cibo per cani al nostro gatto stabilmente. Il gatto deve assumere infatti sempre il 90% delle calorie giornaliere almeno da cibo dedicato alla sua specie, completo e bilanciato. Se poi saltuariamente mangia qualcosina dalla ciotola del suo “vicino” di altra specie non succederà nulla.

Come impedire che il gatto mangi cibo per cani se vivono assieme

Come abbiamo già accennato sopra, è davvero difficile che un gatto mangi cibo per cani per scelta. Mi è capitato infatti nel mio lavoro di vedere (purtroppo!) situazioni molto gravi di carenza di taurina e altri elementi essenziali in gatti che vivevano con cani e venivano alimentati (per motivi economici o a volte anche solo di ignoranza delle conseguenze) con solo alimenti per cani. La motivazione quindi era che non avevano scelta: o mangiavano cibo per cani o non mangiavano. Il punto più importante quindi è non sbagliare mai noi!

Se però avete il vostro gatto che, in modo un po’ atipico, preferisce andare a frugare nella ciotola del cane, dovrete trovare modo di evitarlo.

Una soluzione molto semplice potrebbe essere quello di posizionare le ciotole in punti dedicati e controllare che il vostro cane finisca di mangiare. Se per qualche ragione il vostro cane è abituato ad avere crocchette sempre disponibili, la motivazione per cui il gatto va a rubare potrebbe essere proprio quella. Posizionando una ciotola con alimento per gatti secco sempre disponibile, in un punto rialzato dove solo il vostro gatto possa accedere, dovrebbe risolvere la situazione.

Una soluzione alternativa consiste nell’utilizzare una ciotola collegata al lettore di microchip. In questo modo, solo l’animale con il microchip selezionato può attivare l’apertura del coperchio e permettere il pasto. Fine dei litigi a quel punto, perché solo il destinatario potrà mangiare!

Le informazioni fornite su www.kodami.it sono progettate per integrare, non sostituire, la relazione tra il paziente ed il proprio veterinario.
Avatar utente
Maria Mayer
Veterinaria esperta in nutrizione del cane e del gatto
Sono laureata in Medicina Veterinaria ed ho conseguito un dottorato di ricerca riguardo l’utilizzo delle medicine non convenzionali negli allevamenti biologici. Il mio percorso di studi comprende, fra l’altro, un Master di II livello in Nutrizione del Cane e del Gatto e un secondi in PNEI e Scienze dalla Cura Integrata.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views