Se prima erano due i grandi amori noti di Federica Pellegrini, il nuoto e gli animali, dal termine della sua ultima gara olimpica, sono diventati tre. La nuotatrice, infatti, ha ufficializzato la love story con il suo coach Matteo Giunta. Non si sa quando sia nato l’amore, ma sicuramente, dopo che la campionessa è entrata nelle quinta finale olimpica consecutiva – mai nessuna donna prima c’era riuscita – era arrivato il momento momento di ringraziare il suo allenatore.

E se un nuovo amore è nato, uno di lunga data, invece, è quello che accomuna "la Divina" agli animali. Soprattutto alla sua Vanessa e al suo Rocky, due  Bouledogue francesi che adora e che solo qualche mese fa, a maggio, hanno “partorito” ben 4 cuccioli, allargando la famiglia. E di cui lei ha naturalmente condiviso immagini e messaggio di gioia sui social.

«Mamma felice» dice la didascalia che accompagna la foto di Vanessa mentre allatta i suoi cuccioli postata su Instagram dalla campionessa. Ma nel post racconta anche di una grande preoccupazione durante il travaglio, fortunatamente poi risolto per il meglio.

«È stata una nottata che definire interessante sarebbe riduttivo, Vanessa incinta di Rocky ovviamente, scadenza della gravidanza oggi, inizio del travaglio ieri sera…decidiamo per il parto naturale ma sappiamo che per I bulli non è così scontato….ansimi, respiri, spinte …tutto in regola …01:00 rottura delle acque ma Vanessa poi non ha più voglia di spingere, chiama Cesare (il nostro amato veterinario) che prende viene a visitarla e decidiamo senza perdere tempo di portarla in clinica e fare il cesareo d’urgenza…Mamma stai tu con Rocky?! Lui che ti guarda portare via la sua amata, avvisa le infermiere, porta in braccio lei che prova a spingere ma niente da fare, arriviamo, flebo, lei ansima e comincia a frignare (giustamente povera)…tutto pronto in sala operatoria, Vanessa non capisce più niente ma appena appoggia il sederino su quel tavolo, spinge, forse per paura ma, spinge forte e….nasce!! A un minuto dal cesareo lei partorisce naturalmente Gas e da lì ogni 40 min arriveranno Cesare, Gina e Bianca….Vanessa li ha amati dal primo secondo come solo una mamma sa fare…. E io questa notte ho respirato tutto questo Amore».

Cucciolate casalinghe, attenzione sempre e in particolare per i Bouledogue francesi

La nostra raccomandazione, approfittando proprio di quanto scritto dalla sportiva, è quella di essere sempre attenti alla scelta di procedere a cucciolate casalinghe e farsi seguire dal proprio veterinario di fiducia come dichiara di aver fatto la Pellegrini. Vale per tutti i cani ma soprattutto per razze così delicate dal punto di vista della morfologia come i Bouledogue francesi che sono stati selezionati in maniera sconsiderata da parte degli esseri umani.

Laura Arena, veterinaria esperta in benessere animale e membro del comitato scientifico di Kodami, a proposito di un caso di gravidanza proprio di una cagna di questa razza che è morta durante il parto, spiega che le femmine di Bouledogue francesi hanno un bacino stretto e i cuccioli una testa troppo grande. «Sono animali che hanno tante difficoltà a livello fisico a causa della brachicefalia: possono avere disturbi respiratori e infiammazioni agli occhi e chi acquista un animale di questa razza deve essere consapevole che può avere una serie di complicazioni  e cosciente delle spese in più che dovrà affrontare con il veterinario. Di solito sono animali che non si riproducono in maniera naturale ma con una inseminazione artificiale. Ci sono dei casi in cui la cagna può rimanere gravida in maniera non desiderata ma in questi casi vanno seguiti attentamente, anche con ecografie regolari per vedere la crescita del cucciolo e stabilire una data per il parto cesareo».

Federica Pellegrini e gli appelli sui social in favore dei Bouledogue francesi

L'attenzione agli animali è molto importante per Federica Pellegrini che spesso interviene in difesa dei diritti e del benessere animale. Tra le ultime sfuriate, a gennaio scorso quando, sempre sui social, in un video su Instagram Stories, ha ribadito con durezza la sua posizione sui proprietari di Bouledogue che, con estrema tranquillità, portano il proprio cane sotto alla neve.

«A tutti i proprietari di bulldog francesi, ricordo che in questo periodo per terra fa freddissimo e, se li vedete tirare su in continuazione le zampe, è perché se le stanno congelando. Non è che vi siete presi un San Bernardo che camminano sulla neve tranquillamente, a loro il cappottino non basta, se tira su le gambe vuol dire che ha freddo e si fa anche male. Quindi lasciateli a casa quando fa troppo freddo».

Cani brachicefali, una questione di benessere animale. Ma perché ci attraggono tanto?

Razze brachicefale tra moda e salute: il nuovo appello dei veterinari inglesi