A cura di Sonia Campa
Membro del Comitato Scientifico di kodami
Consulente per la relazione uomo-gatto

Il Canadian Sphynx, detto anche semplicemente SphynxGatto nudo o Gatto sfinge è un gatto di taglia media portatore di una mutazione spontanea recessiva che provoca l’assenza di pelo del mantello.
La pelle si presenta rosa o a macchie, a seconda della colorazione del gatto per il quale sono previste numerose varianti.

Data di origine

1978

Luogo di origine

Stati Uniti / Canada

Aspetto fisico

Taglia media, torace largo e arrotondato, grandi orecchie, con peluria leggerissima e pochi ciuffi su muso, orecchie, piedi e punta della coda

Peso

4-6kg i maschi

3,5-5kg le femmine

Temperamento

Attivo e curioso

Incroci con altre razze

Nessuna (in Europa)

Standard

SPH – IV categoria FIFé

Origine e storia

In un certo modo, lo Sphynx è sempre esistito nel senso che a provocare l'assenza di pelo è una mutazione spontanea che si è presentata ripetutamente lungo la storia evolutiva del gatto domestico. Questo tipo di mutazione è sempre però scomparsa nel giro di una generazione perché legata ad un gene recessivo. Inoltre perché non porta, concretamente, ad alcun vantaggio per il gatto, anzi lo rende più vulnerabile agli agenti esterni.

Ufficialmente, la razza inizia ad essere selezionata nel 1971 in Wadena, Minnesota e in Europa  nel 1978 per iniziativa di Hugo Hernadez che ne ha avviato l'allevamento a partire da due gattine senza pelo, Punkie e Palma, importante dall'Ontario. La prima ufficializzazione della razza da parte delle associazioni di allevatori americane, tuttavia, risale solo al 1983 e al 2001 da parte della FIFé in Europa.

Aspetto fisico

Lo Sphynx è un gatto senza pelo che non lascia indifferenti non solo per l'aspetto glabro ma anche per le sensazioni tattili che restituisce. E' comune che le persone esclamino “sembra di accarezzare una pesca!”. La mancanza di pelo non è necessariamente integrale ma può presentarsi come una millemetrica peluria diffusa su tutto il corpo, oppure come residui di ciuffi su naso, coda, piedi, testicoli e parte esterna del padiglione auricolare. E' un gatto di taglia media, dotato di enormi orecchie che gli conferiscono un aspetto vagamente alieno e posizionate su una testa a forma di cuneo smussato, con contorni arrotondati, leggermente più lungo che largo e con una lieve o moderata interruzione (‘stop’) sul ponte nasale. Il mento è forte, gli occhi a forma di limone, vibrisse e sopracciglia possono essere inesistenti o spezzate. La coda è lunga e affusolata e a guardarla può ricordare, molto ironicamente, quella di un topo.

I maschi pesano tra i 4 e i 6 kg mentre le femmine tra  3,5 e i 5 kg.

Sono ammessi i colori (che corrispondono a macchie sulla pelle), ovvero bianco, nero, blu, chocolate, lilac, cinnamon, fawn (sia solidi sia agouti, con o senza bianco), rosso, crema, squama di tartaruga (solidi o agouti, con o senza bianco) e le colorazioni point (solidi o agouti, con o senza bianco).

Temperamento

Quando si parla di Sphynx non si può evitare di mettere in correlazione tutto il suo essere – e quindi anche il suo comportamento – con la sua condizione genetica di gatto senza pelo. Se non è pensabile che una selezione tanto recente possa aver stravolto il comportamento della razza, è indubbio che ne condizioni lo stile di vita e le abitudini. Gli Sphynx sono gatti attivi, giocosi, ottimi predatori ma – forse proprio per lo stress termoregolativo cui è sottoposto il loro organismo a causa dell'assenza di pelo – sono anche gatti di ottimo appetito e che amano oltremodo il contatto fisico con il loro compagno umano, dormirgli addosso e farsi avvolgere dal suo corpo. In termini di socializzazione, richiedono come tutti i gatti di essere esposti sin dalla più tenera età ad una varietà di persone e di situazioni onde sviluppare un carattere fiducioso e sicuro.

