Scatta “l’allarme lupo” nel Veneziano, ma quello nel video è un Cane Lupo Cecoslovacco

Il video di un presunto lupo avvistato nel Veneziano ha fatto scattare l'allarme, ma l'animale filmato non è un lupo: si tratta di un Cane Lupo Cecoslovacco.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
23 Gennaio 2024
17:47
613 condivisioni
Immagine
Stai leggendo Debunking bestiale non perderti altri contenuti di Kodami
Immagine

Un lupo si aggira indisturbato tra le strade ed è subito allarme tra i cittadini del comune di Santa Maria di Sala, nella città metropolitana di Venezia. Tutto è partito da un video pubblicato nel gruppo Facebook "Sei di Santa Maria di Sala se…", realizzato da un residente in auto che ha avuto l'incontro ravvicinato con l'animale. Le immagini hanno poi fatto il giro del web e la notizia è stata riportata da numerosi media e quotidiani, alimentando così un allarmismo del tutto ingiustificato.

L'animale ripreso nel filmato non è infatti un lupo, bensì un Cane Lupo Cecoslovacco, che si era probabilmente allontanato dalla sua abitazione. Non è purtroppo la prima volta che accade una cosa del genere, anche perché non sempre è semplice riuscire a distinguere i due animali. Proprio per questo, e in virtù del forte clima ostile che si è creato intorno al predatore in Italia, la cui presenza in città può comprensibilmente preoccupare gli abitanti, che bisognerebbe prestare molta più attenzione quando si diffondono notizie del genere.

Immagine
Lupo e Cane Lupo Cecoslovacco a confronto

Diffondere avvistamenti non confermati non fa altro che appesantire e accentuare ulteriormente la percezione distorta sulla reale presenza e pericolosità del lupo in alcune zone del nostro paese. Negli ultimi anni, infatti, la popolazione italiana di lupi è cresciuta fortunatamente molto, rendendo quindi sempre più facile avvistare il predatore anche in zone urbane o rurali, che per decenni non hanno fatto più parte dell'areale della specie. Tuttavia, con l'aumento dei lupi sono cresciuti anche i conflitti con le attività umane e, soprattutto, la diffusione di fake news e finti avvistamenti.

Capita di frequente, quindi, che si faccia parecchia confusione e che si finisca per identificare come lupo ciò che lupo non è. Il Cane Lupo Cecoslovacco deriva proprio dall'incrocio tra i lupi dei Carpazi e i Pastori Tedeschi, anche questo non è quindi semplice riconoscerlo se non si ha molta esperienza. Il risultato di questa selezione è una razza effettivamente molto simile al lupo, caratterizzata, tuttavia, da dimensioni maggiori. Se i Cani Lupi Cecoslovacchi possono arrivare fino ai 45 chili di peso, i lupi che vivono in Italia, generalmente, non superano invece i 35.

Immagine
Un lupo appenninico

Ci sono poi altre caratteristiche fisiche che posso aiutare a distinguere i due animali. Le orecchie, per esempio, nel lupo sono più piccole e arrotondate, così come la coda, nettamente più corta nel lupo, che la tiene spesso bassa e con la punta leggermente all'insù, mentre è più lunga e soprattutto folta nel cane. Entrambi hanno poi una mascherina facciale chiara, ma nel lupo è limitata ai contorni di muso e guance, mentre nel Cane Lupo Cecoslovacco è molto più chiara e netta e talvolta scende fino alla gola e al petto.

Anche il mantello del selvatico è leggermente diverso e tende ad avere toni più rossicci e bruni, mentre nel Cecoslovacco è tendente più al grigio o al giallo. Le zampe, infine, sono tra i caratteri spesso più facili da notare per identificare un lupo appenninico. Sulle quelle anteriori, infatti, il lupo appenninico possiede sempre una linea verticale scura sulla parte anteriore molto ben evidente. Il Cane Lupo Cecoslovacco, invece, ha le zampe anteriori quasi sempre uniformemente chiare.

Immagine
Un Cane Lupo Cecoslovacco

Ma a prescindere dalla capacità o meno di riuscire a riconoscere un lupo da un cane, anche nel caso in cui l'avvistamento fosse stato reale, a un certo punto dovremmo prima poi smetterla di rendere notizia ciò che non notizia non è. Un lupo avvistato di notte e in una strada isolata di campagna è un evento comune e da normalizzare oggi, tanto quanto lo è incontrare una volpe, un tasso o un capriolo. I lupi abitano le campagne e continueranno ad abitarle, per fortuna. Contribuire quindi a creare terrore, allarmismo e disinformazione sulla vita, le abitudini e rischi legati alla presenza di questi animali, è profondamente sbagliato e non giova a nessuno.

Sensibilizzare, diffondere consapevolezza e sapere come comportarsi in caso di incontri senza panico e allarmismi, è l'unica possibilità che abbiamo per normalizzare la normalità e ritornare ad avere un percezione realistica e concreta del mondo che condividiamo con questa e altre specie. Certo, i lupi possono rappresentare un potenziale pericolo, soprattuto per alcune categorie di persone o in specifici contesti. Questo è innegabile, ma proprio per evitare isterie di massa e panico mediatico, dobbiamo conoscere davvero questi animali, capire quando e se possono rappresentare un pericolo reale e sapere come comportarci o chi chiamare a seconda della situazione. È questa l'unica strada.

Avatar utente
Salvatore Ferraro
Redattore
Naturalista e ornitologo di formazione, sin da bambino, prima ancora di imparare a leggere e scrivere, il mio più grande sogno è sempre stato quello di conoscere tutto sugli animali e il loro comportamento. Col tempo mi sono specializzato nello studio degli uccelli sul campo e, parallelamente, nell'educazione ambientale. Alla base del mio interesse per le scienze naturali, oltre a una profonda e sincera vocazione, c'è la voglia di mettere a disposizione quello che ho imparato, provando a comunicare e a trasmettere i valori in cui credo e per i quali combatto ogni giorno: la conservazione della natura e la salvaguardia del nostro Pianeta e di chiunque vi abiti.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social