12 Febbraio 2024
17:52

Dove vanno a morire i gatti

Quando stanno per morire, i gatti tendono ad andare lontano da casa e a nascondersi in posti isolati. Un comportamento che deriva dal desiderio di trovare un rifugio protetto quando si sentono più deboli e vulnerabili.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
1.076 condivisioni
Validato da Sonia Campa
Membro del comitato scientifico di Kodami
Immagine

I gatti, quando stanno per morire, hanno la tendenza ad andare lontano da casa e isolarsi, un comportamento che deriva dal desiderio di trovare un rifugio isolato e protetto in momenti in cui si sentono più deboli e vulnerabili. Rifugio che molto spesso cercano lontani da dove vivono abitualmente, nascosto e difficile da raggiungere.

Perché i gatti quando stanno per morire si allontanano da casa?

Non ci sono studi che consentano di dire che i gatti abbiano consapevolezza di stare per morire, ma si può dire con ragionevole certezza che, in caso di vecchiaia o malattia, sono consapevoli che sta accadendo loro qualcosa di spiacevole, e che spesso questi momenti sono accompagnati da disagio, paura, stress e in alcuni casi anche dolore.

Situazioni in cui il gatto reagisce come reagirebbe davanti a qualsiasi altra minaccia: sentendosi in pericolo scappa, e magari si nasconde, cercando un luogo sicuro in cui rintanarsi. Se hanno accesso all’esterno, dunque, è possibile che si allontanino da casa senza fare più ritorno, cercando quel riparo in cui attendere che il malessere, il dolore e la minaccia scompaiano, con l’esito peggiore.

I luoghi in cui vanno quando stanno per morire

Non esistono luoghi prestabiliti in cui i gatti vanno quando sentono che la vita li abbandona. Si può però dire che, alla luce di quanto spiegato e trattandosi di animali molto sensibili e riservati, cercheranno luoghi isolati e tranquilli, percepiti come sicuri, lontano da viavai di persone e macchine, da altri animali e da potenziali ulteriori forme di minaccia.

Solitamente sono rifugi coperti e appartati, o comunque luoghi in cui sarebbe difficili raggiungerli, e dove si rintanano sino a quando non sopraggiunge la morte.

I segnali che il gatto sta per morire

Alcuni tra i segnali più comuni che suggeriscono che un gatto stia per morire sono  inappetenza, dimagrimento, scarsa cura del mantello, vomito, abbattimento, letargia e mucose pallide. A questo si aggiungono i cambiamenti nel comportamento, che vanno osservati con attenzione trattandosi di animali molto abitudinari.

Un gatto disinteressato al cibo, che dorme molto e resta spesso accucciato, che non vuole interagire con gli umani di riferimento e con l’ambiente e che diventa più aggressivo o più docile è un gatto che ha certamente problemi. Ci sono poi aspetti fisiologici come la consistenza delle feci, la quantità di urina prodotta e il colore, la quantità di acqua e di cibo ingerito. Un gatto che digiuna per 48 ore è un gatto in uno stato di estremo malessere.

Avatar utente
Andrea Barsanti
Giornalista
Sono nata in Liguria nel 1984, da qualche anno vivo a Roma. Giornalista dal 2012, grazie a Kodami l'amore per gli animali è diventato un lavoro attraverso cui provo a fare la differenza. A ricordarmelo anche Supplì, il gatto con cui condivido la vita. Nel tempo libero tanti libri, qualche viaggio e una continua scoperta di ciò che mi circonda.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social