Rubano la borsa della compagna umana che si trovava nel centro di addestramento. Riescono a prendere le chiavi della sua auto, una BMW bianca, con dentro Siria e Ugo, i suoi due cani, che così spariscono per due giorni. Fortuna vuole che sono stati trovati e che ora dormono sonni tranquilli tutti.

Il fatto è successo a Pianiga, in Provincia di Venezia. Per due notti i cani sono stati fuori, non si sa come e non si sa per volontà di chi. Ma loro, un simil Pastore Tedesco e un Amstaff, sono stati ritrovati nella stessa macchina rubata, intatta, senza chiavi ma con i finestrini aperti.

Il furto era avvenuto sabato scorso, intorno a mezzogiorno. L’auto di Elisa Guadagnin, l’addestratrice, non era più nel parcheggio. Ma la donna non si è data per vinta e ha lanciato un tam tam attraverso i social, con una rete solidale che, per due giorni, è stata sulle strade del territorio per le ricerche. La preoccupazione più grande era di non trovare più Siria e Ugo (Amstaff dalle orecchie tagliate perché vittima di maltrattamento, sequestrato e poi adottato) perché i ladri avrebbero potuto aprire la gabbia con i cani e portarsi via la macchina.

Così (fortunatamente) non è stato. A scoprire la Bmw sono stati i Carabinieri di Piove di Sacco. Il mezzo era parcheggiato nel Comune di Bovolenta. «Siria e Ugo stanno bene, non erano neanche spaventati – racconta l’addestratrice – Sul posto prima di me è arrivato il mio compagno. Siria l’ha baciato dappertutto, Ugo invece è sceso come se niente fosse». Secondo quanto dice Elisa Guadagnin, molto probabilmente gli autori del colpo non si sono resi conto dei cani all’interno e si sono spaventati. Oppure (ipotesi anche questa messa in campo) la sua richiesta d’aiuto è diventata così virale che i malviventi si sono sentiti braccati e un po’ troppo sotto i riflettori.

Il Pastore tedesco e l’Amstaff sono andati dal veterinario che ha confermato come non avessero subito alcun genere di danno fisico. Tutto si è chiuso con una brutta avventura e due giorni di grande spavento.