Intervista a Prof. Jean-Baptiste Leca
Dipartimento di psicologia dell'Università di Lethbridge in Canada

Il riscatto più lungo? È durato venticinque minuti. Questo il tempo impiegato da un addetto del tempio di Uluwatu a Bali per convincere una scimmia a restituire il cellulare a un turista. Lo studio del professor Leca lo conferma: i macachi indonesiani scelgono quali oggetti rubare per ottenere la ricompensa più alta e hanno capito che gli conviene puntare a smartphone e occhiali piuttosto che a oggetti di poco valore.

La ricerca del professor Jean-Baptiste Leca del dipartimento di psicologia dell'Università di Lethbridge in Canada, finanziato dal Natural Sciences and Engineering Research Council of Canada (NSERC) e dall'Alberta Gambling Research Institute GRI), è stata pubblicata su Philosophical Transactions of the Royal Society. Studiando le interazioni delle scimmie per 273 giorni, i ricercatori hanno scoperto che i macachi chiedevano cibo migliore o in maggior quantità per restituire ai turisti portafogli, occhiali da vista o telefoni cellulari rispetto ad articoli di valore inferiore, come forcine per capelli o borse per fotocamere.  Kodami ha raggiunto il professor Leca per chiedergli come queste scimmie abbiano acquisito queste astuzie alla Arsenio Lupin.

Professor Leca, a Bali le scimmie hanno capito cosa significa "fare business"?

La nostra ricerca precedente aveva già dimostrato che i macachi del tempio di Uluwatu, a sud di Bali, avevano appreso due comportamenti importanti: primo, erano abili nel rubare oggetti più o meno preziosi ma non commestibili dai visitatori del tempio, e secondo che erano in grado di trattenere questi oggetti fino a quando non ottenevano uno scambio di cibo con gli umani che rivolevano indietro i loro averi.

Cosa ha rivelato il suo ultimo studio?

In primo luogo, queste scimmie – e in particolare quelle più esperte e qualificate, che sono principalmente individui adulti e subadulti – hanno imparato a mappare i loro comportamenti e rubare gli oggetti secondo una scala di valori attribuiti dagli esseri umani a oggetti diversi.

Riescono quindi a dare un valore economico agli oggetti? 

Sì, queste scimmie selezionano preferenzialmente oggetti che hanno maggiori probabilità di essere scambiati con cibo, ad esempio dispositivi elettronici, portafogli, occhiali rispetto ad altri oggetti che sono meno preziosi per gli esseri umani e per cui, in genere, non vale la pena barattare come le borse per macchine fotografiche vuote, vecchi cappelli o forcine.

E sono molto abili nella negoziazione…

Esatto, ottengono costantemente e attivamente più ricompense alimentari o una ricompensa alimentare più gradita in cambio di un oggetto di valore più alto. Quindi, davvero, queste scimmie sembrano aver mappato i loro comportamenti di rapina e baratto sulla nostra scala di valori quando si tratta della nostra cultura materiale.

Si può parlare di capacità economico-finanziarie?

Questi risultati indicano una qualche forma di massimizzazione del profitto del furto/baratto, che è indicativo di un processo decisionale economico rudimentale da parte di queste scimmie. La nostra ricerca ha rivelato per la prima volta le radici del comportamento economico negli animali liberi. Risultati simili erano stati precedentemente ottenuti in scimmie e grandi scimmie nell'ambiente controllato dei laboratori, ma è la prima volta che lo scambio di token a livello di un'intera popolazione viene studiato in animali liberi (non umani).

Come fanno le scimmie ad ottimizzare il loro guadagno?

Questi comportamenti di rapina e baratto, inclusa la massimizzazione del profitto, sono, almeno in parte, culturali. È l'espressione dell'intelligenza culturale da parte di queste scimmie perché questi comportamenti sono socialmente appresi e sono stati mantenuti attraverso generazioni di scimmie per almeno 30 anni in questa popolazione.

Questa abilità è transgenerazionale?

I nostri dati mostrano che le scimmie adulte e subadulte hanno acquisito queste abilità, non solo attraverso l'esperienza personale, ma anche osservando altre scimmie. Ci vogliono diversi anni per padroneggiare queste abilità. Inizialmente avevamo previsto un aumento graduale delle capacità di rapina e baratto con l'età. In altre parole, ci aspettavamo che le scimmie adulte avrebbero avuto un successo significativamente maggiore rispetto alle scimmie subadulte, che a loro volta avrebbero avuto un successo significativamente maggiore rispetto alle scimmie giovani.

Quali sono le scimmie più abili nel furto?

Alla fine, abbiamo scoperto che le scimmie subadulte (cioè tra i 4 ei 6 anni) avevano quasi lo stesso successo delle scimmie adulte (dai 7 anni in su). Quindi il nostro studio dimostra che questi comportamenti devono essere appresi durante la giovinezza (cioè fino a 4 anni in questa specie) per essere eseguiti con successo. Ma ovviamente, ciò non significa che qualsiasi scimmia di 5 anni abbia esattamente lo stesso successo di qualsiasi scimmia adulta matura e molto più esperta in questo "gioco". Indipendentemente dall'età, c'è anche qualche variazione individuale in queste abilità.