17 Luglio 2023
10:09

Festa per i 155 anni del Golden Retriever in Scozia, dove tutto ha avuto origine

Grande raduno di Golden Retriever nelle Highlands scozzesi per celebrare questo cane gentile, collaborativo, riportatore di professione, tra i più scelti da chi vuole adottare un animale domestico. Ma attenzione, perché anche per il Golden è bene conoscere approfonditamente i suoi bisogni.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
39 condivisioni
Immagine

Nel 1868 nel castello di Guisachan House, un villaggio nelle Highlands scozzesi, Sir Dudley Marjoribanks fece accoppiare per la prima volta un Black Wavy Coated Retriever giallo con pelo mosso e una Tweed Water Spaniel dai cui nacque una delle razze tra le più amate al mondo. E per festeggiare i 155 anni dalla sua nascita centinaia di bellissimi Golden Retriever si sono riuniti giovedì scorso insieme ai loro umani proprio davanti alle rovine del castello dove iniziò la loro storia.

Nessuna finalità opportunistica, ma solo come ha tenuto a precisare ai media Carol Henry, la segretaria del Golden Retriever Club of Scotland organizzatore dell’evento, un momento gioioso evento per condividere la conoscenza della razza e scoraggiare l'allevamento irresponsabile.

Gentile, collaborativo, elegante, “riportatore” di professione, il Golden Retriever è davvero uno dei cani più scelti da chi adotta un animale domestico. La sua storia si viene a conoscere solo nel 1952 quando un pronipote di lord Dudley Coutts Marjoribanks ritrovò i suoi appunti dove vi erano annotati tutti i dettagli dell’origine di questa razza.

Nella seconda metà dell’Ottocento i nobili britannici si dedicavano alla Waterfowl hunting ovvero, un caccia sportiva di uccelli acquatici come anatre, oche, ecc. e stavano nascendo i nuovi fucili a cartuccia, che avrebbero cambiato la caccia rendendola molto più veloce e rendendo le varie razze da caccia di allora inutili per stare al passo con la novità visto che c’era bisogno di cani più agili sia dentro che fuori dall’acqua.

Lord Tweedmouth ebbe quindi l’idea di creare una razza nuova che prendesse le caratteristiche migliori sia del Tweed Water Spaniel che del Wavy-Coated Retriever, ovvero l’intelligenza, l’agilità il riporto perfetto e la socievolezza con tutti durante le battute di caccia. Dall’accoppiamento nacquero tre cuccioli, che Lord Tweedmouth cominciò a distribuire fra parenti e amici e da quel momento il Golden Retriever divenne uno dei cani più apprezzati e desiderati.

Nel momento in cui si decida di adottarne uno, però, bisogna comunque essere ben a conoscenza dei suoi bisogni, che non sono soltanto una marea di coccole. È la verità che i Golden sono davvero una razza piena di qualità, ma è importante sapere che dietro a quell'aspetto pacifico si nasconde un cane estremamente resistente e con precise richieste come quella di fare tanto movimento e di giocare all’aria aperta per dare sfogo alla loro indole di “riportatori seriali” che altrimenti potrebbero sfogare in casa facendo diversi danni.

Un Labrador che viene considerato un cane da casa, sarà un cane frustrato e inizierà a manifestarlo distruggendo mobili e oggetti, mangiucchiando le porte con i denti e ingurgitando tutto ciò che troverà, mettendo in pericolo anche la sua salute fisica. Insomma, questo per dire che il Labrador non è il cane per tutti: va profondamente compreso se gli si vuole offrire una vita che sia davvero a sua misura perché sotto quell'apparente esuberanza ha un animo molto sensibile e quindi va capito con pazienza, dedizione ed enorme rispetto.

Avatar utente
Simona Sirianni
Giornalista
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views