Validato da Sonia Campa
Membro del Comitato Scientifico di kodami
Consulente per la relazione uomo-gatto

Alcuni gatti giocano in modi strani. Chi salta sul frigorifero, chi si aggrappa sulle tende del salotto e chi gioca nella vaschetta della lettiera, con purtroppo ovvie implicazioni igieniche. Giocare nella lettiera è un comportamento comune per i gattini e può includere il saltare, graffiare e rotolarsi nella vaschetta che contiene la sabbia, o addirittura il nascondersi al suo interno nel caso delle lettiere chiuse.

Sebbene non sia spesso preoccupante, questo comportamento può anche essere un segnale più profondo. Cosa spinge allora i nostri felini, solitamente sempre attenti all'igiene personale, a giocare nel luogo dove fanno i bisogni? Per capirlo dobbiamo innanzitutto comprendere brevemente le basi etologiche del gioco.

Gli etologi che studiano l'evoluzione del comportamento ritengono che ci debba essere un importante vantaggio nel gioco, considerando le energie che spendono gli animali (anche noi) nelle attività ricreative: giocare è principalmente un modo per gli animali di esercitare i loro istinti selvaggi. Una teoria definita "il gioco come preparazione" vede in questa attività un modo per prepararsi alla vita adulta. Predatori come le specie di felini giocano inseguendo, balzando, scalpitando, lottando e mordendo, mentre imparano a inseguire e uccidere la preda. Animali da preda come cervi e zebre giocano correndo e saltando mentre acquisiscono velocità e agilità. I mammiferi ungulati si esercitano anche a calciare le zampe posteriori per imparare a respingere gli attacchi.

In effetti, il tempo trascorso nel gioco fisico accelera l'acquisizione delle abilità motorie. Pur imitando il comportamento degli adulti, azioni offensive come calci e morsi non sono completamente soddisfatte, quindi i compagni di gioco generalmente non si feriscono a vicenda. Negli animali sociali, il gioco potrebbe anche aiutare a stabilire classifiche di predominio tra i giovani per evitare conflitti da grandi.

Perché i gatti giocano proprio nella lettiera

Ma perché farlo in uno dei posti peggiori dell'appartamento? I motivi che potrebbero spingere un gatto a giocare nel luogo dove fa i bisogni potrebbero essere diversi. Quando vogliono, i felini sono animali molto attivi, che amano esplorare il proprio territorio. Senza gli stimoli giusti, le nostre quattro mura potrebbero essere un ambiente poco soddisfacente, soprattutto se noi compagni umani non riusciamo a passare un po' di tempo con loro.  La vivace curiosità poi dei primi anni di vita, periodo in cui si è in perenne scoperta ed ogni occasione è buona per esplorare ed imparare, porta a manifestare questo comportamento maggiormente nei micetti, ed è più raro osservarlo negli adulti. Se è questo il motivo, di solito i gatti smettono di farlo da sé.

Sappiamo bene che i gatti adorano le scatole, strutture in cui amano nascondersi e sentirsi protetti. Siamo sicuri di aver messo a disposizione del nostro compagno una scatola adeguata o un rifugio soddisfacente? In assenza di altro, i gatti potrebbero cercare di soddisfare anche questo bisogno nel box della lettiera…

Altre motivazioni

Ma attenzione a non fraintendere alcuni comportamenti come "giochi": quando ad esempio osserviamo il gatto graffiare il contenitore è possibile che voglia comunicarci di non essere contento delle condizioni attuali della lettiera, o magari mandarci un segno di avversione per il tipo di sabbietta che abbiamo scelto.

Rotolarsi in una lettiera pulita può essere un modo per grattarsi: i gatti all'aperto si rotolano nella terra per rimuovere lo strato superiore di pelo extra e batteri che potrebbero prudere e farli sentire sporchi, e quando gli animali non hanno accesso all'aria aperta, si rotolano nella lettiera per farlo.

Anche se può sembrare controintuitivo rotolarsi sul terreno per sentirsi puliti, molti mammiferi lo fanno. Pensate agli altri animali che, addirittura, sguazzano nel fango, come cani, elefanti e cinghiali, oppure ai panda che per "pulirsi" si rotolano nello sterco di cavallo (ma i gatti solitamente non arrivano a tanto!).

Come evitare questi comportamenti

In sintesi il nostro consiglio primario, specialmente nel caso di animali piccoli, è quello di non fare nulla di particolare: crescendo, il nostro gatto smetterà presto di giocare nella lettiera. Garantite i giusti spazi (e le giuste scatole) per permettergli di giocare e soddisfare il suo istinto esplorativo. Un altra semplice soluzione potrebbe essere quella di provare diversi contenitori e differenti sabbie.

Nel caso dei rotolamenti nella lettiera potremmo provare ad aiutare il nostro compagno con una bella spazzolata, o permettendogli (se le situazioni lo permettono) di passare del tempo in zone aperte. Attenzione però in caso di un rotolamento eccessivo. Comportamenti estremi potrebbero essere manifestazioni di dermatiti: ciò significa che è ora di andare dal veterinario.