16 Agosto 2021
9:03

Gli animali provano emozioni?

L’esperire emozioni è una capacità che condividiamo con altre specie che, come noi, sono dotate di un’intelligenza emotiva. Cosa significa? Significa che anche gli altri mammiferi e gli uccelli hanno una sensibilità, sono capaci cioè di usare l’informazione emotiva per raggiungere i propri obiettivi, come cercare le risorse, creare legami sociali, difendere sé stessi o un territorio, fare pace ma anche soffrire.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
476 condivisioni
Membro del comitato scientifico di Kodami
Immagine

Se vi state domandando se anche gli animali non umani provano emozioni, la risposta è sì. Le emozioni sono stati mentali e corporei facilmente riconoscibili, e quindi oggi sappiamo che gli animali provano emozioni perché abbiamo imparato a misurarle in modo diretto, valutando i parametri fisiologici e il loro linguaggio del corpo: il muso, gli occhi, le orecchie, la coda, e anche la postura. Oggi sappiamo che le grandi scimmie, ad esempio, ridono mentre stanno giocando e gli scimpanzé, quando ridono di gusto, nascondono il proprio volto dietro la mano, esattamente come noi. Anche i ratti, quando sono felici, emettono trilli acuti simili alle nostre risate e poi saltellano, un po’ come fanno i puledri. Invece, quando soffrono, gonfiano le guance, stringono gli occhi e appiattiscono le orecchie.

Immagine

Quali emozioni provano gli animali?

Un cane, un gatto, un cavallo o un suino, tanto per citarne alcuni, sono certamente in grado di provare emozioni primarie, come la paura, la rabbia, la gioia o lo stupore. Come spiega bene lo psicologo statunitense Jaak Panksepp, le emozioni sono una sorta di semaforo vitale, che informa un animale su come sta andando nella ricerca della sopravvivenza. Le emozioni negative fanno accendere la luce rossa, indicandogli che sta entrando in una "zona di disagio", ossia che si trova in una situazione che potrebbe compromettere la sua sopravvivenza. Le reazioni emotive positive, invece, fanno accendere la luce verde, perché indicano all’animale che sta tornando nella sua comfort zone.

Immagine

Come esprimono le emozioni gli animali?

Quando l’emozione arriva, l’organismo si attiva per rispondere agli stimoli ambientali o sociali rilevanti che l’hanno suscitata. Le emozioni sono strumenti ancestrali talmente fondamentali per vivere che, oltre ad evolversi come frutto di processi cerebrali primari, possono essere affinate attraverso l’apprendimento – pensiamo al condizionamento della paura che è stato ben studiato nei modelli animali di condizionamento classico e operante – e, forse, anche attraverso processi cognitivi di ordine superiore. Tutto questo permette a un animale di prendere le decisioni giuste al momento giusto, come evitare i pericoli, o formare legami di coppia, e quindi, come si diceva, è fondamentale per la sua sopravvivenza. Se un’arvicola, all’improvviso, si ritrova davanti un serpente, si spaventa moltissimo. E cosa le succede? Per la paura si blocca, il suo battito cardiaco accelera, i muscoli si tendono, gli ormoni come l’adrenalina e il cortisolo aumentano nel suo torrente circolatorio. In tal modo, l’ossigeno viene convogliato al cervello e ai muscoli, così che la piccola possa affrontare il pericolo percepito, e decidere se scappare, rimanere immobile oppure affrontare l’avversario.

Immagine

Tutti gli animali provano emozioni?

Forse non proprio tutti gli animali provano emozioni, non nello stesso modo in cui le proviamo noi almeno. Le emozioni vengono elaborate nel cervello, in strutture primitive che si trovano sotto la corteccia e che sono anatomicamente, neurochimicamente e funzionalmente omologhe in molte specie. Senza queste strutture, forse, le emozioni non possono emergere. Per esempio, gli scienziati non hanno (ancora) scoperto se gli insetti sono esseri emotivi, in grado di provare emozioni come la paura in modo simile a noi. Certo è, comunque, che rispondono a situazioni minacciose con reazioni più complesse di quelle che si possono attribuire a un semplice riflesso. Non è quindi possibile escludere che anche un piccolo moscerino della frutta (Drosophila) possieda almeno i mattoni evolutivi fondamentali delle emozioni.

Bibliografia

Panksepp J. Affective neuroscience of the emotional BrainMind: evolutionary perspectives and implications for understanding depression. Dialogues Clin Neurosci 2010;12(4):533-545.

de Waal FBM. What is an animal emotion? Ann N Y Acad Sci. 2011, 1224:191-206.

Bekoff M. Animal Emotions: Exploring Passionate Natures: Current interdisciplinary research provides compelling evidence that many animals experience such emotions as joy, fear, love, despair, and grief—we are not alone. BioScience 2000, 50(10):861–870.

Gibson W.T., et al. Behavioral Responses to a Repetitive Visual Threat Stimulus Express a Persistent State of Defensive Arousal in Drosophila. Current Biology 2015, 25(11):1401-1415.

Nel 2003 mi laureo in Medicina Veterinaria. Dal 2008 sono ricercatrice presso l’Università degli Studi di Milano, dove insegno Etologia Veterinaria e Benessere Animale. Studio il comportamento degli animali e la relazione uomo-animale.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social