Un "eterogeneo" team guidato da scienziati dell'Università di Washington e da alcuni agenti speciali del Dipartimento per la sicurezza interna degli Stati Uniti ha effettuato dei test genetici su sequestri di avorio effettuati dalle forze dell'ordine per scoprire le reti criminali internazionali che si celano dietro il traffico di avorio dall'Africa. Le connessioni genetiche tra le spedizioni illegali che hanno scoperto espongono un grado di organizzazione ancora più elevato tra le reti di contrabbando di avorio rispetto a quanto precedentemente supposto: meno cartelli criminali, ma meglio organizzati e capaci di spostare agilmente i loro "prodotti" nei paesi africani "giusti" al momento giusto.

I risultati del lavoro di indagine sono stati pubblicati il 14 Febbraio sulla rivista Nature Human Behaviour. Gli esperti hanno utilizzato test del DNA di oltre 4mila zanne di elefanti africani di entrambe le specie esistenti ottenute da quarantanove diversi sequestri di avorio effettuati in 12 nazioni africane in un periodo di 17 anni.

Una fitta rete criminale internazionale

Queste mappe illustrano i cambiamenti nel tempo nelle operazioni di contrabbando verso diversi porti africani. Ogni punto pieno rappresenta un sequestro d'avorio in quel paese. Le linee blu indicano che due sequestri sono collegati da corrispondenze genetiche tra zanne.

Inizialmente, le zanne di elefante della savana sono state contrabbandate attraverso la Tanzania, lo Zambia e il Malawi, ma il traffico si è poi spostato in Kenya nel 2010-2012 e in Uganda nel 2013-2015. Successivamente, le operazioni si sono spostate nella Repubblica Democratica del Congo e in Angola nel 2016-2019.

Quelle di elefante della foresta invece sono state spostate dal Togo nel 2013-2014 alla Nigeria nel 2016-2019 e hanno mostrato collegamenti con i sequestri in Africa centrale.

Secondo l'autore principale, Samuel Wasser, l'esposizione dei collegamenti tra diversi sequestri di avorio, effettuati in porti africani e asiatici a volte a migliaia di chilometri di distanza l'uno dall'altro, aumenterà probabilmente le prove contro i criminali arrestati per bracconaggio di elefanti e contrabbando e rafforzerà i procedimenti penali contro le organizzazioni criminali transnazionali responsabili.

Wasser è professore di biologia e direttore del Center for Environmental Forensic Science, il cui gruppo ha sviluppato gli strumenti genetici alla base di questo lavoro. Il professore ha recentemente dichiarato: «Questi metodi ci stanno dimostrando che una manciata di reti è alla base della maggior parte dell'avorio di contrabbando e che le connessioni tra queste reti sono più profonde di quanto mostrato anche dalla nostra ricerca precedente».

Una seria minaccia alla sopravvivenza degli elefanti africani

Il commercio illegale di avorio, insieme alla perdita di habitat, al cambiamento climatico e ad altri fattori, sta decimando le due specie di elefanti in Africa. Sebbene i sequestri di avorio da parte delle autorità provengano da elefanti che sono già stati massacrati, le zanne possono fornire informazioni preziose illuminando il bracconaggio, le attività di spedizione e la connettività dei trafficanti.

Il lavoro precedente di Wasser e dei suoi collaboratori, pubblicato nel 2018 sulla rivista Science Advances, ha identificato le zanne dello stesso elefante che sono state separate e contrabbandate in spedizioni diverse prima di essere sequestrate dalle forze dell'ordine. Il ritrovamento di entrambe le zanne dello stesso individuo collegava quei sequestri alle stesse reti di trafficanti.

Tali sforzi hanno indicato che, dal 2011 al 2014, i cartelli hanno avuto la tendenza a contrabbandare avorio da tre porti africani: Mombasa in Kenya, Entebbe in Uganda e Lomé nel Togo.

In questa nuova impresa, pubblicata il 14 febbraio 2022 su Nature Human Behaviour, Wasser e i suoi colleghi hanno ampliato la loro analisi per identificare anche le zanne di individui strettamente imparentati: genitori e figli, fratelli e fratellastri. «L'aggiunta di parenti stretti amplia la portata dello sforzo» ha affermato Wasser. «Se stai cercando di abbinare una zanna alla sua coppia, hai poche possibilità di una corrispondenza. Ma identificare i parenti stretti sarà un evento molto più comune, permettendoci di collegare più sequestri di avorio alle stesse reti di contrabbando»

Il team ha testato questa metodologia su 4.320 zanne, sia di elefanti della foresta (Loxodonta cyclotis), sia di elefanti della savana (Loxodonta africana), per un totale di ben 111 tonnellate di avorio, tutte sequestrate dal 2002 al 2019.

I risultati hanno mostrato che la maggior parte delle queste spedizioni potrebbero essere collegate in base a zanne abbinate dello stesso individuo o di parenti stretti. «L'identificazione di parenti stretti indica che i bracconieri stanno probabilmente tornando alle stesse popolazioni ripetutamente, anno dopo anno, e le zanne vengono poi acquisite e portate fuori dall'Africa su navi portacontainer dalla stessa rete criminale», ha affermato Wasser. «Questa strategia criminale rende molto più difficile per le autorità rintracciare e sequestrare queste spedizioni a causa dell'immensa pressione a cui sono sottoposte per spostare rapidamente grandi volumi di container attraverso i porti».

I dati genetici mostrano che una manciata di reti di contrabbando fittamente interconnesse sono probabilmente dietro la maggior parte delle grandi spedizioni di avorio, il più delle volte esportato dai porti del Kenya, dell'Uganda e della Nigeria. Espandendo l'analisi per identificare le zanne di parenti stretti, il team potrebbe anche collegare i sequestri da una dozzina di altri paesi dell'Africa centrale e occidentale, che si estendono dalla Costa d'Avorio sull'Oceano Atlantico al Mozambico sull'Oceano Indiano.

«Collegando i singoli sequestri, stiamo creando intere reti di contrabbando che stanno cercando di togliere queste zanne dal continente», ha detto Wasser. I criminali dietro un sequestro di avorio sarebbero stati perseguiti esclusivamente per quel sequestro. Ma le prove genetiche di Wasser e del suo team potrebbero rafforzare le indagini e le azioni penali collegando le organizzazioni criminali transnazionali responsabili a più sequestri, portando a sanzioni più severe.