cucciolo cane

Aumentano le iniziative di Asl e amministrazioni locali per incentivare l’applicazione del microchip ai cani, soprattutto in vista delle ferie estive, quando la piaga degli abbandoni aumenta esponenzialmente ed è facilitata dall’eventuale assenza del chip.

Gli ultimi Comuni a fare squadra per dedicare una giornata alla microchippatura gratuita sono quelli del Castelli Romani e del litorale a sud di Roma. L’occasione è la prima Giornata della salute e della sicurezza del Comune di Rocca di Papa, fissata a venerdì 10 giugno: tra le varie iniziative, dalle 10.30 alle 17 tutti i cittadini residenti nel territorio di competenza della ASL Roma 6 potranno usufruire della possibilità di far applicare il chip a cani e gatti di famiglia e di registrarli all’anagrafe canina completamente gratis. Unico requisito, essere appunto residenti nel territorio e avere con sé fotocopia della carta d’identità e codice fiscale.

Microchip gratis nell’Asl Roma 6: i Comuni coinvolti

L’appuntamento è al parco comunale “La pompa” dei Campi di Annibale, a Rocca di Papa. I cittadini che possono partecipare sono quelli che risiedono in uno dei Comuni dei Castelli Romani e del cosiddetto “Litorale latino” e dunque:

  • Albano Laziale
  • Anzio
  • Ardea
  • Ariccia
  • Castel Gandolfo
  • Ciampino
  • Colonna
  • Frascati
  • Genzano
  • Grottaferrata
  • Lanuvio
  • Lariano
  • Marino
  • Montecompatri
  • Monte Porzio Catone
  • Nemi
  • Nettuno
  • Pomezia
  • Rocca di Papa
  • Rocca Priora
  • Velletri

La chippatura gratuita rientra in un più ampio progetto finalizzato alla tutela del benessere e della salute dei cittadini, ambiti in cui rientra anche quella degli animali: «Si tratta di un evento organizzato in stretta collaborazione con l’Asl Roma 6 e l’Agenzia Regionale di Protezione Civile, con il patrocinio della Regione Lazio – ha spiegato la sindaca di Rocca di Papa, Veronica Cimino – e che offrirà alla cittadinanza la possibilità di eseguire numerosi screening gratuiti e partecipare a momenti di divulgazione sui temi della salute e della sicurezza, anche quella sui posti di lavoro, tenuti da medici ed esperti. Temi fondamentali che le istituzioni hanno il dovere di promuovere e approfondire, per diffondere il più possibile una cultura della prevenzione».

Tra i Comuni del Lazio che hanno già adottato iniziative simili ci sono anche quelli di Frosinone e di Ladispoli. L’obiettivo è anche andare incontro alle esigenze di persone e famiglie a basso reddito, che potrebbero avere difficoltà a sostenere le spese per l’inserimento del microchip. Il costo varia a seconda della città, della regione e del ricorso o meno a un veterinario di fiducia. Si può effettuare presso i servizi veterinari della Asl di pertinenza con prezzi che arrivano sino a 20 euro, cui si aggiungono 8 euro di ticket. Se invece ci si rivolge a un veterinario di fiducia, agli 8 euro di ticket va aggiunta la tariffa stabilita dal professionista.

Va ricordato che il microchip, che contiene le informazioni sugli umani di riferimento degli animali, accessibili tramite semplice lettura in caso di ritrovamento di un animale in difficoltà o abbandonato, è obbligatorio. Le sanzioni per mancata iscrizione all’Anagrafe canina regionale variano a seconda delle Regioni, e può andare dai 100 agli oltre 200 euro.