5 Dicembre 2023
10:06

Un collare al “profumo di lupo” per proteggere le greggi: la sperimentazione in Svizzera

Un collare che sprigiona “odore di lupo” per proteggere le greggi dagli attacchi di questi predatori. È questo il promettente esperimento partito in Svizzera, nel Canton Ticino.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
10 condivisioni
lupo

Un collare che sprigiona “odore di lupo” per proteggere le greggi dagli attacchi di questi predatori. L’esperimento è partito in Svizzera, nel Canton Ticino, e sembra dare risultati promettenti. A firmarlo, Federico Tettamanti e Davide Staedler, entrambi biologi, il primo specializzato in etologia, il secondo in chimica: sono stati loro a scommettere su un particolare collare che potrebbe concretamente aiutare gli allevatori della regione alpina del Ticino a convivere con il lupo.

L’idea alla base del collare ricalca i risultati di alcuni studi condotti sui topi qualche anno fa dai ricercatori dell’Università di Losanna. I test avevano dimostrato che i topi, in condizione di pericolo, emettevano feromoni che oltre ad allarmare i compagni producevano un odore simile a quello del predatore. La scoperta, riportata in un articolo pubblicato dalla National Academy of Sciences americana, ha poi portato allo sviluppo di ulteriori ricerche e sperimentazioni per capirne le potenziali applicazioni. Da qui sono partiti Tettamanti e Staedler per sviluppare un collare “al profumo di lupo”: dopo avere riprodotto in laboratorio i feromoni emessi dai lupi, li hanno inseriti in collari che hanno assicurato intorno agli animali da proteggere, principalmente capre e pecore, così da verificare se l’odore avrebbe tenuto lontani i lupi, facendo loro pensare di essere entrati nel territorio di un branco rivale.

Secondo quanto riportato dall'emittente Rsi, i risultati ottenuti sino a oggi, piuttosto promettenti, avrebbero spinto Francia e Svizzera a investire sui collari, ma la sperimentazione è ancora in atto e sarà necessario raccogliere dati sufficienti a dimostrare quanto effettivamente i collari fungano da deterrenti. Resta da chiarire anche come incidano sugli animali domestici, cani in primis.

«Non si sa ancora molto sulle interazioni tra lupi e cani, su come concretamente avvengano e, nel caso specifico, se esista una concreta capacità di riconoscimento attraverso i feromoni – spiega l’etologa Federica Pirrone, membro del comitato scientifico di Kodami – Recentemente è stata studiata questa dimensione, ma in direzione opposta, ossia ipotizzando che i lupi siano in grado di percepire le marcature olfattive lasciate nei propri territori da cani domestici e rispondere a esse. Da quanto è emerso, sembra che le distinguano da quelle dei conspecifici: passano più tempo a esplorarle, specialmente i giovani, e persistono più a lungo nel rispondere alla loro presenza, ad esempio marcandole a propria volta con le urine o raspando il suolo intorno».

«Si può pertanto ipotizzare – prosegue Pirrone – che sia vero anche il contrario, ossia che anche i cani domestici percepiscano le marcature olfattive dei lupi, modificando il proprio comportamento in loro presenza. In realtà però è auspicabile che i cani stiano lontani dai lupi, che con loro possono entrare in conflitto e che, pur non avendoli tra le prede elettive, in mancanza d'altro sappiamo che possono attaccarli anche per cibarsene; Pertanto, l'eventuale effetto di questi feromoni sintetici anche sui cani, che non è scontato, potrebbe avere i suoi vantaggi».

Avatar utente
Andrea Barsanti
Giornalista
Sono nata in Liguria nel 1984, da qualche anno vivo a Roma. Giornalista dal 2012, grazie a Kodami l'amore per gli animali è diventato un lavoro attraverso cui provo a fare la differenza. A ricordarmelo anche Supplì, il gatto con cui condivido la vita. Nel tempo libero tanti libri, qualche viaggio e una continua scoperta di ciò che mi circonda.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social