Sotto venti chili di pelo era nascosta anche la sua dignità. Rasta, un cagnolino padronale, è stato trovato in condizioni drammatiche a Gela in Sicilia, dall'associazione Vita randagia onlus, e ora lotta tra la vita e la morte. Aveva addosso una quantità di pelo pari a quello che cresce in circa cinque anni e il veterinario Massimiliano Messina ha impiegato tre ore per tosarlo e curargli le prime ferite sulla pelle.

Purtroppo Rasta è in prognosi riservata: non si alza e non reagisce alle sollecitazioni, il suo corpo è rimasto per lungo tempo a contatto con larve e altri parassiti che avevano nidificato nelle feci attaccate al manto, era denutrito e riusciva a malapena a vedere per il troppo pelo cresciuto.

Dalle prime ricostruzioni sembra che l'animale in passato fosse appartenuto a qualcuno, sul caso indagano i carabinieri.

Chi volesse informazioni su come aiutare Rasta e l'associazione trova i riferimenti sulla loro pagina Facebook.