Quando è stata trovata, Bertha pesava oltre 27 kg. Una condizione che, per un cane della sua stazza, poteva mettere a serio rischio la sua salute. Per sua fortuna però, ha incontrato qualcuno pronto a fare di tutto per aiutarla.

Nel novembre 2019, Meredith Wille ha letto un annuncio sui social con la storia di Bertha, una cagna che è stata trovata in uno stato di abbandono e di grave obesità : «C’era questa foto spaventosa di un puggle tremendamente grasso. Ho sempre aiutato i cani feriti o sovrappeso, perciò ho pensato:“Come posso aiutare questo cane?”»

Meredith è un’educatrice cinofila, specializzata nei programmi di dimagrimento drastico: per questo, quando ha visto Bertha, si è sentita in dovere di aiutarla. Così le ha offerto ospitalità, per tutto il tempo necessario a riacquisire una dignitosa forma fisica. Appena Bertha è arrivata nel centro di riabilitazione di Meredith, è iniziata la sua dieta: tante proteine, zero grassi e ogni tanto un piccolo premio con pochi carboidrati. Dopo una settimana, Bertha ha cominciato anche un programma di allenamento fatto di lunghe camminate sul tapis roulant per bruciare calorie. All’inizio, dopo appena quindici secondi, è caduta a terra stremata: «Bertha proprio non ce la faceva, ho dovuto ingegnarmi come potevo».

Per agevolarla, Meredith ha riempito la vasca del tapis roulant fino all’orlo, così che Bertha potesse nuotare e non sentire tutto il peso del proprio corpo. Dopo pochi giorni, con questo metodo, Bertha ha cominciato a fare qualche passo sul tappeto: «Camminava per un paio di minuti, poi faceva una pausa e riprendeva, due minuti alla volta»

Bertha era così grassa da non entrare nemmeno nel giubbotto galleggiante, tanto che Meredith era costretta a tenerla lì dentro con una corda. La loro prima piccola grande vittoria è stata proprio questa: riuscire a chiudere la cerniera di quel giubbotto, dopo i primi tempi di duro lavoro.
Bertha ha dovuto affrontare anche diverse operazioni chirurgiche per rimediare ai danni che l’obesità aveva causato ai tendini delle zampe. Ma quasi un anno dopo, Bertha ha finalmente raggiunto il peso forma di 13 kg.

Meredith si è così affezionata a quella cagnetta dalla volontà di ferro che non solo ha deciso di adottarla, ma ha fatto di lei una compagna fissa nella riabilitazione di altri cani che arrivano nelle stesse condizioni che un tempo avevano rovinato la vita di Bertha: «Alcune volte viene e si siede accanto ai cani che stanno affrontando il trattamento. Sembra quasi dirgli: “Va tutto bene, ci sono io qui per te”

La metamorfosi di Kei: dall'abbandono alla nuova vita

La storia di Monty, il gatto con la sindrome di Down