Il Porto dei piccoli, in collaborazione con la sezione ligure della Sics (Scuola Italiana Cani di Salvataggio), organizza venerdì 29 luglio 2022 sulla spiaggia del Gaslini un incontro tra i bambini e i cani da salvataggio.

L’iniziativa “Bagnini a quattro zampe” fa parte del progetto “Let’s go to the beach”, una serie di appuntamenti ludico-didattici sulla spiaggia con eventi speciali dedicati proprio ai pazienti dell’Istituto grazie alla partecipazione della Guardia Costiera di Genova, la Croce Rossa Italiana Comitato Regionale Liguria, la sezione ligure della Scuola Italiana Cani di Salvataggio e la Cooperativa Pescatori di Bagnara.

Dopo una dimostrazione delle competenze necessarie per garantire la sicurezza in acqua da parte della sezione ligure della Sics, l’organizzazione mondiale dedita alla preparazione dei cani da salvataggio nautico, bambini e genitori potranno interagire con i soccorritori a quattro zampe: Sky, Dark, Brad, Ruggine, Axel e Mirò. Un’occasione per fare la conoscenza di questi cani straordinari e scoprirne l’utilità sociale, provando il brivido di far parte di un vero e proprio “team di salvataggio” speciale.

Ma le novità per i piccoli pazienti dell’Istituto Giannina Gaslini non finiscono qui. Le attività, infatti, proseguiranno fino a settembre, per tre volte a settimana (martedì, giovedì e venerdì) con dei laboratori a tema mare, come: “Incontra il biologo”, “Sailing for children in hospital: cleaning the sea edition” e “1, 2, 3… Plastic – Art!”. Un modo per portare i piccoli pazienti al mare, regalando loro una gioiosa evasione dalla quotidianità dell’ospedale. Tra gli appuntamenti, anche “Gimme Five”, progetto grazie al quale, già da alcuni anni, Il Porto dei piccoli ha portato l’attività assistita con gli animali all’interno dell’Istituto.

Sics, la scuola dei cani “bagnini”

La scuola nasce 30 anni fa dall'idea del presidente Ferruccio Pilenga che con il suo Terranova Mas ha iniziato ad occuparsi di salvataggio in acqua.

Oggi la scuola, unica riconosciuta a livello mondiale per la formazione dei cani "bagnino", ha sedi in tutta Italia, con circa 400 unità cinofile operative (cane+conduttore) che svolgono l'attività di salvataggio e di assistenza su moltissime spiagge italiane sui laghi  e durante varie manifestazioni, ha inoltre sedi riconosciute anche in vari paesi stranieri come Stati Uniti, Germania, Svizzera, tutte fanno riferimento alla sede nazionale di Milano.

L'attività che svolgono le unità cinofile si sintetizza con il soccorso in acqua di persone in difficoltà che vengono raggiunte, messe in sicurezza e riportate a riva con l'ausilio dei cani che possono trasportare anche 3 persone mentre un solo soccorritore può trasportare solo una persona per volta, con una media di 35/40 salvataggi ogni anno.

Oltre al salvataggio, molti dei cani della Sics svolgono un' attività di intrattenimento con bambini diversamente abili. L'attività di salvataggio viene svolta oltre che sulle spiagge anche in collaborazione con la Guardia costiera sui loro mezzi. I cani dopo un addestramento specifico sono gli unici in grado di intervenire lanciandosi dagli elicotteri intervenendo così anche in situazioni estremamente difficili.

Sono principalmente Terranova, Labrador e Golden Retriver ma tutti i cani possono essere addestrati e ottenere il brevetto dopo una preparazione che mediamente dura 12 /18 mesi, purchè abbiano un peso di almeno 25 kg. La preparazione dei cani prosegue anche durante l'inverno con varie attività. La maggior parte dei conduttori (che sono i proprietari dei cani) sono anche brevettati come bagnini, condizione indispensabile per svolgere alcune attività.

I cani da salvataggio della Sics vengono addestrati ad intervenire a bordo di qualsiasi mezzo nautico. Esiste un piccolo esercito di volontari a “6 zampe” che ogni estate si adopera per contribuire alla sicurezza balneare, come Flash, la regina dei salvataggi  che insieme al suo umano Biagio D’Aniello ha salvato la vita più di 20 persone. Kodami li ha incontrati per raccontare la loro storia.

I cani come Flash, ora in pensione, si adoperano per salvaguardare la vita delle persone che d’estate popolano le spiagge italiane ma non solo. In autunno e per tutte le stagioni fredde aderiscono al progetto "Sics cani da salvataggio per i bambini fragili" e non si tirano mai indietro di fronte ad un invito come quello del Gaslini e del Porto dei piccoli.