Validato da Elena Garoni
Membro del Comitato Scientifico di kodami
Medico Veterinario comportamentalista

Il Chihuahua è sempre stato il favorito nei salotti e nella vita mondana: dalle principesse azteche alle star dei giorni nostri si è contraddistinto per le sue piccole dimensioni ma soprattutto per il suo carattere vivace e coraggioso. Pur essendo infatti un cosiddetto “cane da compagnia” non bisogna dimenticare che non va trattato come un peluche o un oggetto da portarsi dietro e da mettere in mostra. Il Chihuahua è un cane, semplicemente. E come tutti gli altri della sua specie merita rispetto da parte di chi lo sceglie come compagno di vita. Il consiglio, in fondo, è sempre lo stesso: mettersi davvero in relazione con lui, dando spazio ai suoi bisogni e ai suoi desideri. Anche se è il cane più piccolo del mondo.

Origine

Messico

Standard

Standard N°218 / 04.10.2019

Gruppo 9: cani da compagnia, Sez. 6 Chihuahua

Aspetto

Taglia minuscola con corpo armonioso e proporzionato. Ha la caratteristica testa a forma di mela con orecchie grandi ed erette ed occhi tondi e sporgenti. Le dimensioni dello standard prevedono solo il peso che varia da 0,5 a 2,5 kg. Il pelo può essere lungo o corto e ha grande varietà di colori.

Motivazioni

Affiliativa, sociale (soprattutto inter-specifica), comunicativa, epimeletica ed et-epimeletica, collaborativa, possessiva, predatoria,protettiva, cinestesica.

Amante di

Passare il tempo insieme al proprio umano, passeggiate non troppo lunghe, partecipare alla vita quotidiana familiare, stanare piccole prede.

Alimentazione, cura e mantenimento

Il Chihuahua è un cane veramente piccolo perciò bisogna assolutamente fare attenzione alla sua alimentazione per evitare di somministrare troppo cibo. È inoltre un cane molto sensibile alle basse temperature, perciò è importante evitare che prenda freddo. Se mantenuto in salute, è un cane piuttosto longevo.

Origine e storia

Le origini di questo microcane sono da ricercare in Messico e affondano le radici in tempi molto antichi. Il primo popolo a fare menzione di cani tipo il Chihuahua è quello dei Toltech, i quali allevavano cani molto simili ai piccoletti che conosciamo oggi. Probabilmente l'attuale razza è il frutto dell'incrocio tra questi cani primitivi e i “Perros Chihuahenos” importati dai conquistadores spagnoli.
Un'altra ipotesi pone le origini del Chihuahua tra le tribù azteche: pare che questi cani furono i compagni preferiti dalle nobili principesse che non se ne separavano mai. Sembra infatti che la civiltà azteca ritenesse questo “prototipo” di Chihuahua un animale sacro e adorato nelle cerimonie religiose, considerandolo una guida per i defunti nell'aldilà. Inoltre, grazie alle sue dimensioni e al suo smisurato coraggio era molto apprezzato come cacciatore di topi.
Sono moltissime le testimonianze figurative e scultoree di questi piccoli cani con occhi e orecchie importanti, discendenti dall'antichissimo cane messicano Xoloitzcuintle.
L'ascesa del Chihuahua subì un arresto durante le sanguinose conquiste spagnole, periodo in cui le invasioni europee deprivarono e massacrarono intere popolazioni di umani e dei loro cani. Fortunatamente alcuni piccoli superstiti si salvarono e ricominciarono a diffondersi nel Messico settentrionale allevati dai contadini che furono i primi ad introdurre la razza negli Stati Uniti, vendendo i cuccioli ai visitatori nordamericani. Da lì, ben presto, questi minicani incontrarono la curiosità e l'ammirazione del pubblico fino al 1904, anno in cui il Kennel Club riconobbe ufficialmente la razza, prediligendo la variante a pelo corto, lasciando nell'ombra quella a pelo lungo fino agli anni '30.

In Europa la sua comparsa è relativamente recente, il Chihuahua iniziò infatti a diffondersi solo dagli anni 50, in Inghilterra e Francia, ma è solo negli ultimi decenni che questo piccoletto ha conquistato la fama di cane delle star. Oggi, ritornando alle sue regali origini, è diventato il cane preferito dello star system, moltissime personalità dello spettacolo lo hanno scelto infatti come compagno di vita. Da queste star possiamo copiare le borse firmate, il trucco e i tatuaggi, ma non sempre come trattano i loro cani. Il chihuahua è molto di più di un accessorio.

