Stop caccia al trofeo: al via il Twitterstorm di Humane Society International/Europe sui social al ministro Fratin

Sui profili social del ministro dell'Ambiente Gilberto Pichetto Fratin è iniziato il Twitterstorm promosso da Humane Society International/Europe per dire stop alla caccia al trofeo. Noi di Kodami abbiamo osservato da vicino come avviene questa pratica recandoci alla più grande fiera della caccia d'Europa.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
1 Settembre 2023
9:40
74 condivisioni
leopardo

Sui profili social del ministro dell'Ambiente Gilberto Pichetto Fratin è iniziato il Twitterstorm promosso da Humane Society International/Europe per dire stop alla caccia al trofeo. È possibile partecipare usando gli hashtag #NotInMyWorld e #BastaCacciaAlTrofeo oltre a #HSIItalia.

La caccia al trofeo mette a rischio la conservazione di moltissime specie che già vivono sotto continua e forte pressione antropica. Tra il 2014 e il 2021, l’Italia ha importato 442 trofei provenienti da mammiferi protetti a livello internazionale, come ippopotami, rinoceronti, elefanti, leoni. In Italia non puoi prendere il fucile per uccidere un animale selvatico e sparare a piacimento, ma comprando avorio o altre parti di animali si alimenta un mercato che è molto più grande di quanto comunemente si pensi.

Che senso ha proteggere le specie presenti sul nostro territorio e fare lunghe battaglie davanti al Tar di Trento per salvare lupi e orsi se poi permettiamo che migliaia di animali della savana vengano uccisi e smembrati per essere portati qui da noi? Se lo sono chiesto anche gli attivisti di Hsi, che per questo hanno inviato una lunga lettera aperta diretta al Ministro: «Gli animali, protetti dalla Convenzione sul commercio internazionale delle specie di flora e fauna selvatiche minacciate di estinzione (Cites), appartengono al loro habitat naturale e non è accettabile che diventino trofei da esporre nei salotti dei cacciatori».

Noi di Kodami abbiamo toccato con mano questo fenomeno quando sotto copertura siamo entrati alla Jagd&Hund, la più grande e importante fiera della caccia d’Europa che ogni anno si tiene a Dortmund, in Germania.

Molte persone partecipano a questo evento per un motivo ben preciso: qui è possibile organizzare safari in Africa finalizzati alla caccia al trofeo. Anche noi abbiamo provato a prenotare questa esperienza, che viene venduta come un normale pacchetto vacanza, con la differenza che l’obiettivo è uccidere uno dei Big Five.

I Big Five sono i 5 animali considerati più difficili e pericolosi da cacciare in Africa e sono l’elefante africano, il leone, il leopardo, il rinoceronte e il bufalo africano. Aprendo quello che sembra un vero e proprio menù proposto da uno qualsiasi degli stand del padiglione 8 si può scegliere se uccidere un leopardo per 20mila euro, un bufalo per 8000 euro, oppure un uccello per soli 5 euro. Ce n’è per tutte le tasche.

Nonostante questo fenomeno, e le centinaia di importazioni di trofei di caccia nel nostro Paese, l'86% degli italiani restano però contrari. Forti di questo sostegno, Hsi ha inviato il suo appello a Pichetto Fratin: «Di fronte alla sesta estinzione di massa, facciamo appello a Lei e al Suo senso di responsabilità per porre fine al coinvolgimento del nostro Paese in questa pratica deleteria e anacronistica, introducendo un divieto di importazione, esportazione e ri-esportazione di trofei di caccia ottenuti da animali appartenenti a specie protette a livello internazionale».

«Ministro – conclude l'associazione che in Italia è guidata da Martina Pluda – prenda esempio da Paesi che hanno già preso o stanno prendendo iniziativa come Belgio, Finlandia, Francia, Germania, Paesi Bassi, Polonia, Regno Unito e segua la strada indicata dal Parlamento Europeo che, con una risoluzione a maggioranza, ha chiesto di vietare le importazioni di trofei di caccia nell’Unione Europea. Glielo domandano i cittadini italiani!».

Giornalista per formazione e attivista per indole. Lavoro da sempre nella comunicazione digitale con incursioni nel mondo della carta stampata, dove mi sono occupata regolarmente di salute ambientale e innovazione. Leggo molto, possibilmente all’aria aperta, e appena posso mi cimento in percorsi di trekking nella natura. Nella filosofia di Kodami ho ritrovato i miei valori e un approccio consapevole ma agile ai problemi del mondo.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social