4 Febbraio 2024
9:00

6 razze di gatti che vanno d’accordo con i cani

Persiano, Maine Coon, Certosino, Sacro di Birmania, Orientale e Siamese: sono queste alcune delle razze di gatti che più vanno d'accordo con i cani. Attenzione però: l’appartenenza a una razza non è mai garanzia dei comportamenti.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
1 condivisione
Membro del comitato scientifico di Kodami
Immagine

Cani e gatti non sono nemici giurati e questo è testimoniato dalle numerose, felici convivenze in famiglie multispecie. Tuttavia le differenze individuali sono molto più importanti dell’appartenenza di razza. Cosa significa? Che nell’ambito della stessa razza possiamo incontrare gatti con disponibilità e predisposizione a stabilire una relazione con un cane molto diversi l'uno dall'altro. Alla domanda "quali razze di gatti vanno più d'accordo con i cani", dunque, non si può dare una risposta netta che comporterebbe una semplificazione di quella che in realtà è una questione complessa.

Proviamo dunque a tracciare un elenco di razze che, in teoria, potrebbero andare d’accordo con i cani, ben sapendo che quanto segue rischia di restare una mera speculazione intellettuale, proprio perché le variabili in gioco nel determinare il successo o meno della convivenza sono tante e non tutte relative al cane e al gatto di turno di per sé.

Le razze di gatti che vanno d'accordo con i cani

Tra gli elementi che determinano se cane e gatto possono andare d’accordo, oltre alle caratteristiche dei singoli individui, ci sono l’ambiente fisico in cui gli animali vivono e i contributi alla relazione e al sistema sociale di tutti i membri umani della famiglia.

Del resto, questa complessità emerge anche se invertiamo la domanda e ci domandiamo quali siano le razze canine che vanno più d’accordo con i gatti. Possiamo stabilire un elenco grossolano ma qualunque professionista serio vi metterebbe in guardia rispetto al fatto che l’appartenenza ad una razza non è mai garanzia dei comportamenti che poi si svilupperanno, soprattutto in tema di relazioni.

Persiano

Il Persiano è un gatto docile, molto tranquillo e non particolarmente attivo. A lui si confanno cani che condividono la sua pacatezza e che potrebbero rappresentare uno stimolo ad uscire dall’aurea “zen” e sin troppo sorniona che a volte lo caratterizza.

Maine Coon e razze nordiche in generale

Il gigante buono, come viene definito il Maine Coon  da alcuni, è un gatto giocoso e allegro che, soprattutto se ha modo di socializzare con un cane in età precoce, può includerlo con facilità nella sua crew di partner sociali. Lo stesso dicasi per le altre razze nordiche (Siberiano e Norvegese) che condividono molti tratti di socievolezza con il Maine Coon.

Sacro di Birmania

Gatto equilibrato, docile ma aperto e giocoso, il Birmano potrebbe godere della compagnia di un cane se si ha la sensibilità di procedere per presentazioni graduali. Magari non amerà necessariamente condividere i momenti di gioco o di riposo con il cane ma, in un ambiente favorevole, saprà ritagliarsi i suoi spazi senza sentirsi minacciato o invaso dall’altro.

Certosino

Il Certosino è un gatto flemmatico, disponibile all’interazione ma senza eccessi. Potrebbe non gradire particolarmente le attenzioni di un cane chiassoso e vivace ma ha la giusta dose di distacco per stabilire delle strategie di convivenza basate sulla tolleranza.

Orientali e Siamesi

Per quanto l’accoppiata potrebbe suonare strana vista l'esuberante personalità di Siamesi e Orientali, proprio per via della loro propensione a relazionarsi, questi gatti potrebbero creare un clima allegro e un po’ caotico, accoppiato col cane giusto. Un cane sereno, serafico e capace di tollerare le loro piccole angherie da gatti che vogliono avere sempre l’ultima parola!

È vero che cani e gatti non vanno d’accordo?

Cani e gatti possono andare d’accordo ma affinché questo accada è necessario che si intersechino tutta una serie di condizioni a favore. Ambienti inadeguati, interazioni stressanti o imprevedibili, mancanza di attività, problematiche comportamentali pregresse, errori di gestione sono solo alcuni degli elementi che possono inficiare la relazione.

Come far vivere insieme cani e gatti

Al contrario, per facilitare la costruzione di relazioni armoniose, è innanzitutto necessario capire se si ha lo spazio fisico adatto per ospitare entrambe le specie, ciascuna con le proprie esigenze; inoltre si deve avere il tempo da dedicare a ciascuno, in maniera congrua alla personalità.

Altrettanta attenzione deve essere riposta alla socializzazione precoce: al di là di qualunque strategia di inserimento, il fattore che più di ogni altro facilita l’incontro tra cani e gatti e che questi abbiano avuto modo di familiarizzare reciprocamente sin dalle prime settimane di vita.

E poi, come abbiamo già ribadito, c’è il fattore relazionale legato alle dinamiche familiari: prima di aspettarsi che cani e gatti davano d’accordo siamo chiamati a rispondere alle domande: “il mio cane ha una vita appagante? Il mio gatto ha una vita appagante? Il cane e il gatto hanno modo, pur convivendo, di continuare a godere in autonomia dei loro spazi, fisici, di tempo e relazionali?”. Se sì, allora siete (solo) all’inizio del viaggio.

Avatar utente
Sonia Campa
Consulente per la relazione uomo-gatto
Sono diplomata al Master in Etologia degli Animali d'Affezione dell'Università di Pisa, educatrice ed istruttrice cinofila formata in SIUA. Lavoro come consulente della relazione uomo-gatto e uomo-cane con un approccio relazionale e sono autrice del libro "L'insostenibile tenerezza del gatto".
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social