Motivazioni (desideri e bisogni)

Quando si parla di cani, bisogna sempre ricordarsi che si parla di animali, e in quanto tali, con necessità e motivazioni ben precise che non bisogna mai ignorare né sottovalutare. Questa premessa, purtroppo, è necessaria per un cane come il Chihuahua, troppo spesso privato della sua natura a causa delle sue piccole dimensioni e del suo buffo aspetto fisico.
Il Chihuahua è forse attualmente riconosciuto come uno dei più diffusi cani da compagnia, un lavoro apparentemente semplice rispetto ai possenti cani da guardiania o ai velocissimi segugi, ma non dimentichiamo quanto possa essere difficile incarnare l'esempio perfetto di compagno di vita. Se si sceglie un Chihuahua non bisogna mai fare l'errore di considerarlo un peluche da tenere nel passeggino magari con un bel maglioncino addosso (anche se fuori ci sono 20 gradi!).

Il Chihuahua è molto più di questo: le sue motivazioni affiliativa e sociale interspecifica lo rendono un compagno perfetto con cui condividere le giornate e le esperienze. Seppur di piccole dimensioni ha un gran carattere e adora vivere a stretto contatto con la sua famiglia umana. Attenzione: ama custodire gelosamente le sue risorse, che siano il posto sul divano, il gioco o la sua persona preferita. Non è giusto farsi beffe della loro motivazione possessiva e protettiva solo perché sono minuscoli: dobbiamo imparare a rispettare i loro desideri anche per il coraggio e la determinazione con cui li manifestano.
Con i cani va un po' meno d'accordo ma se lo mettete vicino ad un cane, anche grande ma gentile, sarà uno spasso vederli giocare insieme. La loro motivazione comunicativa è molto sviluppata: sono capaci di emettere svariate sequenze di abbai, mugolii e ringhi per farvi capire cosa hanno in testa, il tutto accompagnato da una serie di posture e movimenti molto eloquenti. La motivazione collaborativa e quella etepimeletica lo rendono inoltre una presenza costante: adora stare in compagnia del suo compagno umano, fare cose insieme e prendersene cura. Ricordiamo anche che i Chihuahua sono cacciatori, quindi esprimono bene la loro motivazione predatoria e cinestesica nelle campagne e nei boschi, senza mai perdervi d'occhio.
Possiamo dire quindi che il Chihuahua è un piccolo grande cane, spesso frainteso e sottovalutato, con un potenziale tutto da scoprire.

Le motivazioni del cane: i desideri e i bisogni

Aspetto fisico

Il Chihuahua è il cane più piccolo del mondo, con un peso di circa 1,5 kg ed un'altezza che varia dai 15 ai 25 cm. Ha corpo minuscolo ma armonioso, più lungo che largo, robusto e compatto. La testa ha una caratteristica forma “a mela”, tonda e ampia, con orecchie grandi ed erette ed occhi tondi e sporgenti dall'espressione vispa e intelligente.
Gli arti sono diritti con buon appiombo e la coda media, dritta o a semicerchio. Il pelo può essere corto o lungo, sono ammessi tutti i colori e tutte le combinazioni che variano dal bianco al fulvo, dal marrone al nero focato.

Cura e salute

Il Chihuahua è un cane molto piccolo ma relativamente robusto. Però, come tutte le razze molto “manipolate” dall'uomo, può soffrire di alcune patologie e occorre prestare molta attenzione alla sua salute.
Innanzitutto, se proprio lo dovete comprare, evitate negozi malfamati, allevatori multirazze senza scrupoli e subdoli annunci su internet. Tutti i cani, ma in particolari quelli di taglia piccola, sono le vittime preferite dei commercianti delinquenti. La moda, che li vuole sempre più piccoli e con la testa sempre più tonda, causa displasie, fragilità ossee e perfino idrocefalo, per la ricerca dissennata della tipica testa a mela. Anche se li comprate da allevatori professionisti, nessuno potrà garantirvi la piena salute.

Tra le patologie più comuni possiamo trovare la displasia della rotula, che può essere sia di natura congenita che traumatica, lesioni al legamento del ginocchio e necrosi della testa del femore, tutti problemi a carico dell'apparato articolare e scheletrico che possono comunque essere trattate con adeguate terapie.
Anche gli occhi del Chihuahua rappresentano un suo punto debole: essendo così grossi e sporgenti sono soggetti a irritazioni e infezioni, per questo vanno sempre tenuti puliti. Un'altra patologia che può colpire la vista del Chihuahua è l'atrofia progressiva della retina, malattia genetica che può essere identificata con un esame preventivo.
Il Chihuahua è inoltre un cane molto sensibile alle temperature estreme e agli sbalzi, bisogna sempre fare attenzione che non rimanga a lungo al caldo o al freddo per evitare di incorrere in spiacevoli situazioni.
Elemento importante è anche l'alimentazione: un cane così piccolo deve essere nutrito con grande attenzione per evitare il sovrappeso, per questo è necessario seguire una buona ed equilibrata alimentazione e garantirgli la dose giusto di movimento.

