27 Giugno 2021
8:27

Come distinguere un lupo da un Cane Lupo Cecoslovacco

Non sempre è facile riuscire a distinguere un lupo da un Cane Lupo Cecoslovacco. Ci sono però una serie di caratteristiche fisiche su cui possiamo concentraci e che possono aiutarci molto. Scopriamo quindi quali sono le differenze tra un lupo appenninico e un Cane Lupo Cecoslovacco.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
1.310 condivisioni
Immagine

Da un po' di anni la popolazione di lupo in Italia è fortunatamente in continua e costante crescita e, di conseguenza, anche gli avvistamenti nei pressi dei centri abitati. Spesso però non è semplice riuscire a distinguere un vero lupo da un Cane Lupo Cecoslovacco, la razza che più di tutte ricorda l'antenato selvatico del cane per aspetto, colorazione e dimensioni. Capita di frequente, quindi, che si faccia parecchia confusione e che si finisca per identificare come lupo ciò che lupo non è.

Il Cane Lupo Cecoslovacco è una razza piuttosto recente, nata proprio dall'ibridazione tra un lupo e un Pastore Tedesco. Si tratta di un cane fiero e indipendente, spesso incompreso, che ama molto la libertà e la vita in natura. Finisce quindi a volte per scappare e girovagare da solo per campagne o montagne generando preoccupazioni e falsi allarmi. Distinguerlo da un vero lupo non è facile, ma ci sono alcune caratteristiche fisiche su cui possiamo concentrarci che persino i non esperti possono osservare per discriminare i due canidi. Vediamo insieme quali sono.

Le dimensioni del corpo

Un lupo è solitamente più piccolo e meno massiccio di un CLC. Un lupo appenninico adulto pesa mediamente tra i 25 e i 35 kg, e le femmine sono più piccole dei maschi. Un Cane Lupo Cecoslovacco adulto, invece, ha spesso dimensioni e peso maggiori, soprattutto nei maschi. Il peso può superare facilmente i 30 kg, e in alcuni individui può arriva persino a 40-45 kg.

Il colore del mantello

Un lupo appenninico ha una colorazione tipicamente tra il grigio e il beige, con  le parti ventrali più chiare che variano verso il color crema. Possiede una banda grigia più scura sul dorso che arriva fino alla coda, che termina sempre con una punta nera. Il colore solitamente cambia nella stagione estiva e assume tonalità più rossicce. Il Cane Lupo Cecoslovacco ha un colore argento o grigio con sfumature giallo/ambra. Il mantello è chiaro anche sulla parte inferiore del collo e sul petto. Nel CLC inoltre è quasi sempre presente una fascia più chiara alla base del collo, all'altezza della scapola.

Le orecchie

Le orecchie sono uno dei caratteri diagnostici spesso più facili da osservare per discriminare un lupo da un CLC. Il lupo appenninico possiede infatti orecchie più piccole e arrotondante, mentre nel Cane Lupo Cecoslovacco sono molto grandi, larghe e maggiormente appuntite.

La coda

La coda di un lupo appenninico è molto più corta, con la punta nera e generalmente viene portata sempre dritta, sia quando è abbassata che quando è eretta. Nel CLC invece è molto più lunga, e spesso viene portata rivolta all'insù, curvata a formare una mezza luna.

La mascherina facciale

Entrambi i canidi possiedono una mascherina bianca ai lati del viso. Nel lupo appenninico è molto piccola, spesso con bordi sfumati e poco definiti che raramente arrivano a coprire il collo. Nel CLC la mascherina è invece molto più estesa e con linee molto più marcate e definite.

Le zampe

Anche le zampe sono tra i caratteri spesso più facili da notare per identificare un lupo appenninico. Sulle quelle anteriori, infatti, il lupo appenninico possiede sempre una linea verticale scura sulla parte anteriore molto ben evidente. Il Cane Lupo Cecoslovacco, invece, ha le zampe anteriori quasi sempre uniformemente chiare.

In caso di avvistamenti ora abbiamo qualche elemento in più per provare a capire si siamo di fronte ad un lupo oppure a un Cane Lupo Cecoslovacco. In ogni caso prima di lanciarsi in eventuali allarmi e segnalazioni è sempre consigliabile contattare le autorità e in particolare i Carabinieri Forestali.

Avatar utente
Salvatore Ferraro
Redattore
Naturalista e ornitologo di formazione, sin da bambino, prima ancora di imparare a leggere e scrivere, il mio più grande sogno è sempre stato quello di conoscere tutto sugli animali e il loro comportamento. Col tempo mi sono specializzato nello studio degli uccelli sul campo e, parallelamente, nell'educazione ambientale. Alla base del mio interesse per le scienze naturali, oltre a una profonda e sincera vocazione, c'è la voglia di mettere a disposizione quello che ho imparato, provando a comunicare e a trasmettere i valori in cui credo e per i quali combatto ogni giorno: la conservazione della natura e la salvaguardia del nostro Pianeta e di chiunque vi abiti.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social