27 Novembre 2023
12:23

Pettirosso muore dopo essere finito sulla colla per topi: perché evitare queste trappole mortali

Un pettirosso è morto a Vicenza dopo essere rimasto incollato su una trappola per topi. L'uso di colla e altre sostanze appiccicose per uccidere ratti e topi è un sistema crudele e non selettivo, che non va usato perché colpisce anche tanti piccoli animali selvatici come uccelli, rettili e piccoli mammiferi.

Entra nel nuovo canale WhatsApp di Kodami
81 condivisioni
Immagine

Un pettirosso è rimasto incollato in una trappola per topi a Vicenza. Nonostante il tentativo di salvataggio da parte di una volontaria, non ce l'ha fatta. A segnalare l'accaduto è stata l'associazione Alveare, che si occupa del recupero e del salvataggio di animali selvatici. Come ricorda la stessa associazione, si tratta dell'ennesima vittima di una trappola non selettiva che purtroppo colpisce in maniera indiscriminata un sacco di animali selvatici e protetti.

L'uso di sostanze appiccicose che catturano e trattengono saldamente gli animali, spalmate solitamente su supporti di legno o di cartone, è uno dei sistemi più cruenti e utilizzati per catturare e uccidere tra atroci sofferenze roditori indesiderati come topi e ratti. Colla e vischio intrappolano però tantissimi piccoli uccelli, come appunto pettirossi, merli o passeri, ma anche ricci, lucertole, piccoli anfibi e molti altri animali selvatici, che poi raramente riescono a sopravvivere a questo sistema di cattura crudele.

Inoltre, anche quando sulla trappola ci finisce un topo, questo può poi attirare e far rimanere incollati anche predatori come civette o barbagianni, che sono per di più alleanti molto più efficaci e "utili" per mantenere sotto controllo il numero di roditori indesiderati, più di ogni altra trappola o sistema di cattura e uccisione escogitato dall'uomo. Ecco perché questi sistemi di cattura violenti e non selettivi non andrebbero mai utilizzati, tant'è che alcuni Comuni, come Roma, ne hanno persino vietato la vendita.

In commercio esistono infatti sistemi di cattura a trappola molto più efficaci, e soprattutto non cruenti, che non mettono a rischio la vita della fauna selvatica e che non uccidono tra atroci sofferenze incolpevoli piccoli roditori. Preferire quindi le gabbie a trappola per poi liberare topi o ratti lontano da casa, e senza doverli uccidere, è molto più efficace, sicuro, selettivo e sostenibile, sotto tutti i punti di vista. Le trappole non cruente per catturare roditori e altri piccoli animali indesiderati possono essere utilizzate all'infinito, una scelta vincente che è quindi sempre preferibile alla colla o ai veleni rodenticidi.

Immagine
Le trappole per catture roditori per poi liberarli lontano da casa, sono molto più efficaci e soprattutto non cruente

Lee alternative ci sono e sono diverse, pertanto scegliere ugualmente proprio questo tipo di trappola è una decisione che provoca grandi sofferenze agli animali di cui ci si vuole liberare e non solo. Chi, invece, dotato di maggiore sensibilità dovesse malauguratamente incappare in questo inutile esercizio di crudeltà e trovarsi davanti uno di questi animali intrappolato, la prima cosa che deve fare è non sprecare il tempo.

Fattore chiave per salvare la vita a un uccellino o un altro piccolo selvatico è agire rapidamente. La seconda è non tentare mai un salvataggio fai-da-te, che può essere molto pericoloso per gli animali. La mancanza di praticità e l'uso magari di prodotti non idonei, potrebbero infatti causare un’intossicazione o danni permanenti. La cosa da fare, invece, è sempre consegnare il più presto possibile l'animale a un centro di recupero per la fauna selvatica o a un veterinario.

Avatar utente
Salvatore Ferraro
Redattore
Naturalista e ornitologo di formazione, sin da bambino, prima ancora di imparare a leggere e scrivere, il mio più grande sogno è sempre stato quello di conoscere tutto sugli animali e il loro comportamento. Col tempo mi sono specializzato nello studio degli uccelli sul campo e, parallelamente, nell'educazione ambientale. Alla base del mio interesse per le scienze naturali, oltre a una profonda e sincera vocazione, c'è la voglia di mettere a disposizione quello che ho imparato, provando a comunicare e a trasmettere i valori in cui credo e per i quali combatto ogni giorno: la conservazione della natura e la salvaguardia del nostro Pianeta e di chiunque vi abiti.
Sfondo autopromo
Segui Kodami sui canali social