Un modo per monitorare le specie animali è far conoscere e far partecipare a progetti per la salvaguardia e la conservazione non solo i ricercatori o gli esperti del settore, ma anche i cittadini. A volte infatti è necessario l'aiuto di più persone possibile per poter tutelare le specie in pericolo, rappresentando queste una criticità che riguarda noi tutti. È da questa necessità che nasce la Citizen Science, ossia la Scienza dei cittadini, dove questi ultimi vengono formati per un compito specifico al fine di aiutare nella ricerca e nella salvaguardia delle specie.

A tal proposito è nato il progetto Walrus from Space, promosso dal WWF e dal British Antarctic Survey, che ha lo scopo di censire due sottospecie di tricheco: quello dell'Atlantico (Odobenus rosmarus rosmarus) e quello del mare di Laptev (Odobenus rosmarus laptevi), negli ultimi anni considerata più una popolazione derivante dalla sottospecie del Pacifico che una sottospecie, che vivono nel Mar Glaciale Artico. Ecco il video di presentazione del progetto:

Video di presentazione del progetto Walrus from Space

Il progetto è aperto a tutti e viene chiesto di segnalare la presenza di individui di tricheco esaminando le migliaia di foto satellitari raccolte nell'arco di cinque anni. I trichechi vivono infatti in zone remote e poco accessibili, in un perimetro di ben 25.000 chilometri di costa artica e trovarle non è sempre facile. Si spostano inoltre molto e passano gran parte del loro tempo sul ghiaccio marino, motivo per cui le immagini satellitari sono un'ottima soluzione, ma è necessario l'aiuto di molte persone per poterle esaminare.

I trichechi infatti, nonostante siano piuttosto comuni e abbiano a disposizione un grande areale, sono classificati dalla IUCN (International Union for Conservation of Nature) come vulnerabili. Si prevede infatti che il riscaldamento climatico provocherà una drastica riduzione del loro areale, a causa dello scioglimento dei ghiacciai su cui vivono, e le popolazioni subiranno un forte declino.

Il progetto si pone quindi proprio lo scopo di valutare lo stato attuale di questa specie, attraverso il conteggio degli individui e l'individuazione delle zone più frequentate, per indagare come i cambiamenti climatici stanno avendo un impatto sulle popolazioni e capire come provare a tutelarle.