11 Gennaio 2023
12:28

Cagnolina spaventata dai botti scappa e viene investita: salvata Polpetta

Una cagnolina è stata salvata con procedura di Pronto Soccorso dopo essere stata investita: era scappata per i botti a Capodanno.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
6.771 condivisioni
Immagine

L’inizio del nuovo anno oramai è passato da più di dieci giorni. Eppure la conta dei danni continua, soprattutto a causa della tanto discussa abitudine di far esplodere petardi allo scoccare della mezzanotte. Lo sanno bene anche gli amici a quattro zampe che  hanno sofferto per i festeggiamenti degli umani come è successo a Polpetta, una meticcia accolta dal Canile Sanitario di Bari dopo essere stata recuperata con procedura di pronto soccorso.

La cagnolina, una stanziale accudita e curata quotidianamente da 7 anni sul territorio cittadino, è fuggita per il terrore allontanandosi dalla sua zona. Lo spaesamento per un luogo diverso da quello dove era abituata a vivere, la paura, forse, per quanto avvenuto nei giorni precedenti, sono state tutte condizioni che l’hanno esposta a nuovi pericoli tra cui quello delle automobili. Investita da un’auto è stata salvata per miracolo.

Adesso è affidata ai veterinari e si spera che possa tornare al più presto in libertà: «Dopo le cure tornerà al suo posto – spiegano i responsabili del canile dell’Associazione Nati per Amarti Odv sulla pagina Facebook della struttura – Purtroppo l’uomo dovrebbe essere senziente, ma ci sono molte eccezioni».

La stessa disavventura l’aveva vissuta per lo stesso motivo Malvin, altro cane stanziale regolarmente accudito sul territorio. Per lui tutta la vicenda si era esaurita tra il 31 dicembre e il 1 gennaio. Dalla fuga alla ricerca di un riparo, lontano dai “bombardamenti”, al salvataggio compiuto da Carabinieri e Vigili del Fuoco. Il cane, infatti, era finito in una profonda caditoia, nella quale era rimasto imprigionato fino a quando un passante lo aveva visto chiamando i soccorsi.

Immagine

Dopo l’incidente sta meglio e ha potuto godere dell’assistenza del personale del Canile di Bari. Anche per lui il futuro, per fortuna, sarà ancora sul territorio come cane libero regolarmente seguito dai volontari della città.

Due episodi significativi che rappresentano la coda di un bollettino che purtroppo ha fatto registrare episodi in tutto lo stivale, nonostante i divieti che riguardavano anche il capoluogo pugliese. E che, ahimè, si protraggono anche nel corso dell’anno, con batterie di fuochi pirotecnici sparate in ogni mese dell’anno, anche in vicinanza di parchi e aree di sguinzagliamento, col rischio concreto di mettere a repentaglio la vita degli animali ma anche dei loro pet mate, laddove ce ne siano. Come scritto anche dal personale del Canile Sanitario di Bari: «Le usanze barbare e incivili, purtroppo anche da parte di molti baresi, confermano ancora una volta la superficialità e menefreghismo del genere umano. Ci consoliamo con tutte le brave persone che invece abbiamo conosciuto tramite l’esperienza del canile da sette anni a questa parte».

Avatar utente
Roberto Maggi
Giornalista
Sono nato a Bari nel 1985. Sono un giornalista, fotografo e videomaker. Amo raccontare storie di animali sia con le parole che con le immagini. Sono laureato in giurisprudenza e da anni seguo la cronaca locale in Puglia. Amo tutti gli animali, ma in particolar modo i gatti. Faccio spesso amicizia con loro quando viaggio con la mia moto.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social