Cosa fare con un Chihuahua 

Il Chihuahua è uno dei più amati cani da compagnia, è piccolo, vivace, simpatico ed estremamente leggero. Per questo motivo sono i compagni ideali per tutti, dal giovane single, alla famiglia, alla signora anziana. Con un Chihuahua si hanno possibilità quasi infinite: vi accompagnerà volentieri a fare le vostre commissioni cittadine, a prendere un caffè, a fare shopping ma starà anche a casa, felice di condividere con voi un tranquillo pomeriggio sul divano.

Ma vi darà anche soddisfazione se deciderete di fare una bella passeggiata nella natura: seppur piccino sarà felice di riscoprire la sua natura “da lupo” e si divertirà molto a seguire tracce e scoprire l'odore del bosco.Attenzione però, non dimentichiamoci di offrire al nostro Chihuahua la vita di cui un cane ha bisogno: portiamolo con noi ma non nel trasportino o in borsa, troviamo una pettorina comoda e un bel guinzaglio sicuro, diamogli la possibilità di esplorare il mondo senza trascinarlo come fosse un trolley e rispettiamo i suoi spazi.

Relazione e contesto ideale 

Il Chihuahua è un cane con altissima motivazione affiliativa, perciò ha bisogno di condividere la sua vita con quella dei suoi compagni, preferibilmente umani. Senza dubbio il contesto ideale per questo “topolino messicano” non è tanto un luogo, quanto la persona con cui passare il tempo; non ama restare da solo per molte ore, per questo sarebbe importante riuscire a ritagliarsi momenti da condividere, oppure dargli la compagnia di un cane, preferibilmente un altro Chihuahua.

Questi piccoletti sono felici quando possono vivere a stretto contatto con voi e, grazie alle loro dimensioni, non sarà difficile poter soddisfare questa esigenza: stanno dappertutto, non servono macchine enormi o grandi giardini: a loro basta la compagnia e ovviamente poter fare esperienze “da cane”. La vita con i bambini potrebbe essere un po' complicata: i giovani umani troppo spesso non capiscono i limiti e i messaggi che i cani rivolgono. Il Chihuahua è un cane fiero ed esige rispetto, non va trattato come un pupazzo e non esiterà a farvelo capire, con un ringhio o con una bella pinzata. Per questo, bisogna sempre educare la prole al rispetto e alla gentilezza.

Una giornata con un chihuahua

È mattina e il vostro Chihuahua vi viene a svegliare festoso, con leccatine e piccoli abbai acuti, finché non decidete di alzarvi e ricambiare le coccole mattutine. Vi segue trotterellando in cucina dove fate una bella colazione, seguita dalla preparazione per uscire. Lui vi segue meticolosamente non perdendo nemmeno un attimo, sa già che appena infilerete la giacca, lui indosserà la pettorina (e un caldo cappottino nei giorni più freddi dell'inverno) e partirete alla scoperta del mondo!
Appena usciti inizia ad esplorare e cammina orgoglioso di fianco a voi, accompagnandovi a prendere il caffè al bar, per poi arrivare al parco. Lo lasciate libero perché non c'è ancora praticamente nessuno, meglio evitare se il prato è già occupato dai tanti cani della zona. Lui non va particolarmente d'accordo con i suoi simili e non esita a farglielo capire, persino a quell’Alano che abita poco distante da voi!

Dopo la passeggiata si ritorna a casa e ci si prepara per il lavoro: lui è così piccolo che avete la fortuna di poterlo portare con voi. È sempre felice di accomodarsi sulla morbida cuccia sotto la vostra scrivania, ma bisogna fare attenzione: non sempre ha piacere di ricevere visite e carezze e voi avete il compito di avvisare gli incauti umani di non disturbarlo. La giornata passa veloce e si ritorna a casa, non prima di aver fatto un'altra lunga passeggiata compresa di giro tra le vetrine: il Chihuahua adora condividere con il suo umano di riferimento anche lo shopping e voi fate sempre attenzione a non tirarlo e a rispettare le sue esigenze facendolo annusare ed esplorare. Al ritorno a casa, è tempo di preparare la cena per entrambi e poi accomodarsi sul divano a godersi un bel film in compagnia di questo piccolo principe azzurro messicano.

https://www.kodami.it/cani/razze-canine/