Aveva un tumore così grande che ormai le era davvero difficile vivere. A Foggia, grazie a un salvataggio delle guardie volontarie zoofile dell’Accademia Kronos e a un intervento chirurgico del veterinario Francesco Paolo di Michele, Rex, una cagna meticcia è ora sana e salva: le è stato asportato un liposarcoma (un tumore che colpisce il tessuto adiposo) di 9 chili e mezzo.

Le guardie zoofile sono intervenute a seguito di una segnalazione di un cittadino che denunciava le pessime condizioni igienico-sanitarie in cui era tenuta la meticcia in un podere alle porte del centro cittadino. Una volta arrivati si sono resi conto dell’enorme protuberanza addominale che aveva. La massa le impediva, ogni giorno di più, di effettuare qualsiasi movimento.

Il suo umano di riferimento, rintracciato dalle guardie, ha tentato di giustificare la propria inerzia dicendo di aver fatto visitare in passato la cagna da alcuni veterinari che non erano riusciti a risolvere il problema. Dopo diversi sopralluoghi, e una lunga trattativa, ha capito la gravità della situazione e la responsabilità penale a cui si è esposto con il suo comportamento. Solo a quel punto ha richiesto l'intervento di un veterinario, precisando comunque alle guardie che non sarebbe riuscito a sostenere le spese per l’operazione. Così i volontari di Kronos si sono presi in carico tutta la cura di Rex, pre e post intervento. L'hanno trasferita nel rifugio "Siamo Nati Liberi" a Tor di Lama, un luogo adatto per fare la terapia e la successiva degenza.

Dopo l'intervento "da record", ora Rex sta bene. L'uomo è stato denunciato alla Procura di Repubblica di Foggia per i reati di maltrattamento, omessa custodia e malgoverno di animali.

«Vedere Rex in quel modo è stato impressionante. Rex è stata comunque riportata dalla persona che lo aveva con sé, in attesa delle decisioni da parte dell'autorità giudiziaria  –  spiega Luigia Caracozzi, coordinatrice delle guardie zoofile dell’Accademia Kronos – Non abbiamo proceduto a sequestrare l'animale perché la persona ha dichiarato di averla fatta visitare  un anno prima e abbiamo visto la buonafede della persona che ha ottemperato alle prescrizioni date durante i nostri controlli. Noi abbiamo comunque mosso la macchina dei soccorsi proprio per dare una mano e provvedere alla tutela di Rex. Il cane continuerà ad essere monitorato da noi, notte e giorno, fino a quando il pubblico ministero non darà altre disposizioni. Tante persone credono di amare gli animali solo perché ne adottano uno, ma amare gli animali significa prendersi cura di loro sempre, quando sono belli e gioiosi ma soprattutto quando hanno bisogno di essere curati. Vogliamo diffondere questo messaggio a tutte le persone che intendono adottare un animale: prima di farlo riflettete bene, perché adottando vi assumete delle responsabilità, cioè degli obblighi nei confronti degli animali e delle normative che li tutelano. Ed è bene ricordare che per ogni violazione riscontrata sono previste sanzioni amministrative e penali. La legge non ammette ignoranza».

Maltrattamento animale, una storia umana