11 Novembre 2023
15:00

Che cosa esprime il gatto quando ti porta “regali” inaspettati?

Dai topolini alle lucertole, capita che i gatti depositino ai piedi dei loro pet mate, o nelle stanze di casa, quelli che vengono considerati "doni". Ma è veramente così?

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
34 condivisioni
Validato da Sonia Campa
Membro del comitato scientifico di Kodami
Immagine

Chiunque conviva con un gatto che ha accesso a spazi esterni (ma non solo) ha sperimentato almeno una volta nella vita quella circostanza in cui il felino, di ritorno da un’esplorazione, deposita in casa “regali”. Nello specifico – solitamente è così – prede, che si tratti di topolini, uccellini o lucertole. Molte ipotesi si sono sprecate su cosa porti il gatto a tornare a casa con la preda tra le fauci e a lasciarla, magari, su un tappeto, su un cuscino o anche nel letto del pet mate, e si è a lungo parlato di “regali”. Il termine “regalo” è però utilizzato soltanto dell’essere umano in questo senso, perché per il gatto non si tratta di doni, ma di rispondere a un comportamento legato alla sua natura di predatore.

Il gatto, infatti, mantiene un’elevata propensione alla caccia nonostante la (relativamente, in rapporto al cane) lunga convivenza con gli esseri umani, e quando ve n’è occasione le dà sfogo. I gatti che vivono in appartamento tendono a inseguire mosche e altri insetti, a volte anche lucertoline o gechi che incautamente entrano in casa e finiscono tra i loro artigli. Quelli che possono uscire e rientrare liberamente, invece, riescono a prendere di mira anche uccellini e altri piccoli animali che spesso portano dentro casa.

Del perché lo facciano si è dibattuto molto, e una teoria particolarmente apprezzata dagli amanti dei gatti è che siano mossi dall’affetto verso l’umano di riferimento e che gli portano doni per dimostrarlo o, in alternativa, per “nutrirlo”, perché lo ritengono incapace di procurarsi cibo da solo in quanto cacciatore poco abile. In entrambi i casi si tratta però soltanto di teorie suggestive e “romantiche” che molto hanno a che fare con ciò che il pet mate vuole vedere nel gatto e nel suo rapporto con lui, e non in ciò che effettivamente muove il gatto.

L’unica teoria sul perché il gatto porti “regali” ai pet mate considerata attendibile e coerente con il suo retaggio di specie, è che lo faccia per la necessità di portare le prede in un luogo sicuro, dove il bottino di caccia non viene minacciato da altri predatori e da competitori e dove può essere consumato in tranquillità. Nulla c’entra insomma l’affetto, con forse un’unica eccezione: se il gatto si fida abbastanza da portare la preda in casa, significa che percepisce l’ambiente come sicuro e l’umano con cui convive meritevole di fiducia, e non lo considera né una minaccia né un potenziale competitore per il frutto della sua caccia.

Diverso è invece il discorso quando parliamo di giochi. In questo caso il gatto potrebbe portare o lanciare il giocattolo – che si tratti di un topolino di pezza o di una pallina – all’umano di riferimento perché sta giocando, appunto, e cerca un’interazione per rendere il gioco ancora più interessante. Non un regalo, dunque, ma una semplice richiesta di interazione con il pet mate.

Avatar utente
Andrea Barsanti
Giornalista
Sono nata in Liguria nel 1984, da qualche anno vivo a Roma. Giornalista dal 2012, grazie a Kodami l'amore per gli animali è diventato un lavoro attraverso cui provo a fare la differenza. A ricordarmelo anche Supplì, il gatto con cui condivido la vita. Nel tempo libero tanti libri, qualche viaggio e una continua scoperta di ciò che mi circonda.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social