A cura di Maria Mayer
Membro del Comitato Scientifico di kodami
Veterinaria esperta in nutrizione del cane e del gatto

Dare snack al proprio cane è una delle attività più gratificanti per il binomio e non ci sono dubbi riguardo al piacere di dare un masticativo, ma faranno davvero bene? Anche se tutti i masticativi poi hanno l’obiettivo di far passare un po’ di tempo al nostro cane, dandogli serenità, non sono tutti uguali! Fra i vari tipi di masticativi poi bisogna esaminare se sono tutti uguali, se ce ne sono alcuni che sono consigliabili e altri invece da evitare. Diamo uno sguardo assieme in questo articolo.

Cosa sono i masticativi per cani

I masticativi per cani, come suggerisce il nome, sono uno snack che non viene mangiato tutto in un boccone, ma piuttosto che è pensato per essere masticato. Sono un esempio di masticativi essiccati di pelle di animali (mammiferi o pesci), corna di varie specie animali (corna di cervo, di bufalo, di daino), la radice dell’albero del caffè o gli annodati di pelle, fra cui quello comunemente chiamato “osso di pelle di bufalo”.

Masticare, in generale, è un’attività estremamente appagante per il cane che, passando spesso molte ore da solo in casa, ne può trarre una notevole distensione. In generale, si crede anche che i masticativi possano aiutare a mantenere puliti i denti. Su questo si deve distinguere però fra i diversi tipi di masticativi in commercio, in quanto la maggior parte di essi dopo i primi morsi tende a diventare “morbido”, quasi gommoso, perdendo totalmente l’azione meccanica di pulizia dei denti.

L’osso di pelle di bufalo fa bene o fa male al cane?

Mi soffermo immediatamente su questo ultimo tipo: l’osso di pelle di bufalo, che di ossa e spesso anche del bufalo, non ha nulla. Questi snack sono infatti formati da residui dell’industria conciaria, ovvero quella da cui derivano scarpe, borse o altri prodotti di pelle. Le pelli di bovino in questo caso dopo la macellazione sono state sottoposte a dei bagni chimici pensati per evitare la putrefazione e il deterioramento, eliminare il pelo e il grasso etc. Per renderle più gradite al consumatore, le pelli vengono poi sbiancate con candeggina, acqua ossigenata o altre sostanze chimiche. Solo a questo punto, dopo aggiunta di coloranti e appetizzanti, a questo residuo dell’industria conciaria viene data la forma a noi tanto gradita di “ossa”.

Grazie a tutti questi trattamenti le ossa di pelle sembrano durare in eterno: non si deteriorano, non ammuffiscono e spesso il nostro cane impiegherà un tempo davvero considerevole a finirle.

Anche se apparentemente molto allettanti, sarebbe quindi meglio evitare questo genere di masticativo per il nostro cane. La quantità di residui chimici potenzialmente presenti, inclusa la colla utilizzata per tenere assieme i vari pezzi, non giustifica il piacere momentaneo del nostro cane.

Rischi connessi con l’uso dei masticativi

I masticativi, anche se possono rappresentare un’attività estremamente piacevole per i nostri cani come abbiamo visto, sono in realtà anche una possibile fonte di rischi. Fra i rischi maggiori dei masticativi vi sono i soffocamenti. Qualsiasi masticativo può rompersi o “scollarsi” in pezzi di una grandezza pericolosa, che il nostro cane potrebbe avere la stimolo ad ingoiare, rimanendo accidentalmente soffocato. Per evitare questa evenienza, seppur rara, sarebbe bene che i masticativi venissero dati al cane solo in nostra presenza. In questo modo potremmo eventualmente intervenire salvando loro la vita e portandoli dal medico veterinario! Altri tipi di snack possono essere preferiti invece quando il cane è da solo (penso a quelli tipo Kong, riempiti di yogurt congelato ad esempio).

I masticativi sono in genere sicuri per quel che riguarda la contaminazione batterica, in quanto si tratta di alimenti trattati in modo da garantirne la conservazione. Questo aspetto può quindi lasciarci tranquilli/e!

Un pochino più problematico diventa invece la relazione fra masticativi e salute del tratto gastroenterico. Spesso infatti nella mia esperienza si fa un uso spropositato di questi snack, dimenticando che dovrebbe trattarsi di una piacevole eccezione. Dati in grandi quantità, magari più volte al giorno, anche i migliori masticativi possono portare ad infiammazione. Moderazione è quindi la parola d’ordine!

Quali sono i masticativi più sicuri

Fra i masticativi più sicuri possiamo certamente elencare i pezzi di pelle bovina o di pesce. Questi masticativi sono sani, essendo prodotti in genere senza alcun tipo di additivo o conservante. Difficilmente inoltre si possono rompere in pezzi in grado di soffocare il nostro cane e, soprattutto per la pelle di pesce, possono contenere nutrienti particolarmente interessanti come gli acidi grassi Omega-3.

Fra i masticativi abbastanza sicuri cadono anche le corna di cervo o altri animali e le radici, che molto raramente possono creare problemi.

Da evitare invece le ossa di pelle di bufalo e anche le ossa di ginocchio bovino fresche. Pur apprezzando molto la dieta cruda infatti, dove alcuni tipi di ossa cruda possono essere date ai cani, preferisco evitare il ginocchio bovino, in quanto spesso provoca costipazione intestinale o può frazionarsi in schegge pericolose

Alimentazione del cane: cominciamo dalle basi

Dieta BARF per cani: cosa è, vantaggi e svantaggi

Le informazioni fornite su www.kodami.it sono progettate per integrare, non sostituire, le indicazioni date dal veterinario di riferimento.