Lupetta aveva solo 5 mesi di vita quando un'auto l'ha investita. L'impatto è stato così forte da spezzarle la colonna vertebrale, ma grazie a due interventi chirurgici questa cagnolina ha avuto la possibilità di continuare a vivere una vita degna di questo nome, nonostante debba fare i conti con una grave disabilità. A seguito dell'incidente, avvenuto su una superstrada della Basilicata, Lupetta ha perso l'uso delle zampe posteriori, diventando diplegica. Nessun canile e associazione ha potuto accoglierla per le condizioni in cui si trovava e durante i mesi del primo lockdown ha svolto fisioterapia in casa, presso la famiglia che l'ha recuperata in strada e l'ha aiutata.

Dalla Basilicata, Lupetta è quindi partita per un viaggio verso la Lombardia, per raggiungere la clinica "Le codelunghe" dove ha svolto un mese di fisioterapia, mostrando incoraggianti miglioramenti. Lupetta infatti è riuscita persino a camminare su quattro zampe durante gli esercizi in acqua. Tuttavia, per correre ha bisogno del supporto del carrello, che l'aiuta non solo a muoversi più liberamente, ma è un prezioso sostegno alla sua schiena, deviatasi a seguito dell'incidente.

Nonostante la disabilità, Lupetta non ha mai perso la sua voglia di socializzare. La famiglia che oggi si prende cura di lei, infatti, la porta a passeggiare al parco, dove si diverte a giocare con gli altri cani, e in casa convive senza problemi con altri animali. Importante, in tal senso, è stata la capacità da parte di chi la segue di comprendere che è un cane come altri e che avesse bisogno anche di un supporto da parte di alcuni educatori per far sì che possa svolgere una vita normale per quanto possibile: Lupetta, di fatto, ha perso l'uso delle zampe posteriori ma non la sua voglia di vivere come tutti i cani.

Anche se non è un animale sofferente e apatico, tuttavia, non mancano alcune difficoltà, come quelle legate alla sua vescica neurologica, che non le consente di espletare le sue funzioni fisiologiche in autonomia. La famiglia che l'ha accolta non si è comunque arresa di fronte a queste difficoltà, anche se da qui ai prossimi mesi  attende a cagna e umani un percorso lungo e complicato: Lupetta ha ancora bisogno di sedute di fisioterapia e cure mediche, oltre a un terzo intervento chirurgico alla schiena. La famiglia che l'ha in cura sta quindi raccogliendo fondi per lei, così da garantirle un sostegno per il futuro.

La storia di Lupetta non è solo uno straordinario esempio di coraggio e speranza ma ci dimostra come un animale, grazie alla sua forza di volontà e al sostegno dell'uomo, possa continuare a vivere la propria vita nonostante la disabilità. Ora questa cagnolina sta cercando una famiglia che voglia condividere la vita con lei. È possibile avere maggiori informazioni e seguire gli aggiornamenti sulla sua adozione direttamente sulla pagina Facebook Lupetta – grinta su due zampe.