Articolo a cura del Dott. Giuseppe Borzacchiello
Medico Veterinario e Professore universitario, esperto di patologia animale

Il diabete è una malattia del sistema endocrino che colpisce i cani. È riportata una predisposizione in alcune razze e generalmente viene diagnosticato in cani anziani. Gli animali affetti da diabete bevono ed urinano più frequentemente ed hanno un aumentato senso della fame. La terapia consiste nella somministrazione di insulina, dieta appropriata ed esercizio fisico.

Il cane come molte altre specie animali ha bisogno di mantenere costanti nel sangue i livelli di glucosio (glicemia), uno zucchero utile per la vita e le funzioni delle cellule. Per questa specifica funzione, l’organismo utilizza l’insulina, un ormone secreto dal pancreas (ghiandola annessa all’apparato digerente).

Il diabete si sviluppa quando un cane non produce abbastanza insulina per cui aumentano i livelli di zucchero nel sangue (iperglicemia). Questa condizione può essere dovuta alla distruzione delle cellule che producono insulina o per altre cause. Il diabete, in assenza di terapia, diventa una condizione metabolica grave che può anche portare alla morte.

Cause del diabete nel cane

Le cause del diabete canino non sono note. Questa malattia metabolica può osservarsi più frequentemente in alcune razze (Setter, Barboncino, Schnauzer, Samoiedo, Yorkshire) ed è generalmente diagnosticata in età avanzata soprattutto nelle femmine. Condizioni predisponenti al diabete sono: obesità, infiammazione o tumori del pancreas, infezioni, somministrazione prolungata di farmaci a base di cortisone. Malattie metaboliche che favoriscono la comparsa del diabete nel cane sono la sindrome di Cushing e tutte le condizioni in cui aumenta la resistenza all’insulina (es. durante il periodo di estro nella femmina).

Sintomi del diabete nel cane

I primi sintomi che compaiono in un cane affetto da diabete sono: aumento della sete (polidipsia), aumentata frequenza della minzione (poliuria), aumento della sensazione di fame, perdita di peso. Se il diabete non è curato, si può instaurare una condizione molto grave chiamata "chetoacidosi diabetica". Questa è caratterizzata dall’accumulo di metaboliti tossici (chetoni) nel corpo dell’animale che manifesterà vomito, diarrea, inappetenza e un alito dolciastro.

Diagnosi del diabete nei cani

Il sospetto clinico di diabete deve essere confermato da esami ematobiochimici che mettono in evidenza aumento dei livelli di glucosio nel sangue anche a digiuno e la sua presenza nelle urine. Inoltre, sono sempre possibili complicanze oculari e infezioni tratto urinario che andranno approfondite e trattate opportunamente.

Trattamento e prevenzione del diabete nel cane

Il diabete è una condizione che richiede un trattamento per tutta la vita e molto impegno ed una buona predisposizione da parte del pet mate, soprattutto nelle prime fasi quando l’animale deve essere stabilizzato. I cardini della terapia sono la somministrazione di insulina, una dieta appropriata ed esercizio fisico.

Le iniezioni di insulina devono essere somministrate tutti i giorni, a orari prestabiliti. Il pet mate non deve spaventarsi perché gli aghi sono molto piccoli e l’animale non prova dolore. È consigliabile che le prime volte l’iniezione si eseguita in presenza del medico veterinario che deve regolarmente visitare l’animale per un monitoraggio più accurato della malattia.

Per quanto riguarda l’alimentazione, bisogna puntare a mantenere i livelli di glucosio stabili nel sangue. Il cibo deve essere somministrato due volte al giorno, a orari prestabiliti. Il cane diabetico ha bisogno della stessa quantità e tipo di cibo ogni giorno senza derogare. Il medico veterinario consiglierà l’alimento più idoneo alla gestione dietetica. Generalmente, si utilizzano alimenti commerciali che rilasciano piccole quantità di zuccheri lentamente.

L'esercizio fisico è molto importante in quanto aiuta il metabolismo degli zuccheri. L'aumento o la diminuzione improvvisa dell'esercizio del tuo cane potrebbe far aumentare/diminuire la glicemia pertanto anche su questo versante è necessario il controllo.

Poiché le cause del diabete nel cane non sono ancora del tutto note non ci sono indicazioni esatte su come prevenire. Certamente bisogna assolutamente evitare che l’animale diventi obeso e dunque che svolga regolare esercizio fisico.

Prognosi e aspettativa di vita del cane diabetico

Il cane diabetico che effettua regolarmente la terapia e viene attentamente monitorato dal pet mate ha la stessa aspettativa di vita di un cane non diabetico. Tuttavia, la prognosi può variare in funzione della presenza di complicanze e/o altre malattie.

Le informazioni fornite su www.kodami.it sono progettate per integrare, non sostituire, le indicazioni date dal veterinario di riferimento.