Arlo è un cane poliziotto più forte anche delle pallottole. Il 16 dicembre del 2020, durante un inseguimento, è stato colpito da due proiettili rimanendo ferito alla spalla e alla zampa, dove il colpo ha sfiorato soltanto per un millimetro un’arteria. Per salvarlo è stato necessario un intervento chirurgico durato ben 8 ore, al termine del quale gli agenti della contea di Thurston, negli Stati Uniti, l'hanno salutato all'uscita dall'ospedale, tributandogli il giusto riconoscimento per il suo sacrificio.

La storia di questo pastore tedesco è diventata virale anche grazie al contributo di Tyler, il suo conduttore, che già prima di questo evento era solito mostrare la loro vita quotidiana su Tik Tok, fatta per metà di gioco e per metà di allenamento: «È un cane fantastico. Così entusiasta ed è uno dei nostri cani più energici che abbiamo. È sempre felice, vuole compiacere, è un animale straordinario, con un’alta motivazione collaborativa».

«Se Arlo è ancora vivo, è un miracolo. È stato, allo stesso tempo, fortunato e sfortunato», ha dichiarato Jen Warnock, fra i veterinari della Oregon State University che hanno operato Arlo. Questo cane, infatti, è stato trasportato d'urgenza alla clinica veterinaria dell’università e le probabilità che potesse sopravvivere erano del 60%. L'operazione si è rivelata molto impegnativa per i medici, che hanno dovuto impiantare due bulloni con i resti della vertebra che si trova tra il collo e la schiena, distrutta completamente dal proiettile.

Già prima del ferimento, Arlo contava oltre 600mila followers su Tik Tok, perché Tyler ogni giorno mostrava i suoi allenamenti, rispondendo a tante curiosità. Così, migliaia di persone da ogni parte del mondo si sono appassionate alle loro avventure quotidiane e a quel legame speciale che Tyler registrava anche per affrontare le giornate di lavoro col sorriso. Grazie a una raccolta fondi, arrivata a oltre 73mila dollari, Arlo ha potuto ricevere le cure per la sua riabilitazione.

Il decorso post operatorio di Arlo è stato ripreso da Tyler e condiviso sui social, fino a quando, dopo la sfilata che è stata vista da 40 milioni di persone, il suo compagno fedele è potuto tornare finalmente a casa. A causa delle ferite, però, Arlo soffrirà di artrite per il resto della sua vita e forse non potrà più adempiere al suo dovere di cane poliziotto. Ma la sua battaglia più grande è riuscito a vincerla ancora una volta, con la sua voglia di vivere che è stata più forte delle gravi ferite subite.

L'amicizia tra Yuri e Melissa dimostra che la disabilità non è un limite

Lupetta, dall'incidente alla fisioterapia: così una famiglia aiuta una cagnetta della Basilicata