Proteggere i propri figli a qualunque costo. È quello che stava facendo una mamma ragno trovata in un frammento di ambra risalente alla metà del Cretacico, circa 99 milioni di anni fa. Da allora è rimasta lì, bloccata nell'eternità insieme alle uova e ai piccoli che stava proteggendo con il proprio corpo. Questa istantanea che arriva direttamente dall'era dei dinosauri mostra la più antica testimonianza fossile mai documentata di cure parentali nei ragni. La scoperta è stata effettuata da un gruppo di ricercatori della Capital Normal University in Cina, che hanno analizzato diversi frammenti di ambra estratti da una miniera in Myanmar. La descrizione di questi eccezionali reperti è stata pubblicata sulla rivista Proceedings of the Royal Society B.

I ragni: premurosi genitori da almeno 100 milioni di anni

Fotografie e ricostruzioni della mamma ragno e delle uova trovate nell’ambra. Xiangbo Guo et al., 2021
in foto: Fotografie e ricostruzioni della mamma ragno e delle uova trovate nell’ambra. Xiangbo Guo et al., 2021

Le cure parentali sono l'insieme di tutti quei comportamenti che i genitori mettono in atto per prendersi cura dei propri figli e assicurargli maggiori chance di sopravvivenza. Nei ragni moderni esistono numerosi esempi di questo tipo: ci sono madri che accudiscono e trasportano sul proprio dorso i loro piccoli, oppure femmine che portano dietro con sé le uova racchiuse in una sacca di seta. Gli autori di questo studio hanno però dimostrato che si tratta di un comportamento molto antico e presente anche nei ragni estinti del Cretacico, da almeno 99 milioni di anni.

Nei quattro frammenti di ambra analizzati dagli scienziati sono stati trovati numerosi resti di ragni e altri artropodi, proprio come la famosa zanzara di Jurassic Park. In uno di questi era conservata una femmina adulta di ragno con il sacco ovigero contenente le uova ancora attaccato al suo ventre. Quando è rimasta intrappolata nella resina, la madre era esattamente nella stessa posizione che molti ragni di oggi assumono per proteggere col corpo le proprie uova. Analizzando più dettaglio le caratteristiche anatomiche dell'aracnide è stato anche scoperto che appartiene a una famiglia ormai estinta, quella dei Lagonomegopidae. Le uova erano tenute insieme dalla seta e secondo i ricercatori potrebbe essere proprio per questo scopo che si è evoluta originariamente la produzione di questa fibra nei ragni. Solo successivamente poi sarebbe stata utilizzata anche per costruire le ragnatele e catturare le prede.

Cos'altro era custodito nell'ambra

Un ragno (Pisanura mirabilis) trasporta la sacca contenente le sue uova
in foto: Un ragno (Pisanura mirabilis) trasporta la sacca contenente le sue uova

Gli altri tre frammenti di ambra contenevano anche numerosi ragnetti, pezzi di seta, due zampe di artropode e altri piccoli insetti. Tutti resti di aracnidi appartenevano alla stessa famiglia e il fatto che fossero presenti anche ragni molto piccoli, fili di seta e altro materiale suggerisce che molto probabilmente i ragnetti rimanessero insieme alla madre anche dopo la nascita, un comportamento raro ma presente in diverse specie viventi. I ricercatori non escludono nemmeno la possibilità che potessero avere anche un qualche tipo di comportamento sociale.

Inoltre tutti i ragni trovati possedevano occhi laterali molto grandi, questo significa che molto probabilmente questi aracnidi erano predatori attivi, che non costruivano quindi ragnatele. Un po' come fanno oggi i ragni saltatori e le altre specie che cacciano in agguato o inseguendo le prede. Le prove fossili di cure parentali nei ragni e negli altri invertebrati sono piuttosto rare da trovare. La mamma che protegge i suoi piccoli da 99 milioni di anni aiuterà quindi a comprendere meglio quando, come e in che modo questi comportamenti si sono evoluti.

Nella cacca dei cani di oltre 3500 anni fa la fotografia della storia di una eterna amicizia con gli esseri umani

Una nuova specie fossile di rinoceronte gigante, era alto più di una giraffa e pesava 21 tonnellate