Un senzatetto stava strangolando e malmenando il suo cucciolo fino a lanciarlo in aria verso un camion dell'immondizia parcheggiato nelle vicinanze: quando l'agente Joshua Weskamp del Dipartimento di Polizia di Fresno ha risposto a una chiamata per maltrattamento animale non si aspettava di trovarsi davanti a una scena tanto terribile e crudele.

Weskamp ha immediatamente capito che il cucciolo poteva ferirsi seriamente (o peggio, non sopravvivere) per cui si è precipitato a liberare l'animale dalle mani del suo aggressore e ha allertato la Centrale per avere supporto nell'arresto del senzatetto e portare il cane presso una struttura apposita.

Il cucciolo, di soli cinque mesi di vita, è un mix tra un Labrador e un Pitbull e ha catturato il cuore dell'agente sin dal primo istante. Weskamp non riusciva a smettere di pensare al piccolo, agli abusi che doveva aver subito e a quanto sarebbe stato difficile per lui vivere in un canile. Per cui si è costantemente tenuto informato con il volontari del Central California SPCA, intervenuti per prendersi cura del cane, i quali erano commossi dall'interesse dell'agente.

Dopo che il senzatetto aveva ricevuto la punizione che meritava, Weskamp si è detto interessato ad adottare il cucciolo che aveva salvato, ma le cose non si sono rivelate semplici: secondo il giudice incaricato di esaminare il caso, il cane risultava essere la prova fondamentale per l'incriminazione del senzatetto e non poteva essere adottato finché le indagini non fossero finite.

Dopo due lunghi, interminabili mesi, l'agente è riuscito a completare le pratiche d'adozione e ha deciso di dare al cucciolo un nome molto significativo: Leo, acronimo di Law Enforcement Officer.
Ecco il video di Leo mentre lascia il canile insieme al suo nuovo umano, Joshua.