circo senza animali

È arrivato ad Avellino il circo senza animali. Si tratta della prima volta in Campania dello spettacolo con animali olografici promosso dal Circus Atmosphere realizzato
dalla storica famiglia circense Vassallo.

I tendoni sono arrivati nella città a partire dallo scorso 1 ottobre e resteranno fino al 23 lungo la strada statale 7 Bis, all’altezza della caserma dei Vigili del Fuoco. Qui porteranno la magia di uno spettacolo privo di crudeltà verso gli animali. Tigri, delfini, squali e altri saranno presenti, ma solo come immagini olografiche, allo scopo di offrire al pubblico una esperienza immersiva tra le esibizioni dei giocolieri e dei trapezisti.

È la prima volta che uno spettacolo circense privo di crudeltà approda in Campania. Una vittoria per il sindaco Gianluca Festa, che già in passato aveva detto no agli animali nel circo ad Avellino.

«È uno spettacolo che siamo davvero felici di ospitare sul territorio cittadino perché da un lato appaga il desiderio di divertimento e dall’altro educa, soprattutto i più giovani, al rispetto nei confronti degli animali – ha affermato Festa – Come uomo e come sindaco sono sempre stato sensibile a queste tematiche e credo fermamente che il rispetto nei confronti di qualsiasi essere vivente sia l’indicatore più evidente del grado di civiltà di un popolo».

circo senza animali

Ad aprile il Primo cittadino aveva annunciato il divieto di usare gli animali negli spettacoli circensi sul suolo cittadino. Una presa di posizione che ha incassato il plauso di molti cittadini che hanno definito l'impegno del sindaco un «segno di civiltà», ma che si è trovato a dover fare i conti con le rimostranze e i ricorsi dell'agguerrito Ente Nazionale Circhi che riunisce compagnie e artisti italiani.

Oggi invece non servono ordinanze né divieti, perché lo spettacolo è finalmente animalfree, come ha confermatola vicesindaca Laura Nargi: «Come amministrazione ci siamo più volte opposti allo svolgimento, sul suolo cittadino, di spettacoli che prevedevano lo sfruttamento di animali». «Questo non per discriminare chi svolge un determinato lavoro, ma perché riteniamo che i tempi siano maturi per voltare pagina e accantonare una volta per tutte quelle pratiche che provocano sofferenza agli animali – ha aggiunto l'assessora alle Attività produttive – Grazie all’esperienza del Circus Atmosphere si può vivere la magia circo in modo etico ed innovativo».

Gli animali olografici dell'Atmosphere erano già arrivati per la prima volta in Italia a Bari, nel dicembre del 2021. E questo inverno sembrava che anche il Circo Nazionale Lidia Togni ce l’avesse quasi fatta a proporre uno spettacolo senza animali per la tappa napoletana, ma le cose non stavano proprio così. È vero che a Napoli non sarebbero arrivati grandi felini ed elefanti, gli animali selvatici più sfruttati nei circhi, tuttavia leggendo il programma diffuso dal circo è emerso che si sarebbero tenuti spettacoli con pappagalli e cavalli.

Ora Avellino, in maniera pionieristica per la Campania traccia una nuova tappa dello spettacolo senza animali né crudeltà.