18 Gennaio 2021
14:12

Recuperata la balenottera trovata morta a Sorrento, ora la necroscopia

È stata recuperata e sarà trasferita la carcassa della balenottera trovata morta nelle acque vicino all'Area Marina di Punta Campanella, a Sorrento. Si tratta di una femmina adulta lunga 23,5 m, forse la più grossa mai trovata nel Mediterraneo. Si attendono ora le analisi che stabiliranno le cause della morte del povero cetaceo.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
Immagine

La balenottera comune (Balaenoptera physalus) trovata morta sul fondale nelle vicinanze dell'Area Marina Protetta di Punta Campanella, nel porto di Sorrento, è risalita a galla a causa dei gas prodotti dalla decomposizione ed è stata finalmente recuperata. L'AMP fa sapere in una nota che l'animale sarà ora trasferito a Caivano o nel porto di Castellammare per poter eseguire la necroscopia.
Le analisi, che dovrebbero tenersi tra domani pomeriggio e mercoledì mattina, saranno effettuate da Sandro Mazzariol, patologo veterinario presso l’Università degli studi di Padova e responsabile dell’unità d’intervento del Cetacean strandings Emergency Response Team (CERT), che si occupa in tutta Italia e anche all'estero del recupero di cetacei di grosse dimensioni.

Immagine
Il recupero nel porto di Marina Piccola. Foto di Nicola Campomorto

Il recupero ha permesso finalmente di identificarne il sesso e le dimensioni: si tratta di una femmina adulta lunga 23, 5 m, che potrebbe pesare fino a 70 tonnellate. Se dovesse essere confermata la lunghezza stimata dovrebbe trattarsi della più grande balenottera comune mai trovata nel Mar Mediterraneo.

Questo il commento del presidente dell'AMP di Punta Campanella, Lucio Cacace: «È un evento triste che ha toccato tutta la comunità e questo dimostra come la sensibilità ambientale sia in crescita. Eventi come questo, purtroppo, accadono in tutto il mondo e alcune centinaia di cetacei si spiaggiano ogni anno in Italia. Molte volte si tratta di eventi naturali e c'è ben poco da fare. Se non cercare di comprenderne le cause. I cetacei, per fortuna, nel nostro mare sono presenti, sono di passaggio come dimostrano i numerosi avvistamenti degli ultimi anni. Noi dobbiamo cercare di tutelarli e rendere il loro habitat, cioè il mare, più pulito e sano possibile. Con LifeDelfi, progetto coordinato dal CNR IRBIM e finanziato dalla commissione europea, cerchiamo di farlo con i delfini».

Ora si cercherà di capire quali sono state le cause del decesso, che solo nel 65% dei casi vengono accertate dalle lunghe analisi post-mortem. Importanti saranno anche i dati scientifici che verranno raccolti e che contribuiranno a conoscere e a proteggere sempre meglio questi meravigliosi animali marini.

Immagine
Il recupero nel porto di Marina Piccola. Foto di Nicola Campomorto
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views