Questi due Bouledogue francesi stanno girando il mondo in camper. Sono partiti con la loro compagna umana, subito dopo che lei ha sconfitto una terribile malattia e ha deciso di trasformare il camper nella loro nuova casa, per celebrare il ritorno alla vita. Ad appena 31 anni, Sarah Ingalas si è vista crollare il mondo addosso quando le è stato diagnosticato un cancro al seno. Da quel momento, è iniziato per lei un calvario fatto di otto mesi di terapia e due operazioni.

Durante quei giorni tristi, Henry e Penny sono riusciti a donarle la forza per andare avanti: «Mi consolavano quando mi sentivo male, e questa cosa ci ha avvicinato molto», ha dichiarato Sarah. Dopo quel periodo di cure dolorosissime, Sarah è riuscita a vincere la sua battaglia e ha deciso di celebrare l’evento con un primo viaggio in compagnia di Henry e Penny.

Così ad agosto 2020 Sarah ha comprato un camper e si è lanciata all’avventura, ma non poteva immaginare che quella sarebbe diventata la sua nuova vita. Dopo due mesi, Sarah è tornata a casa a Pittsburgh, in Pennsylvania, ma quell’ambiente le stava ormai stretto e voleva regalare un’ultima esperienza ai suoi amici: «I miei cani stavano invecchiando e volevo che provassero quante più cose possibili. Volevo far vedere loro vedere nuovi posti, annusare nuovi odori, conoscere nuove persone» Sarah lavorava in smart già prima della pandemia, perciò è stato facile per lei organizzare quel camper come una casa mobile e partire alla scoperta del mondo.

Dall’autunno del 2020, questo terzetto di esploratori sta scoprendo tutti i luoghi più belli degli USA e, seppure con le loro differenze, Henry e Penny accompagnano Sarah carichi di entusiasmo: «Henry è un coccolone, ma è il più pigro. Passerebbe le giornate a farsi coccolare dagli sconosciuti. Penny è un’esploratrice, le piace correre finché è stremata». Per Sarah, la parte migliore del loro viaggio finora non è stato raggiungere certi posti, quanto vedere la gioia e la soddisfazione nello sguardo dei suoi due compagni d’avventure: «Vederli stesi per terra all’aperto mentre prendono il sole mi rende felicissima. Averli sempre al mio fianco in questo viaggio sarà un ricordo che porterò per sempre con me»