Sarà un’altra stagione “calda” per i cani-bagnini del Sics, la Scuola Italiana Cani Salvataggio. L'estate appena cominciata e già oggi, in una giornata di inizio luglio afoso e caldo che spinge tutti in acqua, la prima squadra uomo-cane è già stata operativa con il primo salvataggio. A Riva dei Tarquini, sul lungomare di Spinicci, il Golden Retriever Botch e la sua conduttrice Sara non hanno esitato un attimo: appena chiamati in causa dalle grida di aiuto si sono buttati in mare per andare a soccorrere una bimba di nove anni in grande difficoltà e il padre accorso a salvarla.

Bambina e papà in difficoltà: intervento immediato di Botch e di Sara

«La bambina era stata trascinata lontano dalla riva da una forte corrente ed era finita in una buca – racconta Roberto Gasbarri responsabile Sics centro meridionale – Ad intervenire per primo il padre non appena si è accorto che sua figlia era in pericolo, mentre la mamma è corsa a chiedere aiuto alla postazione di sicurezza Sics, allestita presso il Camping Riva dei Tarquini, a circa 100 metri di distanza». Fortunatamente l’intervento è stato tempestivo e Botch non se l’è fatto ripetere due volte. «Botch e Sara sono intervenuti immediatamente- aggiunge Gasbarri – aiutati da un membro del personale del campeggio e hanno raggiunto la bimba e suo papà, anche lui in forte difficoltà a causa della corrente di ritorno, e li hanno riportati a riva».

Carezze e coccole per Botch, protagonista del salvataggio

Botch e la sua conduttrice Sara, protagonisti del salvataggio di oggi a Tarquinia (credits:@SICS)
in foto: Botch e la sua conduttrice Sara, protagonisti del salvataggio di oggi a Tarquinia (credits:@SICS)

Scoppiato l’amore, ovviamente, tra i protagonisti dell’incidente che, per fortuna, non ha causato danni a nessuno. «Ma solo carezze e coccole per Botch – aggiunge Gasbarri che ricorda come la stagione, per i cani del Sics sia in partenza con 350 unità cinofile in campo nel Lazio, Abruzzo, Molise, Campania, Sicilia, Calabria e Puglia – Garantiremo il massimo della sicurezza nel corso della stagione balneare, in ausilio e affiancamento ai presidi di sicurezza balneare tradizionali».

I presidi SICS in centro e sud Italia, e 33 vite in salvo ogni anno

L'Abruzzo e il Molise sono presidiate attraverso le postazioni di Ortona, Pescara e Montesilvano, Vasto, Ternoli; in Puglia la Sics è presente a Bari. Nel Lazio, con le postazioni di Pescia Romana, Montalto di Castro, Spinicci, Tarquinia, Ostia, Anzio, Nettuno e Sperlonga. Al Sud troviamo Palinuro in Campania, Soverato sul Mar Ionio in Calabria; Palermo, Catania e Giardini Naxos in Sicilia.

«Con una media di 33 vite umane salvate ogni anno, la SICS è la più antica e la più grande associazione al mondo operante in questo specifico settore cinofilo ed anche per questo è ritenuta il leader mondiale nella specialità del salvataggio nautico», aggiunge Gasbarri che specifica come la potenza di traino del cane, permette conduttore di effettuare interventi impossibili da realizzare per il solo bagnino, come ad esempio, trainare a riva fino a tre persone contemporaneamente. «Le Unità Cinofile Operative vengono addestrate ad operare in qualsiasi condizione meteo-marina e su ogni tipo di mezzo, dalla motovedetta, all'acquascooter, fino all'elicottero, dal quale possono anche lanciarsi direttamente in acqua per effettuare operazioni di salvataggio».

Gli auguri di buon 2021 dei bagnini a quattro zampe del SICS

Sam, il cane che vola in acqua per salvare chi è in pericolo