21 Giugno 2021
10:55

Giornata mondiale delle giraffe, animali sempre più a rischio

Il 21 giugno è la giornata mondiale delle giraffe, una festività dedicata a questi animali dal collo lunghissimo. La data è stata istituita dal Giraffe Conservation Foundation (Gcf), un organizzazione internazionale per la salvaguardia delle giraffe, per sensibilizzare la popolazione sullo stato di minaccia a cui va incontro questa specie.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
1.736 condivisioni
Immagine

Oggi, 21 giugno, è la Giornata mondiale delle giraffe, una festività giunta alla sua terza edizione e totalmente dedicata a questi affascinanti animali dal collo lunghissimo, che avviene proprio durante il giorno con più ore di luce l'anno. La data è stata stabilita dal Giraffe Conservation Foundation (Gcf), un'organizzazione internazionale per la salvaguardia delle giraffe, con lo scopo di sensibilizzare gli esseri umani sulle minacce e i rischi a cui va incontro questa specie e per raccogliere fondi per la loro salvaguardia.

Giraffe sempre più a rischio

Le giraffe dal 2016, a causa del calo della popolazione, sono state classificate come "vulnerabili" dalla IUCN e se ne contano ad oggi circa 68.000 individui maturi e 117.000 in libertà. Il loro habitat è piuttosto frammentato in diversi stati dell'Africa, soprattutto nella zona meridionale e orientale tra cui Etiopia, Tanzania, Namibia, Angola e Botswana. Si è invece localmente estinta in Eritrea, Guinea, Mauritania, Nigeria e Senegal. È una specie protetta nella maggior parte dell'areale dove vive, ma nonostante ciò è sottoposta a diverse minacce. Le principali sono la perdita dell'habitat a causa della deforestazione e della conversione del suolo ad esempio per le attività agricole, il bracconaggio per la carne o per il commercio di pelli e ossa, le attività antropiche come le attività minerarie e i disordini civili e bellici all'interno degli stati africani. Sono diversi gli sforzi di conservazione che si stanno attuando nei confronti di questa specie, sia all'interno delle aree protette come i parchi nazionali che forniscono un habitat protetto contro il bracconaggio, sia all'esterno. La giraffa è stato inoltre inserita nell'appendice 2 della CITES (Conferenza delle parti della Convenzione delle Nazioni Unite sul commercio internazionale delle specie minacciate di estinzione) per regolarne il commercio.

Cinque curiosità sulle giraffe

Ecco cinque curiosità su questi animali:

  • La giraffa (Giraffa camelopardalis), è considerata da sempre una sola specie divisa in sette sottospecie che si differenziano rispetto all'area geografica dove vivono e alle caratteristiche morfologiche: Giraffa di Kordofan (G. c. antiquorum), Giraffa della Nubia (G. c. camelopardalis), Giraffa di Rothschild (G. c. rothschildi), Giraffa dell'Africa occidentale (G. c. peralta), Giraffa reticolata (G. c. reticulata), Giraffa dell'Angola (G. c. angolensis), Giraffa del Sudafrica (G. c. giraffa), Giraffa masai (G. c. tippelskirchi) e Giraffa di Thornicroft (G. c. thornicrofti).
  • Uno studio recente ha analizzato e sequenziato il DNA di 50 individui differenti, dimostrando che quattro popolazioni sono state sufficientemente isolate dal punto di vista riproduttivo per poter essere considerate specie diverse. Alla luce della nuova ricerca quindi ci sarebbero quattro specie di giraffa: la Giraffa settentrionale (Giraffa camelopardalis), originaria del Nord Africa; la Giraffa reticolata o somala (G. reticulata), diffusa tra Somalia, l'Etiopia meridionale e il Kenya settentrionale; la Giraffa masai (G. tippelskirchi), presente in Africa orientale e la Giraffa meridionale (G. giraffa), diffusa invece nell'Africa meridionale. La giraffa settentrionale inoltre sarebbe suddivisa poi in tre sottospecie, mentre quella masai e quella meridionale in due.
  • Non esistono due giraffe identiche ma al contrario sono tutte distinguibili l'una dall'altra per il motivo del mantello che funziona proprio come una sorta di "impronta digitale".
  • Non esiste mammifero alto quanto la giraffa: anche il cucciolo appena nato è più alto di qualsiasi umano!
  • Sono state osservate due giraffe nane in Uganda e Namibia, affette da displasia scheletrica, che sono riuscite a superare l'età giovanile e sono diventate oggetto di studio di alcuni ricercatori che ne hanno pubblicato i risultati sulla rivista BMC Research Notes
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views