A cura di Eva Fonti
Membro del Comitato Scientifico di kodami
Medico Veterinario
difficoltà respiratorie gatto

La dispnea e le difficoltà respiratorie si riscontrano frequentemente nei gatti. Tosse, starnuti o rumori respiratori possono interessare i gattini di poche settimane, ma anche i gatti adulti, soprattutto se brachicefali. Sono sempre dei sintomi da non sottovalutare, specie se notate che il gatto respira a bocca aperta o se fa un movimento del torace anomalo durante la respirazione. Vuol dire che la situazione è particolarmente grave e non conviene aspettare ulteriormente, ma bisogna subito portare il gatto dal veterinario.

I problemi respiratori nel gatto sono molti, possono interessare solo le vie aeree superiori o coinvolgere anche bronchi e polmoni e hanno spesso cause diverse tra loro che prevedono trattamenti specifici.

Sintomi delle difficoltà respiratorie nel gatto

I gatti respirano sempre attraverso il naso e normalmente non ansimano come fanno i cani. Ecco perché è importante tenere sempre d'occhio il gatto quando respira con la bocca, perché può essere indice di una grave malattia. È possibile però che notiate questo atteggiamento se ad esempio è molto stressato perché ha viaggiato nel trasportino o se è molto accaldato: in questi casi però il respiro torna normale nel giro di pochi minuti una volta che si è tranquillizzato o rinfrescato.

Anche la tosse, gli starnuti o dei rumori come se russasse sono indice di difficoltà respiratoria o comunque affezione delle vie aeree. Un errore frequente che fanno i pet mate è confondere le fusa con problemi respiratori: esistono infatti dei mici che sono dei piccoli “trattori” che fanno le fusa continuamente. Ma anche riguardo le fusa fate attenzione: in alcuni casi possono essere un segnale di malessere generalizzato!

Altri sintomi a cui fare attenzione sono una lacrimazione eccessiva, la protrusione della terza palpebra, l’inappetenza, l'abbattimento, il giocare meno o il facile affaticamento: sintomi aspecifici ma che possono rivelare un problema respiratorio magari non ancora troppo manifesto.

Cause della dispnea

Le cause di difficoltà respiratoria nel gatto possono essere diverse a seconda della razza, dell’età e della vita che conduce il micio. Le più comuni sono:

  • brachicefalia 
  • infezioni virali
  • infezioni batteriche
  • neoplasie
  • polipi rino-faringei
  • traumi
  • versamento toracico o addominale
  • cardiopatie, tamponamento cardiaco
  • asma
  • allergie
  • intolleranze alimentari
  • ernia iatale o diaframmatica
  • strongilosi broncopolmonare
  • filariosi cardio-polmonare

Cure

La cura è mirata, va dunque prima indagata la causa, attraverso una visita. Dopo una attenta auscultazione del torace, a seconda della gravità, di solito il veterinario vi potrebbe consigliare delle analisi del sangue, una radiografia o un'ecografia.

In alcuni casi potrebbe essere anche necessaria una T.A.C., una rinoscopia o broncoscopia e un lavaggio broncoalveolare.

Inoltre tra le procedure che potrà mettere in pratica il vostro medico di fiducia al momento per migliorare lo stato del gatto oltre alla terapia infusionale e/o iniettiva di farmaci potrebbe decidere per il ricovero in camera ad ossigeno, una centesi o anche un intervento chirurgico.

Prevenzione

La prevenzione può essere utile per alcuni problemi delle vie respiratorie come per i problemi cronici dovuti a problemi infettivi o batterici o a problematiche ad andamento stagionale. È utile somministrare in prevenzione degli immunostimolanti, utili in particolare quelli a base di lisina, zinco, vitamine del gruppo b, echinacea, metionina, ne esistono in diverse formulazioni e di diverse marche.

Inoltre, la vaccinazione è utile per ridurre problemi dovuti ad esempio alla rinotracheite e al calicivirus. Per le affezioni dovute a endoparassiti come la filariosi o per gli strongili broncopolmonari esistono delle fialette spot-on o dei farmaci a somministrazione orale utili per la prevenzione ed in parte anche per la cura.

Infine, per i soggetti brachicefalici sarebbe bene evitarne la riproduzione soprattutto quando i tratti somatici sono talmente spinti dalla selezione genetica da creare problemi seri alla respirazione con ripercussioni sulla vita stessa del gatto e del suo pet mate.