29 Luglio 2022
17:01

Sequestrato canile lager abusivo nel Casertano: gli animali vivevano tra i rifiuti

Un canile lager abusivo è stato sequestrato a Sessa Aurunca, nel Casertano. Gli animali vivevano tra rifiuti e deiezioni.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
55 condivisioni
canile caserta

Abbandonati fra cumuli di rifiuti e deiezioni. È in queste condizioni che sono stati trovati 18 cani all'interno di una struttura abusiva di detenzione nel Casertano. La scoperta è stata fatta dai militari della Stazione Carabinieri Forestale di Sessa Aurunca e dal Gruppo Carabinieri Forestale di Caserta durante un sopralluogo nella frazione di Rongolise del Comune di Sessa Aurunca.

Le Forze dell'ordine hanno agito congiuntamente al personale dell'Asl veterinaria di Caserta e dell'Unità operativa Servizio Veterinario Igiene degli Allevamenti e delle Produzioni Zootecniche di Sessa Aurunca.

Lo scopo del sopralluogo era verificare il rispetto della normativa ambientale e sanitaria derivante dalla detenzione di animali da compagnia. I militari si sono invece trovati davanti una serie di box costruiti con materiali di fortuna reti metalliche, reti da letto, e lamiere, posizionate direttamente su suolo nudo, una situazione ben lontana dalle regole del benessere animale individuate dalla legge regionale. All'interno di un box è stata poi trovata una conduttura in pvc che convogliava i reflui prodotti dagli animali direttamente in un fosso poco distante dagli stessi box.

Vivevano in queste condizioni i cani all'interno della struttura, 10 dei quali erano anche privi di microchip obbligatorio per legge. I militari hanno quindi contestato reati ambientali come deposito incontrollato di rifiuti speciali non pericolosi e scarichi di acque reflue non autorizzate. Le strutture sono state sequestrate delegando al custode giudiziario il compito di prendersi cura degli animali in attesa di accertare la loro situazione.

Il proprietario dell'area e delle strutture abusive è stato denunciato e multato per 12mila euro per una lunga serie di violazioni amministrativo-sanitarie come la mancata comunicazione all'Asl delle variazioni di detenzione e la mancata regolare e adeguata pulizia degli spazi in cui vivevano i cani.

Giornalista per formazione e attivista per indole. Lavoro da sempre nella comunicazione digitale con incursioni nel mondo della carta stampata, dove mi sono occupata regolarmente di salute ambientale e innovazione. Leggo molto, possibilmente all’aria aperta, e appena posso mi cimento in percorsi di trekking nella natura. Nella filosofia di Kodami ho ritrovato i miei valori e un approccio consapevole ma agile ai problemi del mondo.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social
api url views