Lavare un paio di jeans può far male all’habitat marino. Quando viene messo in lavatrice, infatti, il pantalone rilascia microfibre che sono dannose per l’ambiente. A dirlo è uno studio condotto dall’Università di Toronto e che è stato pubblicato sulla rivista scientifica Environmental Science & Technology Letters.

La ricerca è stata condotta su campioni d’acqua prelevati in tutto il Canada, ma la situazione peggiore è stata notata nei laghi suburbani poco profondi. Qui, infatti, sono state notate le più alte concentrazioni di microfibre.

Dopo ogni lavaggio si rilasciano 50.000 microfibre

Le microfibre costituiscono tra l'87 e il 90% delle particelle antropiche trovate nei sedimenti dell'Arcipelago Artico canadese, dei Grandi Laghi Laurenziani e dei laghi suburbani poco profondi nell'Ontario meridionale. Di tutte le microfibre ritrovate, tra il 12 e il 25% provenivano dai jeans.

«Il nostro lavoro – sottolinea Miriam Diamond, ricercatrice dell’Università di Toronto – si basa sui dati raccolti in Canada, ma è ragionevole ipotizzare che i risultati possano essere estesi ad altre regioni. Il ritrovamento di fibre nell'Artico dimostra il profondo impatto dell’azione antropica». Gli studiosi sono arrivati poi ad analizzare quante microfibre vengono rilasciate da un jeans nelle acque di scarico ad ogni lavaggio. In un lavaggio medio ne vanno via circa 50.000.

Per Samantha Athey, altra ricercatrice dell’ateneo canadese che ha condotto l’analisi, «non si tratta di sostanze plastiche», ma che sono modificate dall'intervento dell'uomo. E’ lei a suggerire di cercare di lavare «meno frequentemente» i tessuti di jeans.

La minaccia per la fauna marina

Gli stessi ricercatori ritengono come sia necessario approfondire l’impatto delle microfibre sull’ambiente marino. Infatti, potrebbero essere una minaccia anche per i pesci e gli altri organismi che vivono nei fondali. Un recente studio italiano condotto dal Cnr e pubblicato su Scientific Reports, «l’inquinamento delle microplastiche causato dai processi di lavaggio dei tessuti sintetici è stato recentemente valutato come la principale fonte di microplastiche negli oceani». I risultati avevano mostrato che le microfibre rilasciate durante il lavaggio variano da 124 a 308 mg per kg di tessuto lavato, a seconda del capo, con una quantità di microfibre compreso tra 640.000 e 1.500.000.

Il polpo Dumbo, l'animale abissale che sembra un cartone animato

Toscana, 16 delfini morti da novembre