Erano pronti a dar vita a una corsa clandestina di cavalli sul lungomare. Ma gli agenti della polizia di Stato di Messina sono intervenuti prima che a questa venisse dato lo start. Così, sono state denunciate due persone che avrebbero voluto trasformare, la mattina di domenica 25 aprile, il litorale di Santa Margherita in un luogo di corse illegali.

Gli agenti hanno sequestrato i calessi, l’attrezzatura e i cavalli. Gli animali hanno ricevuto la visita dei veterinari della Azienda sanitaria provinciale di Messina. Che fosse una vera e propria gara lo testimoniava anche il clima che è stato denunciato alla sala operativa del 112: molte le urla e i clacson delle auto delle persone che avrebbero, a quanto pare, assistito con piacere alla gara. All’arrivo degli agenti gli spettatori si sono dileguati e sono rimasti solo i fantini.

I due partecipanti alla corsa ora dovranno rispondere alla Procura della Repubblica dei reati di maltrattamento e violazione del divieto di combattimenti tra animali.

La storia del cavallo "Magico" e degli animali maltrattati dimenticati dalla giustizia