24 Novembre 2023
17:47

Cane salvato dalla Polizia Locale sulla Tangenziale di Bari: era fuggito di casa

Un cane simil volpino è stato recuperato sulla Tangenziale di Bari dalla Polizia Locale: l'animale vagava spaventato, per fortuna ora è a casa.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
6 condivisioni
Immagine

Stava vagando tutto solo sulla Tangenziale di Bari, con le macchine che gli sfrecciavano accanto, a rischio di essere investito. Un cagnolino è stato recuperato dalla Polizia Locale del capoluogo pugliese lo scorso martedì, durante una delle consuete attività di controllo compiute dagli agenti. L’animale è stato subito notato dalla pattuglia che si è fermata in condizioni di sicurezza.

Il cane ha mostrato un atteggiamento docile, rispondendo subito alle sollecitazioni degli agenti. Si è lasciato prima avvicinare e poi è entrato nell’auto di servizio, accomodandosi senza esitazione sui sedili posteriori: «Era sicuramente bisognoso di cura e di affetto – ha spiegato in una nota il Comandante della Polizia Locale di Bari Michele Palumbo – gli agenti hanno eseguito l’operazione con professionalità e competenza».

Immagine

L’animale è stato affidato subito al Canile Sanitario di Bari, gestito dall’associazione Nati per Amarti ODV. In un primo momento, infatti, si pensava si trattasse di un caso di abbandono. Il carattere del cane e l’abitudine al contatto umano non poteva far credere che fosse semplicemente un randagio che aveva smarrito la sua strada.

In realtà, una volta diffusa la notizia del recupero, attraverso un post pubblicato sulla pagina del canile, il personale è stato contattato dalla famiglia che lo aveva smarrito. L’animale è tornato così a casa nel giro di poche ore: «Era scappato di casa – hanno spiegato da Nati per Amarti a Kodami – lo hanno riconosciuto e sono passati a riprenderlo».

Il cane, un simil volpino rosso con collare antiparassitario, non aveva microchip. Proprio l’assenza di questo fondamentale strumento identificativo ha complicato notevolmente le operazioni, sia per l’individuazione che per il riconoscimento degli intestatari. Ricordiamo che l’iscrizione all’anagrafe canina e la conseguente applicazione del microchip è obbligatoria per legge. Il mancato rispetto della norma prevede la sanzione da 78 a 233 euro.

Avatar utente
Roberto Maggi
Giornalista
Sono nato a Bari nel 1985. Sono un giornalista, fotografo e videomaker. Amo raccontare storie di animali sia con le parole che con le immagini. Sono laureato in giurisprudenza e da anni seguo la cronaca locale in Puglia. Amo tutti gli animali, ma in particolar modo i gatti. Faccio spesso amicizia con loro quando viaggio con la mia moto.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social