Le sentenze del TAR erano attese da tempo e alle fine sono arrivate: l'orsa JJ4 può restare libera, mentre M57 rimane a Casteller. Le due sentenze sui ricorsi contro varie ordinanze di cattura e captivazione degli orsi sono state pubblicate oggi, 16 aprile 2021, dal TAR di Trento. Vittoria parziale per le associazioni animaliste che avrebbero voluto anche la liberazione di M57, l'orso che l'estate scorsa si era avvicinato troppo a un Carabiniere, ferendolo. Lui resterà rinchiuso nel recinto del centro faunistico di Casteller, dove si trovano anche DJ3 e M49, soprannominato Papillon dall'ex Ministro dell'Ambiente Sergio Costa.

Resta invece libera JJ4, l'orsa con cuccioli che ferì invece padre e figlio mentre erano in cerca di funghi tra i boschi. Per lei c'era stata una prima ordinanza di abbattimento emessa dal Presidente della Provincia di Trento e poi un successivo ordine di cattura. La nuova ordinanza è stata però annullata definitivamente perché il TAR ritiene non esista alcuna urgenza che giustifichi la cattura dell'orsa.

L'attenzione nei confronti degli orsi trentini è sempre stata forte negli ultimi tempi. Solo qualche giorno fa gli attivisti di #StopCasteller avevano organizzato una seconda manifestazione di protesta contro la detenzione dei plantigradi al Casteller. Nel settembre 2020 infatti, i carabinieri del CITES avevano visitato il centro di Trento, stilando un report sulle condizioni in cui erano detenuti gli orsi, evidenziando una condizione di malessere psico-fisico negli animali rinchiusi nei recinti.

Negli ultimi mesi anche Brigitte Bardot si era interessata molto alla vicenda. Scrivendo alla Provincia di Trento si era resa disponibile a prendersi carico del trasferimento degli orsi trentini verso un centro di recupero in Bulgaria, gestito da una fondazione di sua proprietà. Nonostante l'iniziale interesse la proposta, alla fine, non ha avuto seguito.