E' importante anche abituare i micetti sin da piccoli a tollerare di buon grado pratiche di pulizia quotidiane della pelle e delle orecchie attraverso detergenti neutri perché queste sono zone in cui si accumula facilmente il sebo secreto dalle ghiandole sebacee e che conferisce al derma un'untuosità naturale.

Salute e cura

Anche in riferimento alla salute dello Sphynx non si può prescindere dalla sua particolare condizione. Si tratta di un gatto senza pelo che soffre gli sbalzi di temperatura per cui, in caso di uscite invernali, può essere una buona idea coprirlo con appositi cappottini o coibentare il trasportino. D'altra parte, nella stagione calda, in caso di esposizione diretta ai raggi solari, è consigliabile proteggere la pelle delicata da dolorose scottature che possono trasformarsi nel tempo in tumori cutanei.

La cura della pelle e delle orecchie deve diventare pratica quotidiana, così come quella di occasionali lesioni del derma dovute a graffi o screpolature. Per detergere la pelle e sgrassarla dal sebo prodotto è possibile usare un panno morbido e un detergente neutro. E’ bene non eccedere con abluzioni e prodotti cosmetici perché lavaggi aggressivi potrebbero alterare il Ph naturale delle pelle e aprire la strada a dermatiti e altre reazioni immunitarie. Questo diventa ancor più urgente considerando che l’assenza di mantello espone lo Sphynx a varie malattie della pelle tra cui l’orticaria pigmentosa.

Sul piano genetico la razza è particolarmente vulnerabile alla cardiomiopatia ipertrofica (HCM) per cui, in Italia, è obbligatorio lo screening sui riproduttori. Questo significa non solo che è bene acquistare solo cuccioli nati da genitori  risultati negativi ad un recente esame ecocardiografico; significa anche assumersi l'impegno di effettuare lo stesso tipo di test al proprio Sphynx a più riprese nell'arco della sua esistenza, per scongiurare l'insorgere o per trattare con anticipo la malattia. La stessa premura andrebbe usata anche rispetto alla sindrome del rene policistico (PKD) che, seppur non così diffusa, è stata riscontrata in diverse linee familiari.

Sul piano riproduttivo, in Europa non sono consentiti accoppiamenti con altre razze mentre alcune associazioni americane consentono incroci con esemplari di Devon Rex.

Relazione e contesto ideale

L'umano ideale per uno Sphynx ben allevato, ovvero che abbia goduto di un percorso di socializzazione ricco e a contatto stretto con una ampia varietà di persone, è sicuramente quello disponibile a rispondere attivamente alle sue richieste di vicinanza fisica, soprattutto d'inverno. Affettuosi e presenti nella vita familiare, questi gatti senza pelo possono coinvolgere nei loro riposi condivisi anche altri gatti o animali di casa, attitudine che, se da un lato rinsalda i legami sociali, dall'altra non è sempre  gradita a chi non ha le stesse esigenze termiche o, semplicemente, ama anche starsene un po' per conto proprio. Al di là di questo, però non bisognerebbe mai dimenticare che gli Sphynx restano gatti come gli altri, ossia con un cervello che pensa da felino: amano esplorare, arrampicare, sono curiosi, solari, giocosi e, come tutti i gatti, hanno bisogno di mettersi alla prova nella predazione e nei giochi di abilità. La loro condizione fisica li porta ad essere scelti spesso da persone che li terranno in casa senza la possibilità di accedere all'esterno per cui, per garantire il loro, diventa cruciale l'impegno della famiglia nel tenerli attivi, interessati alle cose che accadono attorno e nel coinvolgerli nella vita quotidiana per scongiurare l'insorgenza di disturbi comportamentali legati all’eccesso di sedentarietà.

La mancanza di mantello induce molti a pensare che gli Sphynx siano la soluzione ideale per chi è allergico al pelo di gatto. Il che è vero se l'allergene è il pelo. Se, come accade nella maggior parte dei casi, l'allergene che scatena la risposta immunitaria è la saliva depositata sul pelo durante le normali operazioni di toelettatura, non sarà lo Sphynx a contenerla. Prima di adottarne uno, quindi, informatevi bene.