4 Dicembre 2023
15:58

Un nuovo progetto con le caprette tibetane nel parco del Crostolo a Reggio Emilia

Dopo un anno e mezzo, le caprette tibetane tornano nel parco del Crostolo, a Reggio Emilia. Un’area verde in cui questi animali sono stati per lungo tempo presenza fissa.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
Immagine
Le caprette nel parco del Crostolo di Reggio Emilia

Tornano le caprette nel parco del Crostolo, a Reggio Emilia, un’area verde in cui questi animali sono stati per lungo tempo presenza fissa prima di un’interruzione durata un anno e mezzo legata principalmente alla loro gestione. A rendere possibile il ritorno sono stati Massimo Montanari ed Eugenia Dallaglio, guide ambientali escursionistiche e fondatori dell’associazione “Asini di Reggio Emilia”.

I due da anni allevano asini, e con loro camminano nelle campagne e nei territori intorno alla città di Reggio Emilia: «Spesso ci spostiamo, anche lontano, dove bambini famiglie, associazioni e gruppi richiedono la presenza dei nostri amici – spiegano – abbiamo 17 splendidi asini che per noi sono compagni di vita e di lavoro: sono al nostro fianco nelle attività di escursionismo, nelle vacanze nella natura, nella didattica e nell'animazione. Insieme a loro organizziamo momenti e incontri di relazione con le persone. Ci piace promuove occasioni di convivialità e socializzazione, perché l'asino è un amico che sa raccogliere intorno a sé la bellezza dello stare insieme».

Saranno dunque Montanari e Dallaglio a occuparsi del benessere e della cura delle sette caprette tibetane che hanno trovato una nuova casa nel recinto che dà il nome al Parco del Crostolo, e che sono state celebrate, domenica, con un evento dedicato a famiglie e bambini cui hanno partecipato anche l’assessore all’Ambiente del Comune di Reggio Emilia, Carlotta Bonvicini, e l’assessore alla Partecipazione, Lanfranco De Franco.

«Così come al parco del Mauriziano anche il parco delle caprette diventerà un luogo di relazione con gli animali – ha detto Montanari – un posto dove sette caprette e due asinelli saranno coccolati e accuditi dai bambini e famiglie che frequentano il posto. La Reggio Emilia “asinabile” si espande, continuiamo a costruire una città più responsabile nei confronti degli animali. Tutti quelli che erano abituati a gettare il cibo avanzato e ritenere quei poveri animali un deposito dei rifiuti, dovranno abituarsi a un nuovo modo di rapportarsi con gli ospiti del recinto».

Uno degli scopi primari del progetto, infatti, è fare attività di sensibilizzazione ed educazione soprattuto tra i più piccoli, e impedire che le caprette vengano vista soltanto come una sorta di intrattenimento: vietato dare loro cibo, tanto per citare una delle prime regole, oltre che, ovviamente, infastidirle o molestarle.

«Il nostro intento come asineria è di costruire un percorso culturale in cui le persone possano rapportarsi con gli animali in un modo diverso, che tenga conto dell' aspetto emozionale e relazionale – conclude Montanari – ci siamo riusciti con gli asini, siamo certi di riuscirci anche con le caprette. Reggio Emilia è sempre più un laboratorio di esperienze condivise con gli amici quattro zampe».

Avatar utente
Pietro Zampedroni
Giornalista
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social