Articolo a cura del Dott. Giuseppe Borzacchiello
Medico Veterinario e Professore universitario, esperto di patologia animale
artrosi gatto

L’artrosi è una patologia degenerativa progressiva delle cartilagini. Colpisce i gatti anziani, che a causa dell’infiammazione e del dolore zoppicano e sono riluttanti a camminare, saltare e in generale a muoversi. La diagnosi è generalmente radiologica. La terapia consiste nella somministrazione di farmaci anti infiammatori, antidolorifici ed integratori unita alla fisioterapia riabilitativa.

Cause dell'artrosi

Le ossa dello scheletro sono collegate tra loro tramite le superfici articolari che sono ricoperte da cartilagine. Le cartilagini articolari, i legamenti e la capsula formano le articolazioni. Veri e propri snodi che permettono il movimento. Il tessuto cartilagineo è costituito da una matrice ricca di acqua e macroelementi in cui sono immerse cellule dette condrociti. Con l’età la cartilagine articolare del gatto può andare incontro a fenomeni degenerativi, che causano erosione del tessuto. Ciò provoca un irregolare sfregamento dei capi ossei, che può esitare nella formazione reattiva di nuovo tessuto osseo (osteofiti). Questi fenomeni che sono progressivi causano una forte infiammazione e dolore.

L’artrosi colpisce gatti di tutte le razze soprattutto in età avanzata. Esistono anche cause predisponenti di natura genetica oltre all’obesità e traumi delle ossa.

Sintomi di artrosi nel gatto

Quando un gatto ha l’artrosi, la superficie liscia delle ossa si consuma e le ossa in alcuni punti si sfregano l'una contro l'altra. I sintomi più comuni sono: zoppia, riluttanza o esitazione a saltare, zampe rigide, difficoltà ad usare la lettiera. Inoltre, gli animali dedicano meno tempo alla loro toeletta, perché i movimenti sono rigidi e provocano dolore. Tendono a nascondersi o dormire per un tempo più prolungato e si innervosiscono quando il pet mate lo prende in braccio. Tuttavia, per l’indole tipica di questi animali che si adattano facilmente anche al dolore, difficilmente il pet mate si accorgerà di modifiche comportamentali. Dunque, risulta una malattia largamente sottodiagnosticata.

Terapia

gatto artrosi

La terapia medica è a base di farmaci anti infiammatori, antidolorifici ed integratori. Gli integratori devono essere somministrati per periodi molto lunghi e servono per integrare le sostanze perse con l’erosione cartilaginea. Si tratta di composti che integrano le componenti della matrice cellulare (acido ialuronico, glucosamine) e molecole che riducono i radicali liberi. Inoltre, è consigliata anche la fisioterapia a fini riabilitativi.

Cosa fare se il gatto ha l’artrosi

Se al micio viene diagnosticata l’artrosi bisogna semplificare la sua vita riducendo le possibilità di movimento. Dunque, le ciotole del cibo e dell’acqua vanno posizionate in modo da essere facilmente accessibili così come l’accesso alla lettiera. Bisogna eliminare tutti gli ostacoli al movimento dell’animale.

Le informazioni fornite su www.kodami.it sono progettate per integrare, non sostituire, le indicazioni date dal veterinario di riferimento.